ANNO XII  Giugno 2018.  Direttore Umberto Calabrese

Mercoledì, 10 Gennaio 2018 08:31

Perché in Inghilterra, su Twitter, è comparsa una marea di messaggi che citano la Fiat 500

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Cercando sui siti che maggiormente si occupano di contenuti virali in rete si scopre che il fenomeno in questione non è così piccolo o limitato

 

Fiat Tweet 500. Chi è un abitudinario di Twitter, e ama osservare le tendenze non sono italiane, sarà rimasto colpito di vedere come durante le vacanze invernali, in Inghilterra, sia comparso questo particolare hashtag. Tre parole che fanno riferimento al modello più famoso al mondo realizzato dalla Fiat (oggi FCA).

Cercando sui siti che maggiormente si occupano di contenuti virali in rete si scopre che il fenomeno in questione non è così piccolo o limitato. Buzzfeed ci ha fatto un titolo evocativo e “leggermente” sarcastico: “La migliore cosa capitata in rete da tantissimo tempo”. PopBuzz ha invece raccontato il fenomeno attraverso una domanda capace di mettere in guardia tutti quelli che, come me, abitualmente usano il social network per lavoro o per informarsi su cosa succede nel mondo: “Nei fai parte anche tu?”. 

<script async src="https://platform.twitter.com/widgets.js" charset="utf-8">

Cos’è #FiatTweet500 
Il termine è stato coniato per descrivere un tipo precisissimo di ragazza inglese, un po’ superficiale e pronta a drammatizzare qualunque cosa, che twitta cose apparentemente senza senso, ma che, inspiegabilmente, ottiene molti retweet e una discreta considerazione dagli utenti. Ma il ritratto è molto più ampio. In generale queste ragazze mangiano cibo spazzatura, stanno sempre attente a unghie e capelli, usano gli emoji senza una particolare ironia e raccontano dei loro fidanzati usando spesso il termine “psicopatiche” per descrivere se stesse. 

<script async src="https://platform.twitter.com/widgets.js" charset="utf-8">

Questi “oggetti” le identificano, pare

<script async src="https://platform.twitter.com/widgets.js" charset="utf-8">

Inoltre amano moltissimo gli unicorni. 

<script async src="https://platform.twitter.com/widgets.js" charset="utf-8">

Amano Ed Sheeran (e lo difendono fino alla morte)

<script async src="https://platform.twitter.com/widgets.js" charset="utf-8">

E mettono sempre una “x” alla fine dei loro messaggi

<script async src="https://platform.twitter.com/widgets.js" charset="utf-8">

Insomma, ci sono frasi come queste che riassumono un po’ il loro identikit

<script async src="https://platform.twitter.com/widgets.js" charset="utf-8">


Perché proprio una Fiat 500?
Una volta, secondo molti di loro, si sarebbe optato per una “Mini”. Ma oggi la macchina più facilmente associabile a questa “sottocultura” (così la definisce PopBuzz) è proprio la 500 della casa automobilistica torinese. In poche parole è il modello che queste ragazze acquisterebbero o, più frequentemente, riceverebbero in dono dai propri genitori o parenti. 
Non proprio una pubblicità positiva, almeno secondo chi possiede una 500 e non si identifica in questo particolare gruppo sociale.  

<script async src="https://platform.twitter.com/widgets.js" charset="utf-8">

E la versione maschile?
Esiste anche quella ma non è associata a nessun modello di auto. Sono quei ragazzi che, oltre a idolatrare Liam Gallagher, ex cantante degli Oasis, bevono particolare bevande, assai scure, a base di frutta. 

<script async src="https://platform.twitter.com/widgets.js" charset="utf-8">

E in Italia? (E non sono sicuro di voler sapere la risposta). 

Sostieni Agorà Magazine I nostri siti non hanno finanziamento pubblico. Grazie Spazio Agorà Editore

Sostengo Agorà Magazine
Read 426 times

Le Vignette di Paolo Piccione

Tu te souviens? Do you remember? Ti ricordi? 

 

Utenti Online

Abbiamo 1563 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa