ANNO XVIII Aprile 2024.  Direttore Umberto Calabrese

L’AQUILA - La XVI Edizione del Festival internazionale di musica Pietre che cantano, diretta da Luisa Prayer, è un tributo alla forza e all’importanza delle donne, nel mondo dell’arte e nel corso della storia, nel centenario della nascita di Elizabeth Schwarzkopf, Edith Piaf e Billie Holiday: tre grandi voci, uniche, diversissime tra loro, che hanno attraversato i diversi mondi del Novecento musicale, tre autentiche dive, in omaggio alle quali il festival ha sinora proposto un cartellone caratterizzato dalla presenza di donne della musica e del teatro.

Venerdì 21 agosto, sarà la serata dedicata proprio alle tre straordinarie voci, alle ore 18.30 all’Auditorium del Parco dell’Aquila andrà in scena la performance musicale multimediale Piaf, Schwarzkopf, Holiday: tre donne del 1915, nuova commissione del Festival Internazionale di musica Pietre che cantano, che è inserita anche nel cartellone della 721° edizione della Perdonanza Celestiniana, che nei giorni 28 e 29 agosto apre la Porta Santa della Basilica di Collemaggio rinnovando, annualmente, il Giubileo voluto alla fine del '200 da Papa Celestino V.

L’evento di Pietre che cantano è realizzato in collaborazione con due prestigiosi istituti di ricerca di Parigi, l’IRCAM - Institut de recherche et coordination acoustique musique e l’EHESS - École des hautes études en sciences socials e coinvolgerà nell’allestimento gli allievi del Dipartimento musica e nuove tecnologie del Conservatorio "A. Casella"- L'Aquila.

Il compositore francese Georges Bloch, ricercatore dell’IRCAM di Parigi e docente del Pole Musique di Strasburgo, insieme al pianista Hervé Sellin, che dopo gli studi classici con Aldo Ciccolini a Parigi è stato tra i fondatori della scuola di jazz del Conservatoire, dove attualmente insegna, sono i due musicisti che grazie alle loro esperienze trasversali nel campo della musica riusciranno a comporre, dalle storie di tre grandi voci del Novecento, un’unica trama musicale e narrativa.

Alla ricerca di radici comuni nell’esperienza musicale delle tre dive, si parte dal Lied mahleriano, e si procede in un percorso del tutto originale, che mette insieme la storia del disco, la storia delle donne, e infine si avvale dell’utilizzo di software della tecnologia elettronica di ultima generazione, generati dalla ricerca dell’IRCAM e dell’EHSS, che permetteranno a Bloch di far rivivere sulla scena la voce delle tre dive, come se improvvisassero al momento, accompagnate da Sellin al pianoforte.

 

Venerdì 21 agosto, ore 18.30

L’Aquila - Auditorium del parco

Performance musicale multimediale

di e con GEORGES BLOCH, voce e HERVÉ SELLIN, pianoforte

 

 

Nuova commissione del XVI Festival - prima assoluta

 

evento realizzato in collaborazione con

IRCAM, Institut de recherche et coordination acoustique musique - Parigi

EHESS, École des hautes études en sciences socials - Parigi

Dipartimento musica e tecnologie del Conservatorio “A. Casella”- L’Aquila

 

 

evento inserito nella 721° edizione della Perdonanza Celestiniana

INGRESSO GRATUITO

Published in Spettacolo

XVI festival internazionale Pietre che cantano

L’ALTRA META’ DEL SUONO

nel centenario della nascita di Piaf, Schwarzkopf, Holiday

CELANO, OCRE, FONTECCHIO, L’AQUILA,

ROCCA DI MEZZO, S. DEMETRIO NE’ VESTINI, TIONE DEGLI ABRUZZI

1/22 AGOSTO 2015

Direzione artistica di Luisa Prayer

COMUNICATO STAMPA

Mercoledì 19 agosto, ore 19

Ocre - Monastero di S. Spirito

Concerto di LORENZA BORRANI, violino

in trio con UMBERTO CLERICI, violoncello e LUISA PRAYER, pianoforte

Musiche di Lili Boulanger, Haydn, Brahms

Con il concerto di mercoledì 19, si avvia l’ultima settimana di programmazione della XVI Edizione di Pietre che cantano nell’incantevole monastero-fortezza di Santo Spirito d’Ocre, luogo da dove nel 2000 cominciò l’avventura del Festival

Mercoledì 19 agosto ad Ocre, alle ore 19, presso il Monastero di S. Spirito, ultimo appuntamento della sezione musicale “Presenze”. In primo piano la partecipazione della violinista Lorenza Borrani, che si esibirà in trio con Umberto Clerici al violoncello e Luisa Prayer al pianoforte.

In programma, accanto al Trio in Re minore di Haydn e al Trio op. 101 in Do minore di Brahms, due brani di raro ascolto composti nel 1918 dalla compositrice francese Lili Boulanger , prima donna a vincere nel 1913, a soli 19 anni, l’ambito Prix de Rome: a lei il festival dedica un cammeo, con l’esecuzione di brani da lei composti, in questo concerto del 19 e in quello finale del 22.

Lorenza Borrani è violinista tra le più importanti del nostro paese e si distingue per il profilo europeo della sua carriera che l’ha vista in ruoli di primo piano nelle più importanti compagini europee, come la Chamber Orchestra of Europe, l’Orchestra Mozart, la Spira Mirabilis o, da docente, nella European Youth Orchestra e nelle Scuole internazionali di Fiesole e Imola. Si esibirà in trio con il violoncellista Umberto Clerici, eccezionale solista e camerista, oggi prima parte dell’Orchestra di Sydney, e Luisa Prayer che, come Clerici, ha al suo attivo anni di frequentazione del repertorio per trio.

A far da cornice alla serata, l’incantevole monastero-fortezza di S. Spirito d’Ocre del XII Secolo, situato in posizione dominante sulla valle dell’Aterno, a circa 15 km dall’Aquila, che da sempre è il luogo centrale della programmazione del Festival, che qui ha tenuto i più importanti concerti delle sue stagioni.

Dopo il concerto ci sarà la tradizionale cena-buffet con gli artisti, a cura dello chef Marcello Spadone de La Bandiera (prenotare entro il 18 agosto ai numeri 0862 1965538 – 340 7368283).

Gli ultimi appuntamenti del festival, dal 20 al 22 agosto, tutti dedicati all’anno 1015, sono riuniti nel ciclo intitolato “Musica e Storia”: giovedì 20, a Rocca di Mezzo, una lezione-concerto di presentazione del programma del concerto finale del 22, con Umberto Clerici, Marcello Candela, Luisa Prayer; venerdì 21 Agosto, all’Aquila, la prima assoluta del concerto - spettacolo multimediale “Edith Piaf, Elizabeth Schwarzkopf, Billie Holiday - Tre donne del 1915”, scritto su commissione del festival dai francesi Georges Bloch e Hervé Sellin, ed inserito negli eventi della 721° Perdonanza celestiniana dell’Aquila; sabato il 22, a Rocca di Mezzo, insieme a Lucia Goracci, inviata Rai in Medio Oriente, e a un gruppo di sei musicisti italiani e francesi (il violoncellista Umberto Clerici, le cantanti Valentina Coladonato e Doris Lamprecht, i pianisti Jean-François Ballèvre. Marcello Candela, Luisa Prayer), l’anno di guerra 1915 come si rifletté nelle composizioni di Casella, Debussy, Lili Boulanger, e come punto di svolta, da cui far scaturire una riflessione sulla presenza delle donne sugli scenari di guerra ieri come oggi.

Biglietti: intero € 10 -  ridotto € 8 (per studenti fino a 26 anni)

Ingresso gratuito per bambini fino ai 12 anni

Informazioni e prenotazioni: +39.338.2511945 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - www.pietrechecantano.it

Cena-dopoconcerto al Monastero di Santo Spirito d’Ocre

cena-buffet a cura di La Bandiera di Marcello Spadone €25

per prenotazioni contattare 0862 1965538 – 340 7368283

Published in L'Aquila

L'Aquila - A Castel del Monte, presso il teatro comunale "F. Giuliani", si è svolta ieri la sesta edizione della Festa dell'Emigrante con consegna dei premi "La valigia di cartone 2015".

Published in L'Aquila

Il 16 luglio l’urna con le spoglie rientrerà da Pollenza nel Monastero di S. Chiara a Paganica. La clarissa fiorentina fu una figura rilevante nella storia spirituale del Quattrocento

Published in L'Aquila

Utenti Online

Abbiamo 1071 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine