ANNO XIII Settembre 2019.  Direttore Umberto Calabrese

Lunedì, 17 Giugno 2019 15:46

Il concerto della Fanfara del Presidio del Comando Marittimo Sud conclude “Pulsano a bordo!”

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Si avvia a conclusione “Pulsano a bordo!”, la manifestazione organizzata dall’Associazione “Pulsano d’A mare” che, da sabato 15 giugno, sta animando la cittadina jonica; l’iniziativa è dedicata alla “risorsa mare”, fondamentale per la promozione e la valorizzazione del territorio.

Dopo l’importante convegno inaugurale “Blu Economy e rilancio turistico: la sfida” e lo spettacolo in piazza “Pulsano a Bordo: Mare Luce Storia”, ideato e diretto da Celeste Simona Todisco, la manifestazione si avvia verso l’attesissimo evento conclusivo.

Nella centralissima piazza Castello si terrà, alle ore 19.30 di mercoledì 19 giugno, il concerto della Fanfara del Presidio del Comando Marittimo Sud Taranto.

Presentata da Nicla Pastore, l’esibizione dell’importante organico orchestrale sarà preceduta dai saluti dell’ingegnere Francesco Lupoli, Sindaco di Pulsano, e dell’Ammiraglio Salvatore Vitiello, Comandante Marittimo Sud.

Nel concerto la Fanfara del Presidio del Comando Marittimo Sud Taranto, diretta dal 1° Luogotenente Michele Di Sabato, eseguirà suggestivi brani che non mancheranno di affascinare ed emozionare il pubblico di tutte le età.

Si inizia con l’Inno di Mameli, per poi passare all’esecuzione di un programma eterogeneo, in cui saranno eseguite ritmate marce militari, come “La Ritirata”, un tempo eseguita a Taranto dalla banda che, partendo dall’Arsenale fino al Castello Aragonese, avvisava così i marinai in libera uscita che era giunto il momento di ritirarsi in caserma, o il popolarissimo “Inno dei Sommergibilisti”.

Saranno eseguiti anche brani del repertorio tradizionale della canzone italiana, come “Azzurro” di Adriano Celentano, e di quella partenopea, come “O Sole mio” e “O Surdato ‘nnamurato”; alcuni brani saranno dedicati alle colonne sonore di famosi film, come “Otto e Mezzo” di Federico Fellini” e “La vita è bella” di Roberto Benigni.

Fino a mercoledì 19 giugno è ancora visitabile, nel Chiostro del Convento dei Padri Riformati dalle 19.00 alle ore 22.00, la mostra con i cimeli di importante valore storico-culturale messi a disposizione dalla Mostra Storico-Artigiana dell’Arsenale Militare Marittimo di Taranto, un’esposizione allestita in concomitanza del quarantennale della nascita di questa raccolta di oggetti e di documenti che testimoniano la storia dell’Arsenale e delle sue maestranze.

“Pulsano a bordo!” è patrocinata dal Comune di Pulsano che, nella persona del Sindaco Francesco Lupoli, ha fortemente voluto che sul territorio si organizzasse questa importante manifestazione, realizzando una prestigiosa collaborazione con la Marina Militare, in particolare con il Comando Marittimo Sud Taranto e con l’Arsenale Militare Marittimo di Taranto.

Fanfara di Presidio del Comando Marittimo Sud Taranto

La Fanfara di Presidio del Comando Marittimo Sud Taranto trae origini dalla Banda Centrale della Marina Militare quando, nel 1991, venne trasferita nella sede di Roma portando al seguito molti dei Sottufficiali che ne facevano parte. Al rimanente personale si affiancò dapprima un piccolo nucleo di marinai che prestavano servizio di leva e, successivamente, si unì il personale facente parte la Fanfara del Comando in Capo della Squadra Navale, imbarcata all’ora su Nave Giuseppe Garibaldi, raggiungendo così un cospicuo numero di elementi.

La Fanfara del Comando Marittimo Sud Taranto è formata da musicisti inquadrati nei ruoli di Sottufficiali e Truppa in Servizio Permanente e la direzione è affidata al 1° Luogotenente Michele DI SABATO.

Sempre alla ricerca del nuovo da offrire a chi ama la musica, e al fine di mantenere viva la tradizione bandistica italiana, la Fanfara di Presidio, oltre all’esecuzione del più classico repertorio di marce, propone una particolare formazione strumentale capace di fornire un variegato programma, al fine di far conoscere l’ampio repertorio che spazia dalla musica Originale per Banda, alle trascrizioni di musica Classica alla musica Leggera. La Fanfara è alle dipendenze del Comando Marittimo Sud Taranto e svolge per conto dell’Amministrazione attività di promozione e rappresentanza conservando, pertanto, le tradizioni centenarie dei corpi Musicali delle Forze Armate, seguitando a pubblicizzare la Marina Militare in ogni manifestazione nell’intera giurisdizione, nonché in numerose occasioni quando richiesto dallo Stato Maggiore.

Biografia

1° LuogoTenente Michele Di Sabato

Nato a Taranto, intraprende sin da giovanissimo lo studio del clarinetto sotto la guida dei Maestri Michele Martiradonna e Cornelio Martina diplomandosi brillantemente presso il Liceo Musicale “Giovanni Paisiello” di Taranto. Nel 1986 intraprende la carriera militare in qualità di Sottufficiale musicista della Banda Centrale della M.M., prima a Taranto e successivamente a Roma, ricoprendo il posto di primo clarinetto.

Dopo una breve parentesi di tre anni presso la Fanfara dell’Accademia Navale di Livorno, attualmente è Capo Musica della Fanfara di Presidio del Comando Marittimo Sud di Taranto.

Ha frequentato presso il conservatorio San Pietro a Majella di Napoli il corso di Strumentazione e Composizione per Orchestra di Fiati con il M° Paolo Addesso, un corso biennale per Direzione d’Orchestra e Maestro di Coro sotto la guida del M° Mariano Patti; risultando tra gli allievi più meritevoli ha diretto a fine corso, presso il Teatro Sociale di Fasano la “1^ Sinfonia” di Beethoven e presso la chiesa di san Pietro in Monopoli “Le Ebridi” di Mendelssohn.

Autore di marce, allegre e funebri, nel 2017 concorre al “Concorso delle marce inedite XIV edizione” di Mottola con “Memoriam”, premiata come migliore composizione dalla giuria popolare, premio “Franco Leuzzi” e risultando seconda al concorso stesso.

Read 343 times

Le Vignette di Paolo Piccione

…questo non è amore 2018”… e Pinocchio

 

Utenti Online

Abbiamo 901 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa