ANNO XIII Dicembre 2019.  Direttore Umberto Calabrese

Venerdì, 25 Ottobre 2019 14:05

Omicidio Roma, fermati due 20enni Killer denunciato dalla madre, movente legato alla droga

Written by 
Rate this item
(0 votes)
Valerio Del Grosso, uno dei due fermati per l'omicidio di Luca Sacchi Valerio Del Grosso, uno dei due fermati per l'omicidio di Luca Sacchi

La vittima, Luca Sacchi, aveva 24 anni. Fermati due 21enni: volevano vendere la droga poi lo scippo. Avevano notato che la ragazza aveva molti soldi nello zainetto. ermati due 20enni per la morte di Luca Sacchi. Già noti alle forze dell'ordine, sono stati trasferiti a Regina Coeli  dopo l'interrogatorio. Gli inquirenti - sulle loro tracce grazie alle telecamere che avevano ripreso l'auto allontanarsi dalla scena del delitto - li hanno fermati: "Non si sono costituiti" . Un genitore, insospettito perché il figlio era sparito, era andato in Commissariato: "Ha fatto una cazzata".

Sono stati fermati dopo l'interrogatorio in Questura i due ragazzi sospettati per la morte di Luca Sacchi, il 24enne ucciso due sere fa a Roma.
Valerio Del Grosso e Paolo Pirino, entrambi 21enni e romani, sono accusati di concorso in omicidio. Uno in un'auto della polizia e l'altro dei carabinieri, sono stati portati nel carcere di Regina Coeli.

Secondo una prima ricostruzione Luca Sacchi e la ragazza volevano acquistare droga ma poi le cose sono degenerate fino al tragico epilogo. Dai primi accertamenti i due fermati, notando che nello zainetto della donna c'erano parecchi soldi, si sono offerti di procurare lo stupefacente per poi ritornare armati di pistola e rapinare la ragazza. Alla reazione di Luca hanno poi sparato in testa al giovane.

"La droga? Non c'entra niente. Luca era lì per guardare il fratellino piccolo che si trovava nel pub". A parlare ai microfoni del Tg1 è Anastasia Kylemnyk, la fidanzata di Luca Sacchi, il giovane ucciso ieri a Roma da due ventenni arrestati che oggi sono stati arrestati. "Luca non ha mai incontrato gli spacciatori - ha aggiunto Anastasia -. Non ho visto e sentito nulla. Ho sentito solo la voce di un ragazzo romano e giovane. Mi ha detto 'dammi sto zaino'. E Luca mi ha protetto come ha sempre fatto: l'ha messo a terra e forse per questo si sono spaventati".

La pistola, forse una calibro 38, utilizzata dagli aggressori di Luca Sacchi, non è stata ancora ritrovata.

"Temo sia stato mio figlio, forse è coinvolto nell'omicidio di Luca Sacchi, ha fatto una cazzata". Questo è quanto avrebbe detto la mamma del ragazzo sospettato di avere ucciso con un colpo di pistola il 24enne. La donna si è recata nella tarda serata di ieri in un commissariato accompagnata dall'altro figlio per comunicare i suoi sospetti. Da lì sono poi scattate le indagini dei carabinieri che con la polizia hanno poi bloccato i sospettati. A sparare sarebbe stato un incensurato, il complice avrebbe precedenti per droga.


"E' stata un'indagine lampo".
Lo ha detto il dirigente della Squadra Mobile di Roma, Luigi Silipo, dopo il fermo dei due presunti responsabili della morte di Luca Sacchi. "Non si sono assolutamente costituiti - hanno detto gli investigatori - sono stati raccolti elementi e poi sono stati catturati fuori dal domicilio, in luoghi dove si nascondevano. Hanno usufruito di legami familiari e di conoscenze". Uno dei due è stato rintracciato in un residence ed entrambi "non hanno opposto resistenza". Il colonnello Mario Conio, comandante del Reparto operativo dei Carabinieri di Roma ha sottolineato: "Si è subito lavorato in piena coordinazione e sinergia tra Questura e comando provinciale dei carabinieri di Roma".

I due fermati, Valerio Del Grosso e Paolo Pirino, si stavano nascondendo. Lo hanno riferito il capo della Squadra Mobile di Roma Luigi Silipo e il colonnello Mario Conio, comandante del Reparto operativo dei Carabinieri di Roma. Uno è stato rintracciato in un residence mentre l'altro in una casa. Sono entrambi del quartiere San Basilio. L'auto con cui si sono dati alla fuga è stata sequestrata. Ai due si è arrivati anche grazie a una serie di testimoni che hanno fornito elementi determinati per individuare e rintracciare i presunti autori dell'omicidio.

"Grazie al grande gesto d'amore della famiglia che ha deciso di donare gli organi di Luca, il ragazzo ucciso durante una rapina, e all'autorizzazione della Magistratura si è messa in moto la complessa macchina del sistema dei trapianti del Lazio. Gli organi del ragazzo sono tecnicamente idonei e questo consentirà di salvare molte vite umane". E' quanto fa sapere l'Assessore alla Sanità e l'Integrazione Sociosanitaria della Regione Lazio, Alessio D'Amato.

Una media di 7 tonnellate di droga sequestrata a Roma negli ultimi anni, a fronte di migliaia di arresti ogni anno, per un giro di affari di 50 milioni di euro ogni anno. E' quanto emerge dal Rapporto Mafie nel Lazio. Tra le caratteristiche dello spaccio romano, ci sono le cosiddette piazze 'aperte' come quelle del centro storico o dei quartieri della movida, dove la droga viene comprata in strada, e quelle 'chiuse' in periferia, con sentinelle e telecamere che sorvegliano lo spaccio. Tra queste ultime, quelle con gli affari più fiorenti sono quella di San Basilio, Tor Bella Monaca, Primavalle, Ostia, Tuscolano, Romanina, e Trastevere. Tra i clan più attivi nel traffico, ci sono i Casamonica, il gruppo Senese e i Gallace.

Gabrielli, Roma ha problemi ma non è Gotham City - "Che Roma abbia i suoi problemi credo nessuno lo riconosca, ma rappresentarla come Gotham City..." Lo ha detto il capo della polizia Franco Gabrielli, commentando l'omicidio di ieri nella Capitale. I responsabili, ha aggiunto, "sono stati subito individuati e sono stati definiti i contorni di una vicenda che con una città alla deriva ed in mano al crimine ha poco a che fare".
"Gli accertamenti che l'autorità giudiziaria disvelerà quando riterrà opportuno non ci raccontano la storia di due poveri ragazzi scippati. Lo dico tenendo sempre ben presente, non vorrei essere equivocato su questo, che stiamo parlando della morte di un ragazzo di 24 anni", ha detto il capo della polizia. Con informazioni dell'Ansa

Read 602 times

Le Vignette di Paolo Piccione

…questo non è amore 2018”… e Pinocchio

 

Utenti Online

Abbiamo 1243 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa