ANNO XIV Giugno 2020.  Direttore Umberto Calabrese

Lunedì, 04 Novembre 2019 14:18

Da Mosca milioni di dollari ed euro in contanti al Venezuela di Maduro

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Mosca ha inviato in Venezuela almeno 315 milioni di dollari in contanti con sei diversi voli tra il maggio del 2018 e l'aprile di quest'anno: secondo Bloomberg il denaro ha "fornito un'ancora di salvezza" al Paese "mentre le sanzioni Usa ne limitano l'accesso al sistema finanziario globale". L'agenzia di stampa sottolinea che "i contanti venivano da prestatori gestiti dai governi dei due Paesi".

Centinaia di milioni di dollari in contanti sono stati inviati dalla Russia al Venezuela, che fornisce un'ancora di salvezza al paese sudamericano, poiché le sanzioni statunitensi limitano il suo accesso al sistema finanziario globale.

Un totale di $ 315 milioni di banconote in dollari ed euro sono stati inviati in sei spedizioni separate da Mosca a Caracas da maggio 2018 ad aprile 2019, secondo i dati esaminati da Bloomberg di ImportGenius, che ha compilato i registri doganali russi ottenuti attraverso fonti private I contanti provengono da istituti di credito amministrati dai governi dei paesi e sono andati alla banca di sviluppo del Venezuela, secondo i registri.

Mentre il denaro potrebbe essere per qualsiasi quantità di cose, come il Venezuela che rimpatria denaro all'estero o dividendi da una partecipazione in una banca con sede a Mosca o entrate dalle vendite di greggio o oro, la complessa impresa logistica mostra uno dei modi in cui che il presidente Nicolás L'amministrazione Maduro ha cercato di evitare le sanzioni finanziarie aggressive degli Stati Uniti. A seguito del controllo, la banca centrale sta effettuando più transazioni in contanti, offrendo talvolta ai clienti locali l'accesso alle banconote in euro.

I dati di ImportGenius vanno fino ad aprile di quest'anno. Quel mese, circa 97 milioni di dollari in banconote furono inviati con due accuse dall'evrofinanza Mosnarbank di Mosca alla Banca di Sviluppo Economico e Sociale del Venezuela, o Bandes. Evrofinance è una joint venture tra Bandes e l'agenzia statale di gestione della proprietà della Russia.

Perché il Venezuela ha due presidenti, uno scontro spinoso: QuickTake

A gennaio, il prestatore controllato dallo stato Gazprombank, che aveva un interesse in Evrofinance, aveva inviato fatture per un valore di $ 113 milioni. La stessa entità ha inviato $ 50 milioni in dollari americani solo due giorni prima e due spedizioni separate di valuta non specificata per un totale di $ 55 milioni sono state effettuate a maggio e luglio dello scorso anno.

Gli addetti stampa dell'eminanza non hanno risposto alle richieste di commento. Le richieste fatte a Bandes tramite il Ministero delle finanze del Venezuela sono state reindirizzate al Ministero delle informazioni, che non ha risposto.

Un funzionario del governo venezuelano, che ha chiesto di non essere identificato per discutere di questioni delicate, ha confermato che il paese aveva ricevuto spedizioni in contanti collegate a Evrofinance, ma ha rifiutato di commentare ulteriormente.

Il portavoce di Gazprombank, Anton Trifonov, ha rifiutato di commentare le spedizioni in contanti, ma ha osservato che "il conto corrispondente di Bandes con Gazprombank, così come qualsiasi cooperazione tra banche, è stato completamente cancellato a marzo 2019".

Il regime venezuelano ha fatto tutto il possibile per mantenere l'accesso alla valuta forte, poiché la repressione degli Stati Uniti la lascia isolata dai sistemi finanziari convenzionali e le principali banche si rifiutano di fare affari con Maduro. Tra le altre società, il regime ha utilizzato vendite segrete di oro per raccogliere fondi, mentre studiava la possibilità di utilizzare criptovalute o un sistema di pagamento globale gestito dalla Russia per inviare denaro.

Bandes è stata sanzionata a marzo dagli Stati Uniti, che hanno affermato che Maduro utilizza i conti della banca per mantenere una notevole quantità di denaro all'estero, principalmente in Europa. I funzionari hanno detto che il governo venezuelano ha iniziato a ritirare fondi dalla banca centrale, trasferendoli a Bandes.

L'anno scorso, Evrofinance è stata selezionata dal governo Maduro per gestire alcuni pagamenti ai suoi fornitori, che sono stati invitati a canalizzare le transazioni internazionali attraverso la banca di Mosca. Più tardi quell'anno, il Venezuela nominò un ex membro del consiglio di amministrazione di Evrofinance come alto funzionario del sistema bancario nazionale.

Di Patricia Laya / Jake Rudnitsky / Ben Bartenstein / bloomberg.com

Libera traduzione Agorà Magazine

Read 378 times

Le Vignette di Paolo Piccione

…questo non è amore 2018”… e Pinocchio

 

Utenti Online

Abbiamo 1046 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa