ANNO XIV Luglio 2020.  Direttore Umberto Calabrese

Mercoledì, 30 Novembre 2016 00:00

Giornalisti non graditi fra cui l'inviata del Corriere della Sera, i 'buoni' e i 'cattivi' di Raul Castro

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Roma - Hanno fatto le valigie in fretta e furia e preso il primo aereo disponibile per raccontare, fotografare e filmare i primi giorni di Cuba senza Fidel. Sono oltre cinquecento i giornalisti, cameramen e fotografi arrivati nel giro di 48 ore sull'isola per illustrare al mondo come il popolo cubano si prepara a dare l'ultimo saluto al suo lider maximo.

Ma al loro arrivo molti di loro hanno avuto una brutta sorpresa. Così, dopo due giorni di attesa al Centro de prensa internacional dell’Avana, all'inviata del Corriere della Sera, Sara Gandolfi, è stato negato il visto di lavoro (leggi il racconto dell'inviata sul Corriere)  perché, le è stato spiegato, "la copertura che il tuo giornale ha dato di Cuba in questi anni è 'desbalanciada', sbilanciata". Non sono state fornite ulteriori spiegazioni, per iscritto o oralmente.

E il suo non è un caso isolato. Nella lista dei 'cattivi' figurano, secondo il racconto della giornalista italiana, anche l’inviato del tedesco Bild, Peter Tiede, il giornalista José Antonio Gill del canale televisivo argentino Canal 13 e il suo cameraman. E molti altri giornalisti sono in attesa da più di due giorni di risposta alla richiesta di visto. Resta in sospeso la situazione di The Daily Telegraph e The Guardian, arrivati anche loro domenica mattina al Centro. Tra i 'buoni', invece, gli inviati di La Repubblica e della Rai.

Ovviamente noi di Agorà Magazine esprimiamo solidarietà alla collega Sara Gandolfi del Corriere della Sera, all’inviato del tedesco Bild, Peter Tiede, al giornalista José Antonio Gill del canale televisivo argentino Canal 13 e al suo cameraman, ed ai molti, giornalisti, fotografi e cameraman, in attesa solo di fare il loro lavoro, che è solo informare i propri lettori e telespettatori … il «funerale politico» di Fidel Castro, alla presenza di vari dignitari stranieri fra cui il viceministro degli Esteri italiano Mario Giro. Ed ha raggione il Corriere della Sera quando scrive: La libertà di stampa, con o senza Fidel, non è ancora di casa a Cuba.




Sostieni il tuo quotidiano Agorà Magazine I nostri quotidiani non hanno finanziamento pubblico. Grazie Spazio Agorà Editore

Sostengo Agorà Magazine
Read 1613 times Last modified on Martedì, 29 Novembre 2016 22:27

Le Vignette di Paolo Piccione

…questo non è amore 2018”… e Pinocchio

 

Utenti Online

Abbiamo 1065 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa