ANNO XV Aprile 2021.  Direttore Umberto Calabrese

Martedì, 01 Ottobre 2019 16:56

Grottaglie – Arlotta - Dopo il piano Italian Spaceport 2030 c’è il piano per il terminal passeggeri?

Written by 
Rate this item
(0 votes)

 Il presidente del movimento TARANTO, DIRITTO DI VOLARE Alfredo Luigi Conti, dopo aver accolto con grande soddisfazione la presentazione del progetto ITALIAN SPACEPORT il 3 agosto scorso a Palazzo di Città di Taranto, chiede al Presidente Emiliano e ad Aeroporti di Puglia di conoscere l’attuale situazione e la messa in gara dello stesso entro fine anno.

 Mi era parso di capire – scrive Conti-  che entro settembre sarebbe stato presentato il progetto definitivo per avviare successivamente l’iter amministrativo, riguardante il bando per la gara d’appalto del terminal passeggeri entro la fine di questo anno. Era previsto il rifacimento totale per renderlo totalmente funzionale secondo le normative ICAO, con tutte le caratteristiche di una aerostazione moderna. Il tutto in considerazione della grande prospettiva che è lo Spazioporto che significa invitare gli investitori internazionali a puntare su Grottaglie. Quale migliore occasione - dice ancora "Taranto, diritto di volare- per rendere un aeroporto civile d’interesse nazionale adeguato ad accogliere tutti i tipi di traffici aerei, ricordando che abbiamo la pista più lunga dell’Italia meridionale?

 

Della sua totale operatività beneficerebbe la Puglia intera. Inoltre con la piena attivazione dei voli civili dall’aeroporto di Taranto – Grottaglie, che sarebbe anche al servizio della Basilicata e della Calabria del versante ionico, si compenserebbero le ipotetiche previsioni di traffico insufficiente da Taranto (anche se noi, e non solo noi, non siamo d’accordo). Chiaramente se non c’è un terminal passeggeri adeguato, non si può ambire ai voli commerciali passeggeri. Tra l’altro - aggiunge il Presidente Conti- la stazione passeggeri è stata finanziata totalmente, con 7 milioni di euro, di cui 5 derivanti dalle economie della Delibera CIPE n° 62/11 e 2 milioni di euro a valere sulle risorse di cui alla DGR 444/2018 (royalties idrocarburi).  Sarebbe auspicabile l’utilizzo della compagnia irlandese RYANAIR e di altri vettori. E a tale proposito il presidente Emiliano ha dichiarato di recente che “si sta valutando l’ipotesi di far diventare l’aeroporto di Taranto – Grottaglie una base operativa di RYANAIR”.

E allora facciamo squadra tutti (Regione, Provincia, Comuni e la Provincia di Taranto) per riemergere dallo stato di stallo degli ultimi 20 anni.

Cav. Alfredo Luigi CONTI

Presidente Movimento TARANTO, DIRITTO DI VOLARE

Read 567 times

Utenti Online

Abbiamo 958 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine