ANNO XIV Gennaio 2020.  Direttore Umberto Calabrese

Giovedì, 12 Gennaio 2017 00:00

Firenze - Xekalos, Magni e Madiai (M5S): Statalizzazione delle scuole dell’infanzia Villani, Lavagnini e Dionisi

Written by 
Rate this item
(0 votes)

“Ecco che ancora, passo dopo passo, si consuma lo smembramento del servizio pubblico scolastico. Prima si è dato in appalto il pomeriggio ai privati – commentano la consigliera comunale del Movimento 5 Stelle Arianna Xekalos ed i consiglieri del quartiere 3 del Movimento 5 Stelle Laura Magni e Luca Madiai – creando così differenze fra insegnanti della mattina ed educatori del pomeriggio e generando una frattura nella continuità, adesso lo smembramento va avanti.


Gli insegnanti comunali, che ormai possono lavorare solo la mattina, hanno vinto un concorso pubblico e sono soggetti a continui aggiornamenti, gli educatori del pomeriggio sono lì grazie al loro titolo e perché assunti da cooperativa.


Rispettiamo entrambe le figure, ma è impossibile negare che si tratta di professionalità diverse, creanti separazione.
È quasi come se ci fossero due scuole diverse, una la mattina e poi una sorta di doposcuola il pomeriggio, con tutte le attività extra concentrate nel dopo pranzo, quando i bambini sono più stanchi.


Ecco così cucinato un sistema educativo che genera separazione, perfetto per essere ceduto in blocco allo stato o ad un privato, perché così com’è non piace a nessuno.
Il primo passo? La cessione dell’eccellenza delle materne, le scuole Villani, Lavagnini e Dionisi allo Stato dall’anno scolastico 2017/2018, con l’impegno di informare i genitori – concludono Xekalos, Magni e Madiai – tramite posta elettronica dopo il mese di maggio”. (s.spa.) 

Sostieni il tuo quotidiano Agorà Magazine I nostri quotidiani non hanno finanziamento pubblico. Grazie Spazio Agorà Editore

Sostengo Agorà Magazine
Read 714 times

Le Vignette di Paolo Piccione

…questo non è amore 2018”… e Pinocchio

 

Utenti Online

Abbiamo 921 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa