ANNO XIV Settembre 2020.  Direttore Umberto Calabrese

Martedì, 21 Gennaio 2020 15:36

Cina: i morti per il virus salgono a 6. Oms: riunione d'emergenza

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Scattano i controlli negli aeroporti sul coronavirus. Ministero: evitate i viaggi non necessari a Wuhan. Un caso sospetto in Australia.

Si aggrava in Cina il bilancio dei morti a causa del misterioso virus, simile alla Sars, comparso dal dicembre scorso. Le autorità sanitarie hanno annunciato che le vittime sono salite a sei.   

E dall'Australia arriva la notizia di un primo caso sospetto su un uomo appena rientrato proprio dalla Cina. Ieri sono stati gli stessi esperti della commissione della salute cinese a confermare che il virus è trasmissibile da uomo a uomo. L'Organizzazione Mondiale della Sanità ha convocato per domani un Comitato di emergenza.

Aumentano anche i casi delle persone contagiate: ce ne sono 77 nuovi, portando a 291 il totale. 

Il direttore scientifico Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Spallanzani di Roma, Giuseppe Ippolito fa sapere che "secondo le ultime informazioni, 14 operatori sanitari sarebbero stati colpiti dal nuovo coronavirus". E' un fatto che preoccupa molto, poichè c'è il rischio che si possano determinare delle epidemie negli ospedali, come già si è verificò nel 2002-2003 per la Sars in alcuni ospedali di Canada e Corea"

RESTRIZIONI AI VIAGGI: "Se i dati confermassero un'estensione del focolaio del nuovo coronavirus non si escludono misure più importanti a livello internazionale, che potrebbero esser prese domani dall'Organizzazione Mondiale della Sanità: dai controlli più serrati negli aeroporti allo sconsigliare spostamenti, fino alle restrizioni dei viaggi, chiaramente non da tutta la Cina ma solo dalla città di Wuhan". A spiegarlo all'ANSA è Gianni Rezza, direttore del Dipartimento Malattie infettive dell'Istituto superiore di Sanità. I dati che arrivano sono frammentari, si parla di 300 casi ufficialmente confermatidel nuovo virus, ma quelli reali sarebbero verosimilmente circa 1700. Un numero "tutto sommato ancora ristretto" ma "seppure sia basso, il rischio che il virus arrivi in Europa esiste", afferma Rezza. A quanto sembra dagli elementi a disposizione, prosegue, "il nuovo virus sembra essere meno aggressivo e virulento di quello della Sars e questo potrebbe renderlo un po' più difficile da tenere sotto sorveglianza, perché i casi meno gravi tendono di più a sfuggire dal controllo". D'altronde, prosegue, "con la Sars furono prese misure molto drastiche, grazie alle quali si è riusciti ad arginare una minaccia globale importante: ovvero restrizioni a viaggi internazionali, che per ora non sono state disposte, controlli dei viaggi in partenza e in arrivo, che sono già stati adottati, e la messa in quarantena dei contatti".

"Stiamo seguendo la situazione" del virus cinese "in contatto col Centro europeo di controllo e prevenzione delle malattie (Ecdc). Una riunione con gli Stati membri c'è già stata il 17 gennaio e ne è stata convocata una per domani, dopo una nuova valutazione del Centro". Così un portavoce della Commissione europea. "L'organizzazione mondiale della sanità non ha raccomandato restrizioni sui viaggi, e anche il comitato d'urgenza dell'Oms si riunirà domani".

Scattano i controlli negli aeroporti sul coronavirus. Ministero: evitate i viaggi non necessari a Wuhan. Un caso sospetto in Australia.

Si aggrava in Cina il bilancio dei morti a causa del misterioso virus, simile alla Sars, comparso dal dicembre scorso. Le autorità sanitarie hanno annunciato che le vittime sono salite a sei.   

E dall'Australia arriva la notizia di un primo caso sospetto su un uomo appena rientrato proprio dalla Cina. Ieri sono stati gli stessi esperti della commissione della salute cinese a confermare che il virus è trasmissibile da uomo a uomo. L'Organizzazione Mondiale della Sanità ha convocato per domani un Comitato di emergenza.

Aumentano anche i casi delle persone contagiate: ce ne sono 77 nuovi, portando a 291 il totale. 

Il direttore scientifico Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Spallanzani di Roma, Giuseppe Ippolito fa sapere che "secondo le ultime informazioni, 14 operatori sanitari sarebbero stati colpiti dal nuovo coronavirus". E' un fatto che preoccupa molto, poichè c'è il rischio che si possano determinare delle epidemie negli ospedali, come già si è verificò nel 2002-2003 per la Sars in alcuni ospedali di Canada e Corea"

RESTRIZIONI AI VIAGGI: "Se i dati confermassero un'estensione del focolaio del nuovo coronavirus non si escludono misure più importanti a livello internazionale, che potrebbero esser prese domani dall'Organizzazione Mondiale della Sanità: dai controlli più serrati negli aeroporti allo sconsigliare spostamenti, fino alle restrizioni dei viaggi, chiaramente non da tutta la Cina ma solo dalla città di Wuhan". A spiegarlo all'ANSA è Gianni Rezza, direttore del Dipartimento Malattie infettive dell'Istituto superiore di Sanità. I dati che arrivano sono frammentari, si parla di 300 casi ufficialmente confermatidel nuovo virus, ma quelli reali sarebbero verosimilmente circa 1700. Un numero "tutto sommato ancora ristretto" ma "seppure sia basso, il rischio che il virus arrivi in Europa esiste", afferma Rezza. A quanto sembra dagli elementi a disposizione, prosegue, "il nuovo virus sembra essere meno aggressivo e virulento di quello della Sars e questo potrebbe renderlo un po' più difficile da tenere sotto sorveglianza, perché i casi meno gravi tendono di più a sfuggire dal controllo". D'altronde, prosegue, "con la Sars furono prese misure molto drastiche, grazie alle quali si è riusciti ad arginare una minaccia globale importante: ovvero restrizioni a viaggi internazionali, che per ora non sono state disposte, controlli dei viaggi in partenza e in arrivo, che sono già stati adottati, e la messa in quarantena dei contatti".

"Stiamo seguendo la situazione" del virus cinese "in contatto col Centro europeo di controllo e prevenzione delle malattie (Ecdc). Una riunione con gli Stati membri c'è già stata il 17 gennaio e ne è stata convocata una per domani, dopo una nuova valutazione del Centro". Così un portavoce della Commissione europea. "L'organizzazione mondiale della sanità non ha raccomandato restrizioni sui viaggi, e anche il comitato d'urgenza dell'Oms si riunirà domani".

Il VADEMECUM per i viaggiatori

 

La paura del contagio pesa sui mercati

In calo i listini europei per i timori legati al virus cinese © ANSA

Il timore per l'espansione del contagio del coronavirus dalla Cina centrale verso altri Paesi sta contagiando i listini Europei che proseguono la seduta in netto calo ed i futures statunitensi in negativo. I comparti azionari sotto pressione sono quelli del lusso, energia e beni di prima necessità, con gli analisti finanziari che temono un impatto sui consumi domestici. In rosso Milano (-1,3%), Londra (-1,1%), Parigi (-1%), Francoforte (-0,4%) e Madrid (-0,8%).

Le Borse asiatiche hanno chiuso in calo con gli investitori che temono un'espansione del contagio del coronavirus proveniente dalla Cina. In rosso Tokyo (-0,91%), con gli investitori che fanno scattare le prese di profitto dopo che l'indice nipponico ha raggiunto i massimi in 16 mesi. In rosso i listini della Cina con Shanghai (-1,4%), Shenzhen (-1,3%) e in forte calo Hong Kong (-2,7%). Male anche Seul (-1%) e Mumbai (-0,3%). Con informazione Ansa

Read 264 times

Utenti Online

Abbiamo 1205 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine