ANNO XIII Novembre 2019.  Direttore Umberto Calabrese

Domenica, 18 Novembre 2018 17:09

Scossa di 4.2 nel Riminese, paura ma nessun danno

Written by 
Rate this item
(0 votes)

L'epicentro è nella zona di Santarcangelo di Romagna nella zona di Rimini. Diverse chiamate le chiamate ai vigili del fuoco,  ma nessun danno a persone o cose

Una scossa di terremoto è stata chiaramente avvertita alle 13.48 sulla costa romagnola, nel Riminese. La magnitudo secondo l'Ingv è di 4.2. L'epicentro è nella zona di Santarcangelo di Romagna nella zona di Rimini.

 La scossa è avvenuta - riporta l'Ingv - ad una profondità di 43 chilometri ed è stata chiaramente avvertita dalla popolazione: tante le telefonate ai Vigili del Fuoco di Rimini, ma finora non si registrano danni a persone o immobili. Tanti anche commenti affidati ai social network in cui si segnala come il sisma sia stato avvertito in Romagna, dal Ravennate al Riminese e nelle Marche.

A seguito dell’evento sismico, la Sala Situazione Italia del Dipartimento della Protezione Civile si è messa in contatto con le strutture locali del Sistema nazionale di protezione civile. Dalle verifiche effettuate, l’evento – con epicentro individuato tra i comuni di Santarcangelo di Romagna, Rimini, San Mauro Pascoli (FC) – è risultato avvertito dalla popolazione e al momento non risultano danni a cose o persone, spiega la Protezione civile.
"Qualche minuto fa una scossa di terremoto di magnitudo locale 4.2 con epicentro a Santarcangelo: stanno per iniziare una serie di sopralluoghi dei tecnici comunali per verificare in via precauzionale eventuali danni", è quanto si legge sulla pagina Facebook del Comune di Santarcangelo di Romagna.
Dai microfoni di SkyTg24, il sindaco di Rimini Andrea Gnassi ha parlato di imminenti verifiche "nelle scuole e negli altri edifici pubblici".

"E' un terremoto originato a profondità rilevante, intorno ai 43 km chilometri, quello che ha fatto tremare oggi la provincia di Rimini. Si tratta - ha detto all'Adnkronos il presidente dell'Ingv, Carlo Doglioni - della prima scossa che in questi ultimi giorni ha raggiunto la magnitudo 4. Nei giorni scorsi ci sono stati infatti altri due eventi di magnitudo inferiore a 3. Sicuramente ci saranno altre repliche, per questo stiamo monitorando l'evoluzione". Doglioni ha inoltre ricordato che l'area colpita dalla scossa è una zona sismica storica in cui nel 1916 si sono verificati tra maggio ed agosto tre fenomeni di magnitudo 5.8, 4.8 e 5.8 nel giro di tre mesi, generalmente determinati dalla discesa della placca Adriatica sotto l'Appennino.

"Quello di oggi è un terremoto di magnitudo 4 di tipo compressivo, cioè in cui la crosta viene raccorciata, non dunque superficiale e con meno rischio di potenziali danni perché attutiti dalla profondità", ha spiegato ancora Doglioni. "Eventi di questo tipo ce ne sono oltre 20-25 l'anno. Molti finiscono senza evoluzione, altri sono forieri di fenomeni sismici molto significativi, altri ancora hanno sviluppi tardivi che possono manifestarsi anche a distanza di anni". Con informazioni: Ansa e Adnkronos

Read 429 times

Le Vignette di Paolo Piccione

…questo non è amore 2018”… e Pinocchio

 

Utenti Online

Abbiamo 1165 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa