ANNO XIV Marzo 2020.  Direttore Umberto Calabrese

Sabato, 04 Novembre 2017 00:00

La battaglia quotidiana per la difesa degli spazi in casa. Una ricerca di IKEA

Written by 
Rate this item
(0 votes)

L'indagine Life at Home Report 2017 condotta su 22mila persone racconta lo stress prodotto nelle famiglie dalla 'conquista' dei luoghi della casa

 La vita in casa non è sempre semplice. La relazione con spazi, persone e oggetti è alla base di piccole battaglie quotidiane che ciascuno si trova ad affrontare: rivendicare il proprio spazio, gestire il rapporto con le “cose” altrui, bilanciare l’esigenza di ordine con la difficoltà a separarsi dagli oggetti a cui siamo legati, è talvolta complesso e fonte di stress e ansia. A dirlo è il “Life at Home Report 2017”, una ricerca internazionale firmata IKEA che esplora cambiamenti e stili di vita.

L’analisi è stata condotta su 22.000 persone, tra i 18 e i 65 anni, in 22 Paesi nell’arco di 6 mesi: 54 home visit, 5.000 conversazioni online, 874 ore d’incontri, ascolto dei social media, 12 settimane con 18 “home pioneers”, persone che vivono la casa in modo inusuale e originale…bevendo oltre 24 differenti tipi di tè. La metodologia dell’indagine è un mix tra quantitativa e qualitativa-psicologica: agli intervistati sono stati indicati alcuni temi che hanno riportato i risultati strategici alla mission dell’Azienda.​ Quello che segue è la sintesi della ricerca realizzata da IKEA.

La difesa del territorio domestico

Dalla ricerca emerge come la casa sia un “campo di battaglia”, in cui il rapporto con le altre persone è spesso fonte di discussione: 1 confronto su 6 nasce quando qualcuno invade il nostro spazio. In casa ogni spazio (stanza / sedia / oggetto) ha un suo “proprietario” che ne esprime l’identità: “guardo un film sul mio lato del divano”, “il garage di papà”, “a tavola il mio posto è quello”, “la Tv l’ho comprata io”.

L’invasione del proprio spazio è talvolta fonte di stress e aggressività, ma reclamarlo non è semplice: il 42% ha ammesso di non avere il coraggio di farlo. Questo accade maggiormente quando si vive in situazioni non convenzionali, ad esempio in casa d’altri senza pagare l’affitto, o con sconosciuti. Al contrario, rivendicare limiti e confini, provoca sentimenti positivi: calma per il 40%, felicità per il 26%, sollievo il 27% e eccitazione per il 12%.

Ma la sfida più dura da affrontare è trasferirsi nella casa di qualcun altro: il 44% degli intervistati ritiene addirittura sbagliato rivendicare i propri spazi quando ci si traferisce, una percentuale che sale al 71% per gli indonesiani, al 59% per i filippini e indiani, mentre in fondo alla classifica troviamo tedeschi e danesi con il 27%. Da una parte, infatti, c’è la necessità di rispettare lo spazio di chi lo occupa dall’origine, dall’altra la difficoltà di “sentirsi a casa” di qualcun’altro.

Alla conquista del soggiorno

Il più comune luogo dei conflitti in casa è il soggiorno, dove litiga il 46% degli intervistati: una zona fluida in cui gli spazi personali si confondono, in cui è difficile stabilirne i confini. Le case sono sempre più piccole, il soggiorno si trasforma da quella che era la classica zona TV ad una stanza adatta ad accogliere esigenze diverse e spesso contrastanti. In controtendenza l’Italia, in cui la cucina si conferma cuore della casa: è qui che il 56% degli italiani discute maggiormente.

La ricerca, inoltre, mette in luce come una delle maggiori cause di stress è l’eccesso e l’accumulo di oggetti nelle nostre case: ambienti sempre più ridotti, in cui è necessario razionalizzare gli spazi, ordinare gli oggetti e spesso buttarli. Un’azione non facile, il nostro legame con gli oggetti è spesso emozionale e va oltre la funzionalità.

La condizione di “case troppo piccole, case troppo piene” comporta inevitabili discussioni sulla diversa concezione di ordine e disordine. Ad ammetterlo è il 50% degli intervistati: una percentuale che sale al 62% nelle Filippine e al 59% di Indonesia e Malesia, mentre Giappone e Danimarca si collocano tra i paesi meno litigiosi con il 34%. Riordinare ed eliminare oggetti accumulati dà, invece, sollievo al 44% delle persone, provoca stress nel 23%, ed è fonte di felicità per il 22%.

Dall’analisi sull’Italia emerge una spaccatura netta: la metà degli intervistati associa sentimenti positivi al riordinare e al disfarsi degli oggetti, per l’altra metà sono fonte di stress e emozioni negative.

Sostieni Agorà Magazine I nostri siti non hanno finanziamento pubblico. Grazie Spazio Agorà Editore

Sostengo Agorà Magazine
Read 970 times

Le Vignette di Paolo Piccione

…questo non è amore 2018”… e Pinocchio

 

Utenti Online

Abbiamo 1114 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa