ANNO XIII Ottobre 2019.  Direttore Umberto Calabrese

Mercoledì, 16 Novembre 2016 07:06

Firenze – Raccolta fondi per la Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, presentato a Palazzo Vecchio l’evento di raccolta fondi ‘Music For Peace’

La musica per dire basta alla violenza sulle donne: il 25 novembre alle 20.30 al Teatro Everest (via Volterrana n. 4/b al Galluzzo) si terrà ‘Music for peace’, un evento socio-culturale di raccolta fondi da destinare alle nuove marginalità: il ricavato andrà a sostegno del progetto ‘Nautilus 1’ che si occupa di ragazze minori straniere vittime di tratta presenti sul territorio fiorentino e sosterrà quelle persone che hanno difficoltà diverse da quelle della disabilità, ma non per questo meno gravose e di difficile risoluzione.
Nel corso della storia la musica pop e rock ha mobilitato e sensibilizzato intere generazioni con i suoi messaggi, influenzando mode e pensieri; si è schierata a difesa della pace e del rispetto della vita, denunciando la guerra e ogni forma di violenza e incoraggiando e dando speranza; attraverso la voce dei suoi interpreti la musica ha avvicinato le persone rompendo ogni muro e ogni barriera, vincendo ogni forma di discriminazione e l’obiettivo di ‘Music for peace’ è sensibilizzazione sul tema della lotta alla violenza sulle donne che ancora oggi continua ad essere molto attuale: Secondo “Save the Children” dal 2012 al 2015 erano 1679 le vittime accertate di tratta in Italia tra le quali risulta esserci un elevato numero di minori, la Nigeria rappresenta il principale paese di provenienza
La serata, organizzata dalla Consulta dei disabili del Comune con il patrocinio dell’amministrazione comunale fiorentina, in occasione della Giornata mondiale contro la violenza sulle donne e il femminicidio, è un viaggio attraverso le canzoni degli artisti e delle band di fama internazionale che sono universalmente considerate slogan e simbolo della pace: U2, Bob Marley, John Lennon, Bruce Springsteen e molti altri.
‘Music for peace’ è stato presentato in Palazzo Vecchio dall’assessore al Welfare Sara Funaro, dal presidente della Consulta comunale degli invalidi e degli handicappati Michele Cirrincione, dal rappresentante in Consulta dell’Unione italiana ciechi ed ipovedenti onlus di Firenze Andrea Matteini, dalla dottoressa Elettra Badini della Diaconia Valdese Fiorentina e referente (con Pietro Vené) del progetto ‘Nautilus 1’ e dalla cantante Irene Vavolo.
“Un grazie di cuore alla Consulta dei disabili del Comune di Firenze e a tutti gli artisti che si esibiranno in concerto la sera della Giornata internazionale contro la violenza sulle donne - ha detto l’assessore Funaro -. ‘Music for peace’ è davvero una bella iniziativa artistica e allo stesso tempo benefica a sostegno del nuovo progetto della Diaconia Valdese Fiorentina ‘Nautilus 1’, che si occupa dell’accoglienza delle ragazze minori straniere, sole e non accompagnate, vittime della tratta della prostituzione. Questo tema è uno dei più critici che abbiamo in questo momento sul nostro territorio e non solo, poiché è una tematica di livello nazionale. Questo progetto è gestito da professionisti di grande valore e apprezziamo la scelta di sostenerlo, è un segnale importante. Mi auguro che il Teatro Everest sia pieno la sera del 25 novembre”.
Il ricavato della serata sarà devoluto al progetto sperimentale ‘Nautilus 1’ all’interno del quale sono previsti servizi di accompagnamento sia per quanto riguarda l’ambito sanitario per l’attivazione dei percorsi necessari alle ragazze, sia per quanto concerne l’ambito sociale e il supporto psicologico attraverso progetti individualizzati. Sono presenti inoltre corsi di alfabetizzazione, laboratori di cucina, di taglio e cucito, di educazione all’agricoltura biologica. In collaborazione poi con l’associazione Differenza Donna è presente un servizio di accompagnamento all’assistenza legale delle ospiti. Tutte le attività sono supportate da una mediatrice linguistico-culturale. svariati gli obiettivi che si pone il progetto ‘Nautilus 1’ tra cui quelli di realizzare percorsi di inserimento sociale finalizzati al raggiungimento dell’autonomia; il recupero dei ritmi di una quotidianità improntata alla condivisione ed alla collaborazione reciproca; l’inserimento lavorativo e l’integrazione attiva sul territorio mediante convenzioni aziendali e il raggiungimento dell’autonomia nella gestione delle pratiche sanitarie e burocratiche relative alla propria persona.
“Con ‘Music for peace’ le associazioni componenti la Consulta comunale degli invalidi e degli handicappati del Comune realizzano un’iniziativa dedicata a persone non disabili - ha detto il presidente della Consulta Michele Cirrincione -, ma che stanno affrontando percorsi estremamente difficoltosi, sia sul piano psicologico che umano. Il progetto al quale è dedicata la serata si occupa infatti di ragazze minorenni fuoriuscite da percorsi di violenza e vittime del circuito della tratta”.
Sul palco del Teatro Everest si esibirà un gruppo di artisti professionisti toscani di cui fanno parte la cantante Irene Vavolo e i musicisti Matteo Tuci (basso), Maurizio De Giglio (chitarra) e Andrea Bruni (batteria).
Il costo del biglietto è di 10 euro. Sostengono la serata: Unicoop Firenze Sezione soci Sud Ovest, Seventy studio di registrazione e sale prove, Dei ortopedia, Lorenzo de’ Medici the Italian International Institute, Lost Ages studio di produzione musicale, Senex onlus, Tutto a 360° videoproduzioni e grafica.
Per maggiori informazioni è possibile contattare Michele Cirrincione al 340 5110682 oppure Andrea Matteini al numero 333-4720225 oppure scrivendogli una mail all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.    (fp)

Sostieni il tuo quotidiano Agorà Magazine I nostri quotidiani non hanno finanziamento pubblico. Grazie Spazio Agorà Editore

Sostengo Agorà Magazine
Read 1120 times

Le Vignette di Paolo Piccione

…questo non è amore 2018”… e Pinocchio

 

Utenti Online

Abbiamo 1168 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa