ANNO XII  Novembre 2018.  Direttore Umberto Calabrese

Lunedì, 05 Novembre 2018 19:03

Si è arreso dopo oltre 7 ore Francesco Amato il latitante barricato alle Poste: liberi i quattro ostaggi

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Si è arreso dopo 8 ore Francesco Amato, il latitante che da stamattina alle 9, armato di un coltello, era asserragliato con 4 ostaggi in un ufficio postale Pieve Madolena (Reggio Emilia). Condannato in primo grado a 19 anni nell'ambito del processo di 'ndrangheta 'Aemilia', Amato aveva fatto perdere le sue tracce fino all'irruzione di oggi. I 4 ostaggi trattenuti all'interno dal sequestratore, tutte donne dipendenti della filiale (una quinta era stata lasciata uscire verso mezzogiorno in seguito a un malore), sono stati liberati.

Secondo quanto si apprende, Amato si sarebbe arreso poco prima delle 17 dopo una lunga trattativa con le forze dell'ordine. Amato aveva chiesto stamani di parlare con il ministro dell'Interno Matteo Salvini. L'uomo è stato portato in caserma. Al momento della sua uscita dall'ufficio postale, alcuni parenti di Amato hanno applaudito, accusando "i giudici di averlo portato a questo". Prima della resa i familiari dell'uomo, sopraggiunti nei pressi dell'ufficio postale, avevano parlato di una "condanna ingiusta": "Bisogna dire la verità: lui non è entrato lì dentro per fare male ma è entrato per dire che 19 anni non se li merita".

Amato ha fatto irruzione nella filiale delle poste attorno alle 9. Entrando, avrebbe gridato "sono quello condannato a 19 anni in Aemilia", brandendo un coltello da cucina e minacciando la direttrice della filiale. Dopo aver fatto uscire i clienti presenti, si è barricato nell'ufficio postale prendendo in ostaggio i 5 dipendenti, tra cui la direttrice. Verso mezzogiorno a una cassiera è stato permesso di uscire. La donna ha avuto un breve malore ed è stata prontamente soccorsa dagli operatori del 118.

Tra i clienti che stamattina erano presenti in posta al momento dell'arrivo di Amato c'era anche la figlia della direttrice, che è riuscita a scappare. E' stata lei, secondo quanto si apprende, a dare l'allarme ai carabinieri. La ragazza, 22enne, ha raccontato che si era recata nell'ufficio per portare un pacco alla madre quando l'uomo ha fatto irruzione, gridando "vi ammazzo tutti".

L'uomo, secondo quanto racconta il colonnello Cristiano Desideri, comandante provinciale dei carabinieri, "si è consegnato, non c'è stata alcun tipo di violenza. Gli ostaggi sono tutti incolumi" anche se "provati e scossi". Ora Amato è stato portato a Reggio Emilia "e verrà tradotto in carcere". Secondo il colonnello, a motivare Amato è stata la necessità di richiamare "l'attenzione sulla propria situazione, riteneva di essere stato vittima di un ingiusto processo e sosteneva che la pena fosse immeritata". A convincerlo a deporre l'arma e a liberare le tre dipendenti dell'ufficio postale e la direttrice, secondo Desideri sono stati "il tempo e la pazienza" dei negoziatori.

"C'è stato un lungo dialogo - spiega Desideri - e alla fine si è persuaso che la cosa migliore fosse liberare gli ostaggi", "accettare la sentenza e far valere propri diritti nelle sedi opportune". Sul posto era presente anche un reparto speciale dei carabinieri del Gis, "erano state predisposte tutte opzioni che si potevano rendere necessarie in una situazione simile ma fortunatamente è bastato il dialogo. Il fatto che avesse lasciato andare la donna qualche ora prima ci ha fatto comprendere che c'era la possibilità di una soluzione pacifica".

La trattativa con le forze dell'ordine, spiega Desideri, è stata condotta attraverso "una serie di telefonate", durante le quali i negoziatori hanno fatto capire ad Amato come non ci fosse "alcuna soluzione per lui se non arrendersi e liberare ostaggi". Amato aveva anche chiesto di parlare con il ministro dell'Interno Matteo Salvini, ma ciò non è avvenuto, "fortunatamente si è accontentato dei negoziatori". L'uomo, precisa ancora il colonnello dei carabinieri, "non ha mai minacciato concretamente di fare del male, aveva un coltello ma non l'ha mai usato in nessuna circostanza per fare del male agli ostaggi". Ora, ad Amato verrà notificato l'ordine di carcerazione per cui era ricercato da giorni, al quale seguiranno altri atti per quanto successo oggi. (Adnkronos)

Read 293 times

Le Vignette di Paolo Piccione

…questo non è amore 2018”… e Pinocchio

 

Utenti Online

Abbiamo 1547 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa