ANNO XI  Novembre 2017.  Direttore Umberto Calabrese

Giovedì, 09 Novembre 2017 00:00

Rivoluzione Twitter, arrivano per tutti 280 caratteri

Written by 
Rate this item
(0 votes)

ROMA  – Da oggi i vostri tweet possono arrivare a 280 caratteri. La barriera dei 140 cade per tutti, dopo il test pilota effettuato dal social network in settembre solo su alcuni account.

“Abbiamo esteso il limite dei caratteri”- hanno annunciato oggi i gestori del social, ovviamente con un cinguettio-. Vogliamo che sia più facile e più veloce per tutti esprimersi. Più caratteri. Più espressione. Di più di ogni cosa succeda”.

Via anche il vecchio contatore numerico. Per segnalare quanto spazio c’è ancora a disposizione, adesso compare un cerchietto in baso a destra, che man a mano che si scrive diventa azzurro.

E gli utenti, come l’hanno presa? C’è chi gioisce perché finalmente potrà esprimere i suoi concetti in un unico tweet senza spezzettare il pensiero in cinguettii diversi, ma c’è anche chi considerava il limite di 140 caratteri utile per capire chi fosse veramente in grado di padroneggiare la lingua italiana.  L’occasione è buona anche per dare qualche suggerimento: perché non dare la possibilità di correggere gli errori di un tweet già inviato? (agenzia Dire)

 

Vorrei fare la purista di Twitter e lamentarmi dei , ma la verità è che non mi è stato concesso il dono della sintesi, quindi sono troppo felice di non dover più scrivere millemila tweet per spiegarmi.

 

Chissà quando  ci concederà la possibilità di correggere i tweet, esigenza (a mio parere) prioritaria rispetto a quella dei .

 

Ma solo a me il cerchio che si riempie mette ansia?
Sembra non finire mai ed ho come la sensazione di non riuscire a riempirlo mai e soprattutto che istighi a scrivere di più anche quando non ce n'è realmente bisogno! 

Read 450 times

Le Vignette satiriche di Paolo Piccione

I due becchini della Nazionale italiana

Utenti Online

Abbiamo 1670 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa