ANNO XVI Novembre 2022.  Direttore Umberto Calabrese

Sabato, 24 Dicembre 2016 09:11

Lo sgambetto di Obama a Trump che fa condannare Israele dall'Onu

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Uno sgambetto, un colpo di coda, un affronto. Comunque la si voglia chiamare, la scelta del presidente americano, Barack Obama, di lasciar condannare Israele dal Consiglio di sicurezza dell'Onu è prima di tutto un colpo per il suo successore, Donald Trump.

Per la prima volta, gli Stati Uniti si sono astenuti e non hanno posto il veto per bloccare la risoluzione che chiede allo Stato ebraico di porre fine alla costruzione di colonie in Cisgiordania. Una scelta irrituale che, oltre a irritare Israele, ha scatenato l'ira del prossimo presidente Usa che si è affrettato a chiarire: "Le cose cambieranno quando sarò io in carica".

 Come è composto il Consiglio di sicurezza

Il Consiglio di sicurezza dell'Onu è composto da cinque membri permanenti e dieci membri non permanenti, eletti in rappresentanza dei Paesi delle Nazioni Unite. I cinque membri permamenti (Stati Uniti, Russia, Cina, Francia e Gran Bretagna) hanno diritto di veto, possono cioè bloccare i provvedimenti.

Il testo della risoluzione Onu

Gli insediamenti "costituiscono una violazione palese del diritto internazionale e un grande ostacolo al fine di ottenere la pace attraverso la soluzione dei due stati per due popoli", quello israeliano e quello palestinese.

Donald Trump il filo-israeliano

Date le premesse, Donald Trump sarà il presidente più filo israeliano della storia. Nel corso della campagna elettorale ha cavalcato le posizioni più oltranziste di Israele e non è detto che smussi gli angoli una volta arrivato alla Casa Bianca.

Cosa sono le colonie israeliane e dove si trovano

Le colonie israeliane sono all'origine del conflitto tra israeliani e palestinesi e certamente il principale ostacolo per raggiungere la pace. Si tratta di insediamenti edificati sul territorio che per gli ebrei sono le bibliche Giudea e Samaria. Un territorio dove, sulla base degli accordi di Oslo, dovrebbe sorgere il futuro Stato palestinese. 

Questa una mappa pubblicata da Limes

Sostieni il tuo quotidiano Agorà Magazine I nostri quotidiani non hanno finanziamento pubblico. Grazie Spazio Agorà Editore

Sostengo Agorà Magazine
Read 1138 times

Utenti Online

Abbiamo 1272 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine