ANNO XIII Settembre 2019.  Direttore Umberto Calabrese

Venerdì, 31 Agosto 2018 06:25

Crispiano (Taranto) «Parco del vallone: altro che ripristino e valorizzazione...»

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Riceviamo e pubblichiamo integralmente comunicato stampa di Anna Sgobbio portavoce del movimento politico culturale di Crispiano IL FUTURO È DI TUTTI.

Mercoledì 22 agosto si è tenuto un incontro pubblico sul nuovo “Parco del Vallone”. L’Amministrazione 5 Stelle, dopo che avevamo sollevato le nostre perplessità, ha deciso di convocare un’assemblea per far conoscere ai cittadini il progetto e di informare gli stessi su quello che stava accadendo davanti alle grotte. Abbiamo appreso che le grotte non rappresentano, secondo la Sovrintendenza, un sito di particolare interesse archeologico o artistico, perché non sono naturali, bensì opera di abitatori che si sono succeduti nel tempo. In dubbio persino il passaggio dei monaci basiliani.

Ne prendiamo atto. E comunque sia chiaro: nessuno di noi ha mai messo in dubbio la legalità e la legittimità del progetto. Ma l'opportunità sul tipo di intervento, quella sì. Infatti, per chi come noi è nato e cresciuto in questa terra, quelle grotte sono importantissime lo stesso. Sono un pezzo della nostra storia, al di là del parere della Sovrintendenza e, vederle così trasformate, ci ferisce. E siamo sicuri che la maggior parte dei crispianesi la pensa come noi. E qui Destra e Sinistra non c'entrano assolutamente niente. Quella realizzazione, insieme a tanti orpelli sedimentati nel tempo (capannucce, laghetti artificiali, macine…) snatura la storia del sito, passando una pialla sul nostro passato. I camminamenti realizzati sono orrendi, al di là del collante usato per tenere insieme le pietre, che sia cemento o altro… Sono percorsi fatti di materiale edile posticcio che finiscono nel nulla e, che invece di valorizzare il paesaggio, lo mortificano. Insomma sono praticamente inutili, perché, come abbiamo appreso, le grotte non possono essere visitate all’interno, quindi, trs l'altro, possiamo anche dire addio al presepe vivente. Non parliamo, poi, del materiale granulare messo tra le basole, che ha già bisogno di ulteriori interventi di ripristino e del terriccio aggiunto, che già è stato spazzato via con le piogge dei giorni scorsi. Non ci piacciono nemmeno le staccionate in stile Courmayeur. Anche queste legittime, per carità. Ma sicuramente non sono elementi tipici del nostro territorio, né aiutano a raccontarne la storia.

Così come a nulla serviranno i cartelli descrittivi previsti nella zona soprastante le grotte dove verranno realizzate aree di fitness e percorsi vita (questi ultimi già presenti in altri siti, vedi pineta, e praticamente inutilizzati). Infine l’installazione delle 8 casette di “Babbo Natale” ne faranno un “centro commerciale”, che si aggiunge al complessivo piano commerciale del paese già gravemente in crisi. E gestito da chi? E con quale fruibilità da parte del cittadino? Insomma dopo quell'incontro le nostre perplessità rimangono tutte in piedi, mentre abbiamo avuto la percezione che tutti sembravano disconoscere la paternità di quel progetto, dicendo di averlo in qualche modo ereditato, sia il Rup che l'attuale Direttore dei lavori, ma soprattutto la nuova Amministrazione a 5 Stelle.

Tutti meno la passata Amministrazione, autrice di altri scempi come la conca in piazza, che però ormai non fa testo: è stata già abbondantemente bocciata dagli elettori. Ma quando succede qualcosa in paese, gli Amministratori in carica, questi o altri, non possono sempre scaricare le responsabilità sul passato. E ci chiediamo, visto che durante l'assemblea non si è espresso, ma al Sindaco piacciono sì o no quei lavori? Intende rivedere alcune cose più eclatanti e strambe, visto che con un recente provvedimento è stato prorogato il termine di conclusione dei lavori di ulteriori 60 giorni, provando possibilmente a non perdere il finanziamento? E’ possibile prevedere nei tempi dati una ulteriore variante che ottimizzi l’uso dei soldi in vista di un risultato più accettabile? Restiamo in trepidante attesa di una presa di posizione chiara da parte del sindaco e della sua giunta. P.S. Non ci si può risentire se il cittadino fa dei rilievi sulle scelte delle amministrazioni perché il paese appartiene a tutti coloro che l’abitano e sarebbe buona cosa condividere fin dall’inizio le proposte che modificano l’assetto cittadino cambiandone il volto. Non abbiamo bisogno di “sorprese” come i regali della befana, visto che i soldi sono di tutti.

Read 842 times

Le Vignette di Paolo Piccione

…questo non è amore 2018”… e Pinocchio

 

Utenti Online

Abbiamo 1022 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa