ANNO XIV Gennaio 2020.  Direttore Umberto Calabrese

Giovedì, 24 Novembre 2016 15:59

Brindisi: urge la convocazione di un convegno sui mali della città e i mali della città

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Riceviamo e pubblichiamo integralmente comunicato stampa pervenuto dal FORUM AMBIENTE, SALUTE E SVILUPPO di Brindisi

La Giunta Carluccio dovrebbe essere ormai all’opera dopo una fase di  avvio  faticosa e confusa ma non è ancora chiara quale sia l’idea di città che dovrebbe guidare il lavoro dell’Amministrazione e quali siano i problemi più gravi e urgenti  che intende affrontare per chiudere una fase di immobilismo  che sta facendo  di Brindisi il capoluogo pugliese più impoverito, più rassegnato e più carente di progetti rivolti a costruire un futuro migliore.

Proviamo allora  a porre qualche interrogativo. Cosa si vuole fare per promuovere  il lavoro,  nell’ambito dei poteri  comunali, in un territorio dove la disoccupazione e il precariato segnano  amaramente la vita cittadina? Come si intende affrontare il fenomeno della povertà che sta assumendo dimensioni sempre più drammatiche e che interpella la  responsabilità dei poteri pubblici i quali non possono pensare che  il pur  prezioso volontariato possa fare miracoli?   Si stanno mettendo a  punto iniziative per migliorare la vivibilità di zone periferiche  prive  peraltro di adeguati collegamenti col centro cittadino e segnate dall’abbandono e dal degrado? Si sta approntando qualche serio progetto capace di ridurre l’inquinamento ambientale provocato da politiche sbagliate che sono risultate fallimentari per lo sviluppo e  lesive del diritto alla salute?

E  ancora: che cosa è in cantiere per il turismo e l’agricoltura che dovrebbero essere in cima ai pensieri  dell’Amministrazione trattandosi di due settori vitali per l’economia locale? Si stanno progettando percorsi e iniziative rivolti a promuovere la cultura con attività che, andando oltre le pur utili iniziative  fieristiche, promuovano  specialmente a vantaggio dei giovani  la capacità di sviluppare lo spirito critico e l’autodeterminazione? E  che cosa si vuol fare  per l’annoso problema della micro e macro criminalità con l’intento di tutelare, in collaborazione con le Forze dell’Ordine, quella sicurezza pubblica che a Brindisi ha subito e continua a subire intollerabili attacchi?

Sappiano bene  che  non si possono fare miracoli per la soluzione di problemi che sono stati a lungo ignorati e sottovalutati ma vorremmo che  l’Amministrazione comunale desse qualche significativo  segno di riscossa  aprendosi al confronto e alla collaborazione con la società civile  all’insegna di quella partecipazione democratica che è la linfa vitale della democrazia. Un impegno che sarebbe agevolato se il Consiglio Comunale e la Giunta dedicassero più attenzione ai problemi concreti e meno alle ambizioni e agli equilibri di potere .

In questi giorni a Brindisi  diverse voci, insieme alla nostra, la cui costanza in queste denunce risulta ampiamente documentata,  si sono levate  per chiedere che si dia vita ad un movimento di opinione capace di promuovere 

l’auspicato bilancio  e l’indispensabile ripresa  dell’identità, del ruolo e delle potenzialità di sviluppo della città. Scelta questa   che richiede  una approfondita analisi della situazione e l’elaborazione di un progetto  per la “rinascita”  civile, sociale ed economica di Brindisi .

Torniamo perciò a chiedere la convocazione di una “conferenza cittadina sui mali di Brindisi  e sui possibili rimedi” e facciamo appello  alle forze politiche locali  perché  spingano in tale direzione  e all’Amministrazione Comunale, in persona del Sindaco, perché assuma  con sollecitudine una concreta iniziativa.

Sostieni il tuo quotidiano Agorà Magazine I nostri quotidiani non hanno finanziamento pubblico. Grazie Spazio Agorà Editore

Sostengo Agorà Magazine
Read 771 times

Le Vignette di Paolo Piccione

…questo non è amore 2018”… e Pinocchio

 

Utenti Online

Abbiamo 1115 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa