ANNO XIV Giugno 2020.  Direttore Umberto Calabrese

Lunedì, 30 Dicembre 2019 00:00

Il 2019 si chiude con la violazione dell'immunità parlamentare di almeno 23 deputati al Parlamento venezuelano

Written by 
Rate this item
(0 votes)

La persecuzione giudiziaria contro i deputati dell'opposizione non è una novità, dal momento che dal 2015, anno in cui è stato eletto il Parlamento, ci sono stati eventi che violano i diritti dei legislatori, in particolare la loro immunità parlamentare. In effetti, per l'anno 2019, il numero di deputati perseguitati era di 23.

Il primo deputato a cui fu revocata l'immunità fu il presidente dell'Assemblea nazionale (AN), Juan Guaidó. Il 2 aprile è stato vittima del duo formato dalla Corte suprema di giustizia (TSJ) e l'Assemblea costituente nazionale (ANC), che ha violato la prerogativa parlamentare, ha avviato un procedimento giudiziario contro di lui.

Il processo iniziato contro Guaidó non fu la prima persecuzione contro di lui. Il 29 gennaio, lo stesso TSJ ha ordinato il divieto di lasciare il paese per il vice di La Guaira.

Nel 2019, un particolare evento è stato usato come scusa per avviare il procedimento contro la maggior parte dei deputati: la rivolta del 30 aprile. A seguito degli eventi di quel giorno, in cui un gruppo di militari ha ignorato Nicolás Maduro come capo di stato, il TSJ e l'ANC hanno continuato a mancare di rispetto a questa garanzia costituzionale di diversi deputati.

Il primo deputato a essere perseguito entro tale data fu anche il primo vice presidente dell'AN, Édgar Zambrano, che dopo il 2 maggio il TSJ ammise una richiesta di indagine contro di lui fatta dal Ministero Pubblico sotto gli ordini di Tarek William Saab. Cinque giorni dopo, il 7 maggio, l'ANC ha proceduto a "appiattire" la sua immunità parlamentare e l'8 maggio, membri del servizio di intelligence bolivariano (Sebin) lo hanno arrestato. Non è stato fino al 17 settembre che è stato rilasciato con una presentazione e il divieto di lasciare il paese.

Il 7 maggio, giorno in cui l'ANC procedette contro Zambrano, furono anche annunciati i nomi di altri cinque deputati che avrebbero visto la loro immunità livellata dagli eventi del 30 aprile: Richard Blanco, Mariela Magallanes, Américo De Grazia , Henry Ramos Allup e Simón Calzadilla.

Il giorno dopo, l'8 maggio, altri quattro nomi lo hanno aggiunto all'elenco: Luis Florido, Freddy Superlano, Juan Andrés Mejía e Sergio Vergara, quest'ultimo ha persino fatto irruzione nella sua residenza il 21 marzo, quando Il governo ha catturato Roberto Marrero, segretario dell'ufficio di Juan Guaidó.

L'elenco delle persone coinvolte ed elaborate entro il 30 aprile è completato da Franco Casella, Winston Flores, Miguel Pizarro e Carlos Paparoni, che il 14 maggio il TSJ ha autorizzato il processo e Rafael Guzmán, che è stato violato dalla giurisdizione parlamentare su 29 maggio

Un altro fatto con cui erano collegati ai deputati era con la cosiddetta Operazione Gerico, con la quale hanno perseguito Juan Pablo García, José Guerra e Tomás Guanipa.

Mariela Magallanes, Américo De Grazia ,deputati italo venezuelani, cittadini italiani con passaporto italiano, l'8 maggio si sono rifugiati presso l'Ambasciata italiana e lì sono rimasti per 7 mesi, ora sono da un mese in Italia grazie alla mediazione di Ferdinando Casini, che è andato a Caracas ha ottenuto un salvacondotto da Maduro e li ha portati in Italia, Sempre con passaporto italiano e cittadino italiano è Roberto Marero, di cui non si hanno notizie tranne che ha un cancro e di cui Casini ha richiesto un salvacondotto per farlo curare in Italia, ma ad oggi non si hanno notizie (NdR)

Di Héctor Antolínez / Crónica Uno

Libera traduzione Agorà Magazine

Read 362 times

Le Vignette di Paolo Piccione

…questo non è amore 2018”… e Pinocchio

 

Utenti Online

Abbiamo 1283 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa