ANNO XIV Aprile 2020.  Direttore Umberto Calabrese

Venerdì, 10 Gennaio 2020 17:29

La bellezza come terapia. 10 ragazzi e ragazze con sindrome di Down, modelli per un giorno

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Così un acconciatore festeggia i suoi 30 anni di attività  La bellezza come terapia per alleviare dolore fisico e psichico. Donare un sorriso a chi è in difficoltà in una giornata per lui indimenticabile.

Partendo dallo spunto di uno psichiatra che in tv parlò della bellezza come cura, Donato Alba imprenditore montemesolino, ha deciso di festeggiare i suoi 30 anni di attività da acconciatore senza feste frivole ma dedicando una giornata di bellezza a 10 tra ragazzi e ragazze con la sindrome di Down, i quali saranno modelli e modelle per un giorno.

«Loro sono la bellezza del pianeta con la loro sensibilità e con il loro sorriso – dichiara Donato Alba -. Poter contribuire alla loro felicità e ad accrescere il loro entusiasmo, credo sia il modo migliore per festeggiare i miei 30 anni di lavoro, ripercorrendo le emozioni che ho provato dal primo giorno: gratitudine, stupore e, perché no, un pizzico di orgoglio».

La giornata è in programma per lunedì 13 gennaio a partire dalle ore 9.00 fino alle ore 12.00, uno spazio esclusivamente dedicato a questi ragazzi con la collaborazione dell’Associazione Anffas Onlus di Taranto che, dal 1971, si prodiga sul territorio avvalendosi di numerosi volontari oltre che di personale altamente qualificato per promuovere assistenza e integrazione per le persone con disabilità intellettiva come la sindrome di Down.

«Tutti possiamo e dobbiamo sentirci belli. La bellezza è una forma di inclusione ed è anche una terapia. Prenderci cura di noi stessi e dell’altro – continua Alba – oltre ad una valenza pedagogica importante, ci aiuta ad alleviare il dolore fisico e il dolore psichico».

Read 739 times

Le Vignette di Paolo Piccione

…questo non è amore 2018”… e Pinocchio

 

Utenti Online

Abbiamo 926 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa