ANNO XIV Novembre 2020.  Direttore Umberto Calabrese

Giovedì, 15 Novembre 2018 05:12

Taranto - Comune, gruppo PD sui dimissionari «si sono dimessi poco poco»

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Riceviamo e pubblichiamo integralmente comunicato stampa del gruppo del partito democratico al Consiglio Comunale sulla vicenda dei consiglieri dimissionari

Direbbe il saggio, la fidanzata o è incinta o non è incinta. Incinta poco poco non può essere. Un po’ come i consiglieri comunali che si sono dimessi, ma poco poco.

Vi racconteranno che sono duri e puri. Vi parleranno di coerenza. Foto, applausi, sipario. Ebbene sì, i tredici prodi consiglieri, di cui sei eletti in consiglio comunale solo grazie alla vittoria del Sindaco Melucci, vi stanno raccontando una realtà che non esiste. E qualcuno di loro dovrebbe saperlo meglio di altri visto che si tratta di avvocati.  

Ma procediamo con ordine. Cosa sono le dimissioni? Basta leggere l’art. 38 del TUEL per comprendere quanto la normativa sia chiara sul punto. Certo, giurisprudenza e dottrina hanno offerto interpretazioni di autorevole livello. Ma non cambia la natura giuridica. L’atto di dimissioni dalla carica di Consigliere comunale si configura come un c.d. actus legittimus, in altre parole, si tratta di una manifestazione di volontà volta a determinare l’uscita del dichiarante dalla massima assise cittadina. Come tali, le dimissioni non possono essere sottoposte né a condizione, né a termine. Condizione, invece, prevista negli atti che alcuni dei tredici prodi consiglieri dimissionari hanno postato, con tanto di posa plastica, sulle rispettive pagine facebook.
Perché, in realtà, si sono sì dimessi, ma non troppo. Non c’è bisogno di scomodare Cassese per comprendere che si tratta solo di un bluff, una trovata pubblicitaria che qualcuno sta cercando di usare per colmare il vuoto creato dal totale lassismo ed inutilità delle azioni che quei consiglieri hanno prodotto nell’esecuzione del mandato elettorale. O, peggio, si tratta di ignoranza. E Taranto non può permettersi né consiglieri che bluffano, né consiglieri che ignorano l’importanza del ruolo rivestito. Hanno sottoposto a condizione le proprie dimissioni, pur non potendolo fare.
Hanno previsto un termine per la presentazione delle stesse (il 22.11) che è ben più in là del termine di cinque giorni previsto dal citato art. 38 TUEL per la presentazione delle dimissioni per il tramite di un delegato, che decorrono dalla data della certificazione della firma. La data del 22, a meno che non la si voglia far coincidere con l’inizio delle festività natalizie, rende ancora più ridicola questa farsa. Continuano a bluffare giocando con le sorti della città che ha bisogno di un governo saldo e non di gente che siede in consiglio comunale per ventura.

Quindi, caro Notaio Tacente, dia corso all’incarico ricevuto. Rispetti almeno Lei la legge. Depositi le dimissioni nel termine previsto e dia a Taranto la possibilità di vedere sedute in Consiglio Comunale persone degne del ruolo rivestito, con un rinnovato apporto costruttivo.

Taranto, 14 novembre 2018

Firmato

Gianni Azzaro (Capogruppo PD)

Lucio Lnoce

Enzo Di Gregorio

Michele De Martino

Carmen Galluzzo

Emanuele Di Todaro

Emidio Albani

Gaetano Blé

Read 560 times Last modified on Giovedì, 15 Novembre 2018 16:48

Utenti Online

Abbiamo 1256 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine