ANNO XVI Maggio 2022.  Direttore Umberto Calabrese

Domenica, 10 Settembre 2017 00:00

Cosa diceva del diavolo (e di come sconfiggerlo) Padre Amorth, il sacerdote esorcista

Written by 
Rate this item
(0 votes)

"Il Diavolo se ne va solo quando lo vuole il Signore". In un libro postumo il racconto della nomina e le vittorie, ma anche le sconfitte

E’ scomparso un anno fa (16 settembre 2016) il sacerdote esorcista Padre Amorth e le sue ultime confidenze sono contenute in un libro di prossima uscita di cui il Corriere anticipa qualche passaggio. Ma la vita e le misteriose vicende hanno incuriosito anche William Friedkin, che ha presentato fuori concorso all’ultimo Festival del Cinema di Venezia  “The Devil and Father Amorth”. Il regista, a 44 anni dal suo capolavoro ‘L’esorcista’, torna a parlare di possessioni demoniache e lo fa concentrandosi sulla storia di un esorcismo reale.

Ecco come sono diventato esorcista

Nel libro in uscita è lo stesso Padre Amorth a raccontare il momento in cui nel 1986 divenne esorcista. Un estratto lo riporta in un articolo Famiglia Cristiana:  “Questo pomeriggio non ho niente da fare, vado a trovare il cardinal Poletti e lo tengo allegro!’. Andai a casa sua, mi venne ad aprire lui… si chiacchierò… nel discorso si venne a cadere su padre Candido Amantini, esorcista alla Scala Santa, che io conoscevo. ‘Lei conosce padre Candido?’, mi chiese. ‘Sì!’. ‘Malato com’è, ha tanto bisogno di un aiuto!’. Prese un foglio e si mise a scrivere la nomina a esorcista. E io a dire: ‘Ma lei mi conosce, sa che sono un burlone, un buono a niente, solo a fare scherzi e monellerie…’. Niente da fare! Mi sono accorto che non c’era proprio niente da fare! Allora mi sono raccomandato alla Madonna: ‘Proteggimi sotto il tuo manto e lì sto al sicuro!’. E più volte il demonio mi ha detto: ‘A te non possiamo fare niente perché sei troppo protetto!’ Sono protetto sotto il manto della Madonna! È così che nell’86 sono diventato esorcista”.

La prima regola degli esorcisti è “agire con immensa umiltà”

“Penso che tutti gli esorcisti - si legge in uno stralcio riportato dal Corriere - abbiano una prova, che poi è una dimostrazione di fede verso il Signore: tutti devono agire con un’immensa umiltà. “Sono un buono a niente: chi agisce è il Signore, lo Spirito Santo”. C’era un grande esorcista, don Pellegrino Ernetti, che diceva: “L’importante al principio è invocare il Signore, la Madonna e lo Spirito Santo, poi quello che conta sono le preghiere di comando, tutto il resto è tempo perso!”. Lui dava di quelle legnate al demonio! Ma aveva anche riguardi verso se stesso; per esempio cercava di non ricevere sputi, pugni, e quindi faceva gli esorcismi stando alle spalle della persona da esorcizzare. Nella mia esperienza non ho mai visto dei frutti alla fine di un esorcismo, poi però alle volte mi è stato comunicato: “Sa Padre, dopo l’esorcismo sono stato molto meglio, è cessato questo disturbo…"; e io ho sempre risposto: “Ringraziate il Signore, io non c’entro!”. Le liberazioni eclatanti con tanto di urla o di espulsione degli oggetti più svariati ci sono, ma sono casi rari. Io ne ho avuto uno solo, ma vi dico com’è andato a finire: da tempo esorcizzavo una donna sposata e un giorno, che tra l’altro era la festa dell’Immacolata, quindi era particolarmente suggestivo, insieme a padre Giacobbe — un altro esorcista molto più in gamba di me —, l’abbiamo esorcizzata per cinque ore e mezzo: sembrava proprio liberata! Lacrime, abbracci, salti di gioia... dopo qualche giorno era come prima”.

L’episodio di un contadino: “Io sono Lucifero”

Ho avuto un episodio di un contadino che aveva sui 26-27 anni: era un caso tremendo. Avevo ad aiutarmi un frate minore che si chiamava fra’ Sebastiano, più altre tre o quattro persone molto robuste che lo tenevano fermo. Ha anche levitato durante l’esorcismo. Parlava sempre in inglese, io non capivo ma avevo chi mi traduceva, e disse subito: “Io sono Lucifero”. Bisogna sapere che dire il nome, per il demonio, è una sconfitta seria. Lui invece rivelò subito il suo nome. E disse: “Io andrò via il 21 giugno alle ore 11”. Abbiamo iniziato gli esorcismi a febbraio, abbiamo fatto vari incontri e poi gli ho dato un appuntamento dopo il 21 giugno; ho trovato il contadino perfettamente libero. Gli ho chiesto: “A che ora ti sei liberato?”. Mi ha risposto: “Alle 11 precise”. Per sicurezza l’ho esorcizzato ancora qualche volta, perché a volte ci sono delle liberazioni provvisorie: il demonio se ne va temporaneamente, sperando che la persona un po’ per volta torni ad allontanarsi dalla Chiesa e, magari, si dia a una vita di peccato per poi riacciuffarla. E in questo caso è peggio di prima!

“Il demonio se ne va via quando lo decide il Signore”

Ho paura delle liberazioni provvisorie; anche ho timore delle liberazioni fasulle. Alle volte finge di andare via e io allora continuo per un po’ a esorcizzare. In genere non faccio una preghiera di ringraziamento per la liberazione avvenuta, se non è passato almeno un anno. Padre Candido me l’ha sempre detto: “Non si aspetti di vedere che alla fine dell’esorcismo il demonio se ne va via e così tutti contenti: non se lo aspetti! Va via solo quando ha stabilito il Signore! È Lui che ha i suoi piani, è Lui che fa!”.

Sostieni il tuo quotidiano Agorà Magazine I nostri quotidiani non hanno finanziamento pubblico. Grazie Spazio Agorà Editore

Sostengo Agorà Magazine
Read 1329 times

Utenti Online

Abbiamo 924 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine