ANNO XIV Febbraio 2020.  Direttore Umberto Calabrese

Sabato, 05 Ottobre 2019 18:20

Due giorni di scontri in Ecuador contro il caro carburante

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Gilet gialli in versione sudamericana. Scontri di piazza a Quito, capitale dell'Equador, a causa del malcontento della popolazione per i tagli ai sussidi sul carburante. La misura è stata imposta dalle circostanze, sostiene Lenin Moreno, il presidente del paese latinoamericano.

Sarebbe infatti il prezzo da pagare alle drastiche strategie di finanza pubblica richieste dal fondo monetario internazionale. Il sostegno alla popolazione per il carburante esisteva da quarant'anni e, secondo il governo, costano al paese oltre un miliardi di euro l'anno. Troppo, per chi è alle prese con un intervento di stabilizzazine dell'Fmi. L'argomento non ha convinto gli ecuadoriani che hanno messo a ferro e fuoco il centro della capitale per due giorni consecutivi. I disordini si sono poi estesi anche a Guayaquil, dove il presidente si è recato con grande urgenza. Per i disordini sono finite dietro le sbarre oltre trecentosettanta persone. Lenin Moreno capo dello stato dal 2017, ha preso il posto del suo controverso ex alleato Rafael Correa, accusato di corruzione. è bene ricordare che Correa diede asilo a Julian Assange nel 2012. (Sergio Cantone - Euronews)

Read 301 times

Le Vignette di Paolo Piccione

…questo non è amore 2018”… e Pinocchio

 

Utenti Online

Abbiamo 930 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa