ANNO XI  Maggio 2017.  Direttore Umberto Calabrese

 

Venerdì, 21 Aprile 2017 00:00

Vestiti on demand; così Amazon rivoluziona la produzione nella moda

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Amazon punta a invertire il ciclo produttivo dell'industria di abbigliamento. Come? Prima si vendono i vestiti e poi si producono, on demand. Il tutto per risparmiare sui costi di produzione, per azzerare gli sprechi e, soprattutto, guadagnare.

Se la procedura standard delle industrie tessili è prima fare i vestiti e poi venderli, il gigante dell'ecommerce ha deciso di rivoluzionare il meccanismo, partendo dalla fine. Secondo quanto riporta Recorde, Amazon starebbe lavorando dal 2015 a un brevetto per un sistema di produzione informatizzato che raccolga gli ordini e li organizzi affinché vengano fabbricati in modo più efficiente. Possono essere raggruppati per posizione geografica, per esempio, o per il tipo di tessuto richiesto, o dai processi di assemblaggio necessari.

Leggi anche: Così la rivoluzione 3D entra in negozio

Stampanti tessili, linee di montaggio efficienti per una produzione più veloce

Così Amazon punta ad aumentare l'efficienza nella produzione di abbigliamento

Il primo passaggio è aggregare gli ordini provenienti da diverse posizioni geografiche e coordinare i processi di assemblaggio su larga scala. Si avvia così la produzione. Una stampante tessile crea i tessuti necessari che vengono poi automaticamente tagliati grazie a una taglierina tessile e, come ultimo passaggio,  l'assemblaggio degli indumenti finiti. A supervisionare sulle procedure, alcune telecamere che forniscono un feedback e un "analizzatore di immagini" che individua se qualcosa va storto. Il sistema si adatterà per correggere il problema, oppure segnalerà a un assistente la necessità di intervenire per l'assistenza o verrà contrassegnato un errore di stampa e il prodotto sarà da scartare. Ultimo step, il controllo qualità; superato questo i vestiti possono essere imballati e spediti. Non è chiaro se Amazon stia già lavorando attivamente alla realizzazione del sistema, ma ovviamente non mostrerà le sue carte in anticipo.

Amazon e l'industra dell'abbigliamento 3.0

Intanto il futuro dell'industra dell'abbigliamento è iniziato. E' una realtà l'ultilizzo della tecnologia della stampante 3D in alcuni stabilimenti, come ad esempio in quello che produce la collezione autunnale della linea U di Uniqlo includerà articoli di maglia prodotti con la tecnologia di stampa in tre dimensioni. Un paio di etichette più intraprendenti stanno sperimentando la tecnologia on-demand direttamente nei negozi. Tra questi c'è Adidas con la sua linea di calzature Futurecraft 3D che ha una soletta in poliuretano termoplastico modificato(TPU), flessibile e perfettamente traspirante, che corrisponde ai contorni esatti e ai punti di pressione del piede. Grazie a uno scanner che monitora la camminata del cliente è possibile produrre direttamente in negozio una soletta che si adattata alla forma e alle esigenze di ammortizzamento di ogni cliente. In questa corsa al futuro, la produzione on demand porta l'industria dell'abbigliamento a un nuovo livello. E adesso Amazon potrebbe cercare di renderlo realtà.

Sostieni il tuo quotidiano Agorà Magazine I nostri quotidiani non hanno finanziamento pubblico. Grazie Spazio Agorà Editore

Sostengo Agorà Magazine
Read 414 times

Le Vignette di Silvio Mignano

Roma - Juventus 3:1

Utenti Online

Abbiamo 1507 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine