ANNO XVIII Febbraio 2024.  Direttore Umberto Calabrese

Venerdì, 06 Marzo 2020 03:20

Taranto – Andrea da garzone a imprenditore, lunedì 9 marzo apre il suo supermercato

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Gli anglo-sassoni lo chiamano development, lo sviluppo legato alla persona, all’impresa, l’impresa di Andrea Sgobba, tarantino, può essere annoverata così.

Poi c’è il valore aggiunto di Taranto e il suo borgo, cose maledettamente legate alla nostra passione di borgatari che ci spingono a parlare sempre di ciò che rinasce.

E l’impresa del nostro giovane nasce proprio nel posto dove sorse un supermercato di cui parlammo in un’articolo del marzo del 2017 quando raccogliemmo alcune impressioni tra i commercianti.

Si trattava allora di un negozio di supermercati “Tuttosconto” il cui titolare non era tarantino – il tempo imperfetto è legato al fatto che poi ha chiuso -.  

Proprio Andrea, col suo negozietto di bibite all’ingrosso e alimentari, ci disse allora: “ci confronteremo, nel mercato”.

Ora in quello stesso spazio c’è lui. Che dire? Aveva perfettamente ragione Andrea: il mercato, quello che gli economisti chiamano marketing operativo, lo ha premiato. Tutto pronto per l’inaugurazione del punto vendita che, guarda la circostanza, avviene nello stesso mese di marzo, ma stavolta nel 2020.

Abbiamo spesso parlato di Via Oberdan, non solo perché ci interessa come area di contatti, ma anche perché da tempo le luci qui erano spente. E allora mi piace raccontare come si illumina anche osservando intorno nel quadrilatero ed ecco che spunta un’altra luce.

Una cosa è certa e l’impenitente borgataro che è in me lo sottolinea, restaurare è meglio che abbattere e questo il senso di un attività di servizio nell’edilizia che appare all’angolo di Via Duca Di Genova con Via Oberdan e lascia una luce che colpisce.

Ecco: quando la luce s’accende, dopo anni di saracinesche chiuse, lo scrivente gongola, è questo il Borgo che ci piace.

Il negozio tutto luce nell'Insegna declama “Restaurare Facile”, con quell'aggettivo che spesso viene richiamato nella pubblicità e anche nei servizi di enti, come per smontare preoccupazioni. Si capisce dalla pubblicità nazionale che si opera in franchising. 

Un semplice abboccamento con lo scrivente – ma lo scrivono anche nel loro sito -, fanno tutto per i privati, ma non per i condomini. “Dio ce ne scampi”, parrebbero dire, da quelle assisi gestiti da amministratori sedicenti, dove assenteisti e menefreghisti non pagatori mettono in croce tutti. 

Anche se il Borgo con le sue facciate avrebbe bisogno di restauri…Tant’è!  Già nel ‘700 insigni urbanisti rammentavano che il restauro ci riconcilia col passato e fa i conti col futuro.

un anteprima del supermercato di Andrea preso da Facebook

Ma tornando al nostro Andrea, il restauro è dell’esistenza, la sfida sta nell’emancipazione, nell’avventura, lui stesso ne parla come un lanciarsi in avanti. Noi nel nostro girovagare nel borgo raccogliamo le sfide, le facciamo nostre per vedere rinascere Taranto, perché al di là di tutto, il futuro della città non parte solo dai monumenti, dai salotti urbani delle ‘vasche’, ma anche delle vie minori che sono il corpo della città e meritano attenzione. E qui non abbiamo dubbi sono tutti contenti di questo ragazzo che abbiamo visto crescere da garzone, poi commesso nel fruttivendolo del gioielliere della frutta. In questo articolo del 2015 parlammo del suo inizio nell’apertura del piccolo negozio di ingrosso bibite.

Ora invece celebriamo il salto.

 

Tutto da scoprire a partire da lunedì 9 marzo in Via Oberdan 22, dal volantino si parla anche di prenotazioni via Whatsapp – e di questi tempi… ci piace l’idea - e se avesse un pos portatile potrebbe anche il commesso farsi pagare con carta a domicilio. Un avventura che ci piace condividere. Ad maiora

Read 9999 times Last modified on Venerdì, 06 Marzo 2020 03:38

Utenti Online

Abbiamo 1108 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine