ANNO XI  Novembre 2017.  Direttore Umberto Calabrese

Giovedì, 16 Marzo 2017 10:54

Francesca Monte:”Da The Voice a X Factor, ma per farcela devi essere una Cattiva Ragazza determinata come me”

Written by 
Rate this item
(0 votes)

È lei la "Cattiva ragazza" che ha incontrato l'amore del pubblico proprio per la sua determinazione a costruirsi un percorso musicale autonomo sfruttando il suo talento di cantautrice e la sua voce che stringe il cuore all'ascoltatore, che sia suono malinconico, sofferto o energico.

Francesca Monte lascia alle spalle il successo di "X Factor 8 e The Voice" e si conferma artista con una base pronta per spiccare il volo verso progetti di successo.

Ad Agorà Magazine Francesca Monte evidenzia la sua energia e soddisfazione nell'aver portato a termine un lavoro cosi importante in maniera indipendente.

La copertina dell'EP raffigura la parte sofferente di una donna e la sua parte nascosta, forse piu' forte, ribelle. Che significato ha questa immagine per te?

Ho voluto fortemente che la mia musica fosse affiancata da una copertina speciale. Raffigura un dualismo che è inconscio in ognuno di noi.
Rappresenta a pieno la mia essenza. Spesso sono costretta a mascherare la mia forte sensibilità per proteggermi da un mondo che è sempre meno umano.

In una precedente intervista avevamo accennato ad un tuo progetto personale ed ora è qui davanti a noi l'EP "Una cattiva ragazza". Come hai vissuto questo lavoro?

Sono un’artista indipendente e ne vado fiera. Non mi sarei mai aspettata dei risultati così importanti. Infatti l’ep, appena dopo la pubblicazione in tutti i digital store ha raggiunto la vetta della classifica degli album hip-hop più venduti in italia su itunes, posizionandosi alla quarta posizione e affiancando artisti che hanno già un trascorso discografico importante.
Di questo ep ho curato tutto, dai testi alle melodie e tutta la parte produttiva e organizzativa.
L' Ep ad eccezione di “Una cattiva ragazza” singolo apripista e omonimo dell’ep che è stato arrangiato dal produttore Giampaolo Parisi, è stato arrangiato interamente dal produttore Antonio Senatore Aka Senbeats, che ha saputo vestire egregiamente i miei testi con grande sensibilità artistica.

Hai gia' in mente un progetto in inglese, puoi accennarci qualcosa?


Nei prossimi mesi pubblicherò tantissima musica, sia in italiano che in inglese.
Ho un progetto in inglese mainstream e uno più alternativo.
Come molto spesso ho ribadito, non vorrei mai essere catalogata in un genere musicale. Io amo la musica a 360° e non mi limiterò mai ad un solo genere musicale, proprio perché amo sperimentare, nella vita , come nella musica e anche nella moda.


Molti tuoi fan ci chiedono se tu fai anche la fotomodella, confermi?

Si, è vero,è una domanda che spesso ricevo. Semplicemente mi diverto con la moda. Sto collaborando con tantissimi brand, dalla Puma a Silvian Heach fino ad arrivare a brand internazionali come Balr e Harry Williams e la cosa mi gasa un sacco.
Il segreto della moda è sentirsi a proprio agio.

Francesca, ora hai in mano il tuo EP e sei davanti allo specchio. Vedi la ragazza che sei, ti vedi dentro, vedi il tuo viso ora.....cosa ti dici?

Vedo una ragazza forte, determinata. Le cicatrici ci sono anche se non si vedono. Il mio percorso spero possa essere d’esempio per tutti quei ragazzi che quotidianamente mi scrivono per ricevere consigli su come farcela, su come inseguire il successo. Il problema risiede proprio in questa ultima parola il “successo”. Oggi i talent hanno fornito una visione distorta di come realizzare i propri sogni, proprio perché è tutto così fast, veloce.
Io ho partecipato a due talent, The Voice e X Factor Italia, che sicuramente mi hanno dato un ottima visibilità, ma successivamente sta all’artista continuare il percorso con dedizione e passione, perché spesso le major puntano solo sul vincitore e ti ritrovi con in mano solo false speranza.

Grazie Francesca per la tua disponibilità. Un augurio per il tuo successo.

Grazie a voi. A tutti i miei fan e ai vostri lettori.

Sostieni il tuo quotidiano Agorà Magazine I nostri quotidiani non hanno finanziamento pubblico. Grazie Spazio Agorà Editore

Sostengo Agorà Magazine
Read 1529 times Last modified on Giovedì, 16 Marzo 2017 11:03

Le Vignette satiriche di Paolo Piccione

I due becchini della Nazionale italiana

Utenti Online

Abbiamo 1692 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa