ANNO XIV Agosto 2020.  Direttore Umberto Calabrese

Giovedì, 05 Ottobre 2017 00:00

Non è infatti la circoncisione che conta, né la non circoncisione, ma l'essere nuova creatura. (san Paolo)

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Lettera di san Paolo apostolo ai Galati 6,14-18. Fratelli, quanto a me non ci sia altro vanto che nella croce del Signore nostro Gesù Cristo, per mezzo del quale il mondo per me è stato crocifisso, come io per il mondo. 


Non è infatti la circoncisione che conta, né la non circoncisione, ma l'essere nuova creatura. 
E su quanti seguiranno questa norma sia pace e misericordia, come su tutto l'Israele di Dio. 
D'ora innanzi nessuno mi procuri fastidi: difatti io porto le stigmate di Gesù nel mio corpo. 
La grazia del Signore nostro Gesù Cristo sia con il vostro spirito, fratelli. Amen. 

Salmi 16(15),1-2.5.7-8.11. 
Proteggimi, o Dio: in te mi rifugio. 
Ho detto a Dio: "Sei tu il mio Signore, 
senza di te non ho alcun bene". 
Il Signore è mia parte di eredità e mio calice: 
nelle tue mani è la mia vita. 

Benedico il Signore che mi ha dato consiglio; 
anche di notte il mio cuore mi istruisce. 
Io pongo sempre innanzi a me il Signore, 
sta alla mia destra, non posso vacillare. 

Mi indicherai il sentiero della vita, 
gioia piena nella tua presenza, 
dolcezza senza fine alla tua destra. 

Dal Vangelo di Gesù Cristo secondo Matteo 11,25-30. 
In quel tempo Gesù disse: «Ti benedico, o Padre, Signore del cielo e della terra, perché hai tenuto nascoste queste cose ai sapienti e agli intelligenti e le hai rivelate ai piccoli. 
Sì, o Padre, perché così è piaciuto a te. 
Tutto mi è stato dato dal Padre mio; nessuno conosce il Figlio se non il Padre, e nessuno conosce il Padre se non il Figlio e colui al quale il Figlio lo voglia rivelare». 
Venite a me, voi tutti, che siete affaticati e oppressi, e io vi ristorerò. 
Prendete il mio giogo sopra di voi e imparate da me, che sono mite e umile di cuore, e troverete ristoro per le vostre anime. 
Il mio giogo infatti è dolce e il mio carico leggero»

 

San Paolo ha riassunto bene la sua esperienza di vita col precetto: Non è infatti la circoncisione che conta, né la non circoncisione, ma l'essere nuova creatura. Gesù garantisce: Il mio giogo infatti è dolce e il mio carico leggero. Io vi posso proporre la mia esperienza, che data ormai 14 anni, o quella di Mariya, l’ucraina che mi aiuta in casa da tre settimane. Ha 64 anni. Lavora felice come una bambina. Non parla di cose religiose, ma confida in Dio anche salendo sugli alberi ciliegi, pur pesante e grave.

In quel tempo Gesù disse: «Ti benedico, o Padre, Signore del cielo e della terra, perché hai tenuto nascoste queste cose ai sapienti e agli intelligenti e le hai rivelate ai piccoli. 

Sono felicissimo di scampare il pericolo dei sapienti ed intelligenti…Gesù non lasciarmi solo, sta con me, quaggiù in mezzo al male. Continua a farmi vedere la luce.

Read 1398 times Last modified on Mercoledì, 04 Ottobre 2017 13:44

Le Vignette di Paolo Piccione

…questo non è amore 2018”… e Pinocchio

 

Utenti Online

Abbiamo 1156 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa