ANNO XIV Gennaio 2020.  Direttore Umberto Calabrese

Sabato, 23 Giugno 2018 13:54

Lula resta in carcere Il Superiore Tribunale di Giustizia ha bocciato la nuova richiesta di scarcerazione

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Il Superiore Tribunale di Giustizia ha bocciato la nuova richiesta di scarcerazione presentata dai legali dell'ex presidente

Brasilia (Brasile)  - Il Superiore Tribunale di Giustizia (Stj) del Brasile ha annunciato oggi che non esaminerà martedì prossimo, come era previsto, una nuova richiesta di scarcerazione presentata dagli avvocati dell'ex presidente Luiz Inácio Lula da Silva.

Come è noto, dal sette aprile scorso Lula si trova in carcere, dove sconta una pena a 12 anni di carcere per corruzione e riciclaggio.

Già il 13 giugno scorso il Tribunale aveva respinto una richiesta di scarcerazione che i legali di Lula avevano presentato in modo che l'ex presidente potesse partecipare alla campagna elettorale per le elezioni presidenziali del prossimo 7 ottobre.

Il ricorso

La decisione di non analizzare neppure la richiesta degli avvocati di Lula, che sconta dal 7 aprile una condanna di 12 anni di prigione per corruzione, fa cadere le speranze del Partito dei Lavoratori che Lula possa essere liberato o che almeno gli si concedesse il carcere domiciliare in modo da avviare la campagna per le presidenziali di ottobre. La legislazione brasiliana impedisce che i condannati in seconda istanza, come il suo caso, possano presentarsi a cariche elettive. Nella sua richiesta di sospendere l'arresto e l'ineleggibilità, la difesa ha ribadito argomenti già sottoposti alla Trf-4 che segnalano presunte irregolarità nel processo, tra cui: incompetenza del giudice Sergio Moro per analizzare il caso in primo grado; mancanza di imparzialità nel processo; mancanza di estraneità da parte dei pubblici ministeri. Gli avvocati di Lula sostengono che il rilascio dell'ex presidente "non causerà alcun danno alla giustizia pubblica o alla società", aggiungendo che il fatto di tenerlo in prigione causa "gravi lesioni difficili da riparare".

Il sondaggio

Lula gode ancora di un vastissimo consenso in Brasile. Secondo un sondaggio realizzato dalla società di consulenza Datafolha, il 32% dei cittadini considera l'ex presidente l'unico in grado di risollevare l'economia. Il quotidiano locale Folha de San Pablo ha riportato che secondo quasi un brasiliano su tre, Lula, che ha governato il Paese tra il 2003 e il 2010, è il politico "più preparato" per far crescere il Paese. Secondo il sondaggio, dopo Lula c'è il candidato presidenziale Jair Bolsonaro, di destra, con il 15%, a una certa distanza dall'ambientalista Marina Silva all'8%. Lula, Bolsonaro e Silva sono anche i primi tre candidati, in quest'ordine, nel sondaggio di Datafolha sulle intenzioni di voto alle elezioni presidenziali. La situazione economica è uno dei temi che preoccupano di più gli elettori, a quattro mesi dalla tornata elettorale che decreterà il successore dell'attuale presidente Michel Temer.

 

Sei arrivato fin qui Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Agoramagazine.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente. Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di agoramagazine.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo. Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino al giorno. Sostieni Agorà Magazine I nostri siti non hanno finanziamento pubblico. Grazie Spazio Agorà Editore

Sostengo Agorà Magazine
Read 734 times

Le Vignette di Paolo Piccione

…questo non è amore 2018”… e Pinocchio

 

Utenti Online

Abbiamo 1230 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa