ANNO XIV Ottobre 2020.  Direttore Umberto Calabrese

Venerdì, 23 Agosto 2019 18:08

Salvini dice di essere pronto a tutto pur di tenere lontano Renzi dal governo

Written by 
Rate this item
(0 votes)

"La situazione è piuttosto confusa" ammette il leader della Lega, "la via maestra è sempre quella delle elezioni"

"Io non mollo. Siamo qui per ridare agli italiani o un governo stabile, con le idee chiare, con una squadra nuova, o si va al voto". Lo ha detto Matteo Salvini in diretta Facebook. "C'era un governo fermo purtroppo da settimane e da mesi. Abbiamo scelto di dare uno scossone di fronte a tutti gli italiani non nel chiuso dei palazzi", ha sostenuto il segretario leghista. "O c'è un accordo per una squadra per lavorare bene nei prossimi anni, a prescindere dalle poltrone, che sono l'ultima cosa che interessano alla Lega" o si va a votare, ha detto ancora. "Io, nel mio piccolo, con tutti i miei errori e i miei problemi, sto qua nel mio ufficio a lavorare".

"E' più facile stare all'opposizione, ma a me non piacciono le cose facili" ha aggiunto, "Lo dirò agli amici dei 5 stelle: 'Ma veramente volete riportare al potere Renzi, la Boschi? Quello che definivano il partito di Bibbiano, di Banca Etruria, della spartizione delle poltrone del Csm?", ha aggiunto. "Son disposto a fare tutto per il bene del nostro Paese però con Renzi no, con la Boschi no", ha ribadito il leader della Lega.

"Che qualcuno stia pensando di riportare al governo, per interessi personali, i Renzi, le Boschi, i Lotti le Boldrini che gli italiani hanno cacciato proprio no. Pur di evitare questo le porte e le vie della Lega sono infinite perché rivedere al governo Renzi e la Boschi proprio no. La situazione politica è piuttosto confusa", si chiarirà nei prossimi giorni. Per la Lega "la via maestra è sempre quella delle elezioni", perché "quando non ci sono maggioranza chiare e progetti comuni" bisogna ridare la parola al popolo.

La Lega ha chiesto il voto anticipato, a meno che il M5s non intenda far ripartire il governo gialloverde. Dopo che il Pd e il M5s hanno aperto a un tentativo di governo politico, FI e FdI hanno chiesto il voto, si chiariscono gli schieramenti in campo. Il presidente Mattarella registra le intenzioni dei partiti, con atteggiamento definito al Colle notarile.

Un pallottoliere virtuale è dunque sulla scrivania del capo dello Stato per capire se la maggioranza dei parlamentari è a favore del voto anticipato o del tentativo di dar vita a un nuovo governo. Oggi, con la salita al Colle dei partiti più grandi, si capirà se la maggioranza potenziale di un governo Pd-M5s-Leu (341 voti alla camera e 171 al Senato) ha una prospettiva reale o no. Ma le difficoltà sono ancora tante, l'intesa sembra in alto mare e il presidente Mattarella intende procedere senza anticipare i tempi. Ecco, passo passo, a che punto siamo .

CAMERA

Gruppi a favore del voto

Lega 125
Forza Italia 104
Fratelli d'Italia 33
Noi con Italia 4

Gruppi a favore del tentativo di nuovo governo

Movimento 5 stelle 221
Partito democratico 111
Liberi e uguali 14
+Europa 3
Civica e popolare 4
Minoranze linguistiche 3
Maie 3

SENATO

Gruppi a favore del voto
 

Lega 58
FI 62
Fdi 18
Gruppo Misto 1-2

Gruppi a favore del tentativo di nuovo governo

Movimento 5 stelle 135
Pd 51
Autonomie: 6 senatori oltre ai senatori a vita Cattaneo e Napolitano e a due altri senatori a vita non iscritti (Renzo Piano e Carlo Rubbia)
Misto: 11-12 senatori, oltre ai senatori a vita Liliana Segre e Mario Monti.

Read 349 times

Utenti Online

Abbiamo 1015 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine