ANNO XII  Novembre 2018.  Direttore Umberto Calabrese

Giovedì, 08 Novembre 2018 01:19

Brasile, Sérgio Moro: "Lotta alla corruzione"

Written by 
Rate this item
(0 votes)
Sérgio Fernando Moro ministro della giustizia del Brasile Sérgio Fernando Moro ministro della giustizia del Brasile

Si è appena insediato come Ministro della Giustizia voluto dal nuovo presidente Bolsonaro ed ha già dettato le linee guida del suo mandato. Sérgio Moro ha spiegato che userà tutte le sue forze per combattere la corruzione e il crimine organizzato. Di fatto, il neoministro continuerà nel suo lavoro che, da Giudice, lo ha portato ad incriminare l'ex presidente Lula

Sérgio Moro: "C'è una proposta, una discussione sulla flessibilità per il possesso delle armi, ma c'è una questione da discutere su come ciò sarà realizzato. Ho espresso la mia preoccupazione che un'eccessiva deregolamentazione potrebbe essere usata come una fonte per organizzazioni criminali. Non ho dubbi che la decisione finale sarà presa dal Presidente della Repubblica ".

L'ex Giudice anti corruzione è stato il protagonista, tempo fa, dell'inchiesta che ha portato alla condanna, non solo di Lula, ma anche di dozzine di uomini d'affari brasiliani bloccando la piu' grande spirale di corruzione e di riciclaggio di denaro della storia brasiliana.

Sérgio Fernando Moro è un giurista e politico brasiliano, ex giudice federale del Tribunale federale di Curitiba e in precedenza professore all'Università federale del Paraná e l'attuale ministro della giustizia del Brasile.

Sergio Moro, simbolo vivente della lotta alla corruzione in Brasile. Il magistrato è infatti colui che ha condannato l’ex presidente Luiz Inacio Lula da Silva (sta scontando una pena detentiva da aprile) per corruzione passiva e riciclaggio di denaro.

Read 349 times Last modified on Giovedì, 08 Novembre 2018 01:29

Le Vignette di Paolo Piccione

Sputare in faccia qualcuno non è più reato

 

Utenti Online

Abbiamo 1353 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa