ANNO XII  Ottobre 2018.  Direttore Umberto Calabrese

Martedì, 07 Agosto 2018 13:29

Attentato a Maduro con i droni: quello che sappiamo (e non sappiamo)

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Caracas (Venezuela) - L'attacco che il Presidente del Venezuela, Nicolás Maduro, ha denunciato durante una parata militare a Caracas in seguito a diverse esplosioni lascia più domande che risposte. L'informazione, per il momento scarsa, sulla paternità dell'attentato, sulle armi usate o sui feriti ha portato a mettere in dubbio persino la veridicità dell'attacco, così come suggerisce l'opposizione al regime venezuelano.
Questi sono alcuni dei dati che sono noti al momento e alcuni dei dubbi che rimangono da risolvere.

L'attacco

Ministro della Comunicazione e informazione del Venezuela, Jorge Rodríguez, ha offerto dettagli dell'attacco, avvenuto sulla Avenida Bolivar nella capitale venezuelana, alle 17:41: "Ci sono state tre esplosioni, l'esplosione di un drone contro il palco presidenziale, un altro drone è esploso al lato destro del palco, era in un angolo di Caracas chiamato l'angolo Curamichate: questo ha causato lo spostamento verso sinistra delle famiglie delle truppe che erano lì in attesa. Un terzo drone è esploso nelle vicinanze di un edificio a sud del palco ", ha detto il ministro, secondo quanto riportato da Europa Press.

Un frame tratto dal video: il momento in cui si ode l'esplosione del drone.

Non si sa esattamente come siano esplosi i droni. Rodriguez ha descritto i droni come "armi volanti" con esplosivi che sono stati fatti detonare da qualche parte nelle vicinanze.

Il gruppo che si è ha assunto la responsabilità dell'attacco, il Movimento Nazionale dei Soldati di Flanella (Soldados de Franelas), ha affermato nel suo profilo Twitter di aver usato C4, un esplosivo plastico che richiede effettivamente l'esplosione di un detonatore. Sarebbero, quindi, una specie di droni-kamikaze diretti vicino al palco. Esplosi in questo modo, significa che non ci sono fotografie dei resti dei droni.

Gruppi terroristici come lo Stato Islamico hanno dimostrato l'uso di droni per lanciare mortai ad alta quota, ma ciò avrebbe provocato un grave danno, ma che avrebbe potuto essere "documentato" dalle telecamere.

Altre versioni

Media stranieri come l'agenzia statunitense Associated Press hanno riferito da fonti ufficiali e dai vigili del fuoco che sono venuti sul luogo delle esplosioni che l'origine proveniva da una bombola del gas e non dai droni usati contro Maduro.

Le fotografie trasmesse sul web mostrano il danno causato nell'edificio "Don Eduardo" le finestre rotte e le facciate bruciate, nonché un piccolo incendio - poi domato - i cui segni possono essere notati su una finestra. Ciò ha portato a un'inondazione di messaggi sui social network, in particolare dal Venezuela, che etichettano l'attacco come una farsa.

Nessun funzionario diplomatico ha negato i fatti, ma la cautela in assenza di informazioni si è riflessa in dichiarazioni come il Ministero degli Affari Esteri spagnolo, che ha descritto ciò che è accaduto come "atti violenti".

I commenti più duri provengono da paesi alleati del Venezuela come Iran, Russia, Cuba, Nicaragua o Siria.

Autori dell'attacco

Secondo le ultime informazioni del ministro Rodríguez, la maggior parte degli autori dell'attacco è stata arrestata. Il capo della comunicazione, che non ha dato un numero di detenuti, ha dichiarato che l'attacco è stato pianificato per sei mesi.

Dietro il complotto contro Maduro ci sarebbero i Soldati di Flanella, un gruppo di soldati rinnegati che ha annunciato sul suo profilo Twitter e Instagram: "L'operazione è stata organizzata con 2 droni carichi di C4, obiettivo il palco presidenziale. Cecchini della Guardia d'Onore hanno distrutto i droni prima di raggiungere l'obiettivo. Abbiamo dimostrato che è il Presidente è vulnerabile. obiettivo non raggiunto oggi, ma è solo una questione di tempo".

Le vittime

È stata distribuita una sola fotografia di uno dei feriti, un soldato in uniforme, con una ferita alla testa, che è accompagnato da altri compagni. La loro identità è sconosciuta, così come quella degli altri sei feriti, trasferiti negli ospedali. Secondo Rodríguez, nel suo primo discorso, ci sono donne tra i feriti.

La mancanza di immagini in un atto violento in una festa pubblica è insolita. L'uso, comunque, di esplosivo plastico, se è così, suggerisce che il carico tenuto da un drone sarebbe stato leggero. Il più grande "peso" di un attacco deriva solitamente dai componenti che di solito accompagnano le bombe: viti, chiodi e sostanze chimiche che moltiplicano l'effetto dell'esplosione.

Maduro ha presieduto l'81° anniversario della Guardia Nazionale, quindi le strade di Caracas erano piene di soldati in addestramento. Anche se il Presidente ha detto di essere rimasto immobile dopo le esplosioni, i video postati dimostrano come vari gruppi, quelli più vicini al palco, fuggano dopo aver sentito il botto causato dalle esplosioni.

Ad oggi, il presidente Maduro ha denunciato una ventina di attacchi contro la sua persona da quando, nel 2013, ha preso il potere dopo la morte di Hugo Chavez.

Read 666 times

Le Vignette di Paolo Piccione

Gendarmerie scarica migranti in Italia

 

Utenti Online

Abbiamo 1342 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa