ANNO XIII  Luglio 2019.  Direttore Umberto Calabrese

Venerdì, 21 Giugno 2019 10:59

Bachelet si incontra a Caracas con alti funzionari in mezzo a proteste

Written by 
Rate this item
(0 votes)
Alto commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, Michelle Bachelet Alto commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, Michelle Bachelet
Organizzazioni sociali e cittadini l'hanno avvertita dei problemi nel sistema sanitario e nei prigionieri politici.

L'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, Michelle Bachelet, si riunisce giovedì con alti funzionari nel suo secondo giorno di visite in Venezuela, caratterizzato da proteste per attirare la sua attenzione sulla grave crisi.

Diverse centinaia di persone si sono radunate in diverse parti di Caracas per mettere in guardia Bachelet sul crollo del sistema sanitario e sull'esistenza di "prigionieri politici", tra più denunce.

"Spero molto per la sua visita, per mettere su i suoi buoni uffici (...) e aiutarci madri, mogli, figli di prigionieri politici", ha detto ad AFP Betzayda Natera, madre di un soldato detenuto da un prigioniero. ribellione contro il presidente Nicolás Maduro lo scorso gennaio.

Ad oggi ci sono 687 detenuti per motivi politici, secondo l'Ong Penal Forum, il cui direttore, Alfredo Romero, sarà ricevuto dall'Alto Commissario insieme ai parenti degli oppositori imprigionati e di quelli uccisi nelle proteste.

"Bachelet, ascolta le persone, non restare rinchiuso con i politici che stanno per dirti che va tutto bene!" I manifestanti hanno gridato davanti al quartier generale del Programma di sviluppo delle Nazioni Unite, dove il diplomatico era giovedi.

Anche gli operatori sanitari e il settore dell'istruzione sono scesi in piazza per denunciare la mancanza di medicinali e di forniture ospedaliere e la precarietà delle scuole.

Secondo l'ONU, a causa di ciò, un quarto della popolazione - equivalente a sette milioni di persone - richiede aiuti umanitari urgenti, mentre quattro milioni sono emigrati dal 2015.

Un rapporto dell'agenzia stima inoltre che il 22% dei bambini sotto i cinque anni soffra di malnutrizione e che 300.000 pazienti sono a rischio a causa della mancanza di farmaci.

Bachelet ha affermato che il rifiuto del governo di riconoscere il problema rende insufficiente la risposta ufficiale, e ha riferito le accuse di "omicidi, detenzioni arbitrarie e torture" da parte delle autorità.

Accusato dai suoi oppositori di violazioni sistematiche dei diritti umani, Maduro ha avvertito mercoledì che si aspetta che la visita di Bachelet "sia per il meglio", mostrandosi aperto ad ascoltare "raccomandazioni".

Il suo cancelliere, Jorge Arreaza, è andato oltre affermando, dopo aver ricevuto il funzionario, che il governo è disposto a "correggere" ciò che è necessario all'ONU.

Sanzioni, in agenda

Bachelet è critico nei confronti delle sanzioni di Donald Trump per soffocare Maduro e in appoggio a Guaidó. In particolare, teme che il divieto di commercio di greggio venezuelano nel mercato statunitense aggraverà le difficoltà.

Il presidente cileno ha affrontato questo problema mercoledì con Arreaza, il quale afferma che il congelamento dei beni negli Stati Uniti e in Europa ha ridotto il budget per importare farmaci e forniture mediche.

Caracas cifra in 30.000 milioni di dollari il danno all'economia a causa delle sanzioni, che Washington avverte con l'indurimento fino alla caduta di Maduro. AFP

Read 322 times

Le Vignette di Paolo Piccione

…questo non è amore 2018”… e Pinocchio

 

Utenti Online

Abbiamo 1166 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa