ANNO XIV Giugno 2020.  Direttore Umberto Calabrese

Giovedì, 09 Gennaio 2020 16:15

Taranto – Periferie – Lettera aperta, i cittadini di Lama aspettano un serio intervento in Via Mediterraneo

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Egregio Sindaco Dott. Melucci Rinaldo, sono passati già 3 anni e oltre (richiesta inoltrata in precedenza all’ex Sindaco Stèfano, dopo le raccolte firme, e in seguito a Voi, sempre come lettera aperta) per l’assurda situazione di via Mediterraneo, mancante di marciapiede in alcuni tratti, dove è strettamente necessario metterli.

Egregio Signor Sindaco dalle foto/filmati che Vi alleghiamo, scattate/riprese in via Mediterraneo (oggi, 8 gennaio 2020), si evince l’assenza totale di marciapiedi sul lato destro e parte sulla sinistra, in direzione verso la litoranea o verso viale Europa (Talsano), il manto stradale è pieno di toppe “Foto” (alla prima pioggia, si riformano le buche), in alcuni tratti laterali al manto stradale, ci sono delle voragini di almeno 15 centimetri profonde  “foto”. La responsabilità della P.A. non è dunque limitata al solo nastro stradale, ma anche, ad esempio, alle piazzole di sosta, al fine di garantire sicurezza e fluidità di circolazione (art.14 Cod. della Strada). La risoluzione delle mancanze di dotazione infrastrutturale richiede la realizzazione di nuove infrastrutture atte a completare e interconnettere la rete esistente, le cui caratteristiche funzionali e geometriche sono definite dal D.M. 5.11.2001 e da quelli successivamente emanati ai sensi dell’art. 13, comma 1, del D. L.vo 285/92.  Art. 2 Definizione e classificazione delle strade (1). Art. 3 Definizioni stradali e di traffico (1).

Taranto, 8 gennaio 2020

DISTINTI SALUTI

Cav. Alfredo Luigi CONTI

Presidente Pro Tempere Comitato "SICUREZZA IN VIA MEDITERRANEO"

Presidente Movimento TARANTO, DIRITTO DI VOLARE!

Read 338 times

Media

Le Vignette di Paolo Piccione

…questo non è amore 2018”… e Pinocchio

 

Utenti Online

Abbiamo 1253 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa