ANNO XIII  Agosto 2019.  Direttore Umberto Calabrese

Lunedì, 20 Maggio 2019 15:20

Ricardo Merlo: "Ho visto Maduro con molti dubbi sulla possibilità di raggiungere elezioni libere"

Written by 
Rate this item
(0 votes)
Il leader venezuelano dell'opposizione, Juan Guaido, con il vice ministro degli esteri italiano Ricardo Merlo, presso l'ambasciata italiana a Caracas Il leader venezuelano dell'opposizione, Juan Guaido, con il vice ministro degli esteri italiano Ricardo Merlo, presso l'ambasciata italiana a Caracas

"Ho visto Juan Guaidó, Henrique Capriles e altri leader dell'opposizione pronti ad affrontare un'apertura democratica, accettando persino il rinnovo del Parlamento. Ma ho visto Maduro con molti dubbi sulla possibilità di raggiungere elezioni libere ", ha detto a Clarin il vice ministro degli affari esteri italiano Ricardo Merlo, uno dei membri della delegazione del gruppo di contatto dell'UE. Pubblichiamo l'intervista di Ricardo Merlo con Daniel Vittar per il quotidiano argentino Clarín.

L'aria di speranza che ci fu durante l'ultima settimana e che sosteneva un accordo che permetteva di convocare elezioni libere in Venezuela divenne di nuovo turbolenta.

Una missione del Gruppo di contatto internazionale sostenuto dall'Unione europea si è riunita giovedì e venerdì con i massimi dirigenti Chavisti e l'opposizione per sondare questa possibilità, e il risultato è stato negativo, in particolare a causa della posizione rigida di Nicolás Maduro e di la cupola del governo

"Ho visto Juan Guaidó, Henrique Capriles e altri leader dell'opposizione pronti ad affrontare un'apertura democratica, accettando persino il rinnovo del Parlamento. Ma ho visto Maduro con molti dubbi sulla possibilità di raggiungere elezioni libere ", ha detto a Clarin il vice ministro degli Esteri italiano Ricardo Merlo, uno dei membri di quella delegazione.

El líder opositor venezolano Juan Guaido con el vicecanciller italiano, Ricardo Merlo, en la embajada italiana en Caracas.

Il leader venezuelano dell'opposizione, Juan Guaido, con il vice ministro degli esteri italiano Ricardo Merlo, presso l'ambasciata italiana a Caracas.

Il gruppo di contatto è composto da Spagna, Francia, Germania, Italia, Paesi Bassi, Portogallo, Svezia, Regno Unito, Costa Rica, Uruguay, Ecuador e Bolivia.

Mentre è critico delle politiche applicate da Maduro, cerca di facilitare un accordo negoziato per consentire elezioni il più presto possibile.

In effetti, grazie alla sua posizione più mediatica, ha accesso a tutti i settori pertinenti in Venezuela. Sono considerati molto più moderati del gruppo di Lima e insistono su una "soluzione pacifica e democratica nelle mani dei venezuelani".

El presidente venezolano, Nicolás Maduro, recibe a la misión del Grupo Internacional de Contacto. (DPA)

Il presidente venezuelano Nicolás Maduro riceve la missione dell'International Contact Group. (DPA)

Nonostante questo atteggiamento compiacente, la missione di questa settimana non è stata come previsto e il gruppo si è sentito scoraggiato. Hanno rilasciato una dichiarazione congiunta molto diplomatica, attraverso la quale hanno cercato di fare una buona impressione da entrambe le parti.

"Tutti gli interlocutori hanno espresso il loro apprezzamento per gli sforzi del gruppo di contatto e li hanno incoraggiati a continuare il loro impegno", ha affermato la dichiarazione, senza spiegare nulla.

Come diceva Clarín, la realtà era più scomoda del previsto. Erano con Maduro per un'ora e mezza, ma la prima ora fu usata dal presidente per tenere un discorso con la solita verbosità. Potrebbero parlare solo per 30 minuti.

El viceministro de Relaciones Exteriores de Italia, Ricardo Merlo, junto al obispo Raúl Biord, segundo Vicepresidente de la Conferencia Episcopal Venezolana.

Il Vice Ministro degli Affari Esteri dell'Italia, Ricardo Merlo, insieme al Vescovo Raúl Biord, secondo Vice Presidente della Conferenza Episcopale Venezuelana.

Cominciò col chiamare il leader dell'opposizione Leopoldo López "fascista", che fu detenuto e fu rilasciato dal capo dei servizi segreti (SEBIN) che si ribellò contro la leadership del governo.

Quindi il leader di Chavez descrisse Gauidó come "un neofascista". Ma ciò che ha sorpreso di più la missione diplomatica è che si è definito un "centro moderato".

Il monologo di Maduro continua con una descrizione utopica del Venezuela, lodando quanto bene sia il paese e le conquiste "della rivoluzione", per avvertire infine che gli Stati Uniti stavano preparando un'invasione e che Chavismo avrebbe resistito.

Prima degli inviati europei, sosteneva che il governo ha due milioni di militanti armati per difendersi.

Cosa le ha detto Maduro, come ha percepito la sua posizione riguardo alla possibilità di trovare una soluzione negoziata?

Penso che Maduro non percepisca la realtà così com'è. In Venezuela non esiste uno stato di diritto, nessuna separazione dei poteri. Esiste un governo civile-militare di fatto che non riconosce l'unica autorità eletta dal voto popolare che è l'Assemblea nazionale (Parlamento) e ha creato un corpo parallelo per svuotare dal potere quell'istituzione, che è l'Assemblea nazionale costituente. integrato da persone fedeli al governo. La libertà di stampa è zero. Televisione e giornali sono gestiti dal governo. Tutti sono a favore del governo.

Cosa hanno chiesto a Maduro?

Chiediamo elezioni il più rapidamente possibile, ma elezioni democratiche, trasparenti, controllate da organizzazioni internazionali. A un certo punto gli chiesi se avessero fatto autocritica, ed erano senza parole. Ci è voluto un po 'per rispondere, e non hanno detto nulla di concreto.

Come ha visto la situazione a Caracas?

La situazione politica e sociale è drammatica, quella dei diritti umani è terribile. Abbiamo due deputati venezuelani, eletti democraticamente, rifugiati nell'ambasciata italiana. Sono Américo de Grazia e Mariela Magallanes. Chiedo alle organizzazioni internazionali per i diritti umani di venire in Venezuela e vedere cosa succede per denunciare questa situazione.

Ha parlato con la gente? Cosa hanno detto?

Guarda, descrivo la situazione con un esempio: sono andato a mangiare in un ristorante dove il piatto che ho ordinato è venuto fuori da 60.000 bolivar, e il cameriere che si è preso cura di me ha ricevuto uno stipendio di 18.000 bolivar. Come possono vivere così?

Ha anche incontrato i rappresentanti della Chiesa venezuelana?

Sì, siamo stati con il vescovo Raúl Biord, secondo vicepresidente della Conferenza episcopale venezuelana. Hanno spiegato che la situazione è molto più drammatica di quella che si vede, con bambini che muoiono di fame e malati che non sopravvivono a causa della mancanza di medicine e di beni di prima necessità. Richiedono anche le elezioni il prima possibile.

Come è stato l'incontro con Juan Guaidó?

Con Guaidó ho fatto colazione all'ambasciata italiana. È disposto a partecipare a un nuovo appello per le elezioni, tra cui la richiesta di elezioni per rinnovare il Parlamento che presiede.

Come continua il lavoro del gruppo di contatto?

Continueremo a chiedere elezioni libere in Venezuela il prima possibile. Vogliamo vedere se questo incontro con Maduro è stato solo una messa in scena o alla fine accetteremo di negoziare una via d'uscita. Di Daniel Vittar - Clarín

Libera traduzione a cura della redazione di Caracas di Agorà Magazine

 

Read 446 times Last modified on Lunedì, 20 Maggio 2019 19:59

Le Vignette di Paolo Piccione

…questo non è amore 2018”… e Pinocchio

 

Utenti Online

Abbiamo 1153 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa