ANNO XIV Novembre 2020.  Direttore Umberto Calabrese

Venerdì, 06 Marzo 2020 04:48

Il Cile conferma il quarto caso. Ecuador ha il maggior numero di contaggiati 13 segue il Brasile con 8 casi

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Coronavirus in America Latina: Ecuador 13 casi, Brasile 8 casi, Cile 4 casi; Argentina 2 casi, Rep. Domenicana 2 casi. In Costa Rica e Venezuela niente segno della pace e comunione in mano così hanno disposto le locali Chiese Cattoliche

Il Cile ha confermato giovedì il suo quarto caso di coronavirus, mentre il presidente Sebastián Piñera ha guidato un incontro presso la sede del governo per discutere le misure per affrontare l'epidemia nel paese.

Tre giorni dopo la comparsa del primo infetto, il Ministero della Salute cileno ha confermato un quarto infetto: è un uomo di 40 anni di Santiago, arrivato in Cile dopo aver viaggiato in Italia.

La persona è entrata nel paese il 29 febbraio, dall'Italia, un paese che ha un focolaio di questa malattia nella comunità. È stato presentato ieri (mercoledì) a un centro sanitario privato con sintomi associati a una condizione respiratoria ", ha affermato una dichiarazione del Ministero della Salute.

Come gli altri tre infetti, "la persona è in buona salute generale ed è stata mandata a casa sua, dove rimarrà sotto sorveglianza epidemiologica".

Nel frattempo, durante la mattinata il presidente Piñera ha guidato un incontro del governo con ministri e sottosegretari per discutere le misure per affrontare un possibile scoppio della malattia nel paese.

"È molto importante che tutti i ministeri si preparino da un punto di vista preventivo", ha detto il sottosegretario alla Salute, Paula Daza, dopo la riunione.

I primi infetti in Cile sono un medico di 33 anni e sua moglie, che sono tornati nel Paese dopo aver viaggiato a Singapore. La terza è una donna di 56 anni della regione metropolitana che aveva visitato il nord Italia e altri paesi europei giorni fa.

Nave della Marina Militare isolata per paura del coronavirus in Ecuador, per un totale di 13 casi

Una nave da guerra della Marina ecuadoriana con 50 membri dell'equipaggio è stata isolata dopo che è stato riferito che uno dei suoi membri dell'equipaggio ha avuto contatti con la prima persona infettata dal nuovo coronavirus nel paese, dove il numero di casi è pari a 13, le autorità hanno annunciato giovedì.

Sebbene il test preventivo dell'equipaggio "sia risultato negativo per il coronavirus COVID-19", il veicolo spaziale rimarrà isolato fino a venerdì, ha affermato il Ministero della Salute.

"È stato deciso di isolare l'unità, una nave da guerra, la Chimborazo BAE", ha dichiarato il comandante Douglas Campos, direttore sanitario della Marina ecuadoriana, a una conferenza stampa a Guayaquil (sud-ovest).

La misura è stata adottata dal Ministero della Salute e della Marina "dopo che un membro dell'equipaggio ha avuto contatti con parenti di casi positivi di coronavirus" in Ecuador, ha spiegato il direttore della sorveglianza epidemiologica dell'autorità sanitaria, Inocencio Bajaña.

"Il membro dell'equipaggio della nave ha familiarità con uno dei casi che sono risultati positivi per tale condizione" e "ha avuto contatti", ha dichiarato il Ministero della Salute.

Le autorità hanno fatto riferimento al caso di un ecuadoriano di 71 anni che vive nel comune spagnolo di Torrejón de Ardoz, a Madrid, e che è arrivato a Guayaquil il 14 febbraio, fermandosi all'aeroporto che serve Quito, alla periferia dalla capitale

Da questo caso, sono stati derivati ​​i restanti aspetti positivi nel paese, inclusi i tre nuovi casi segnalati in precedenza, che hanno aumentato il numero di infetti a 13, poiché il primo infetto è stato rilevato sei giorni fa.

La nave è ancorata nel porto della base navale sud di Guayaquil "da lunedì", ha detto Campos.

Il direttore ha indicato che le 50 persone a bordo della nave "ricevono controlli permanenti". "Nessun membro dell'equipaggio ha sintomi", ha detto.

Nel frattempo, è stato riferito che il primo contagioso ecuadoriano, arrivato senza mostrare sintomi, è "in terapia intensiva e con una prognosi riservata" in un ospedale di Guayaquil.

Secondo il portafoglio, gli altri 12 casi "hanno sintomi lievi e sono in isolamento domestico", a Guayaquil - centro commerciale dell'Ecuador - e nella vicina città di Babahoyo.

Le autorità sanitarie stanno dando un seguito epidemiologico a un centinaio di persone che hanno avuto contatti con i primi colpiti e che sono isolate nelle loro case, che "è stata la chiave per una diagnosi precoce", ha detto il ministero.

Il numero di persone infette da COVID-19 nel mondo ha raggiunto 97.510, di cui 3.346 morti in 85 paesi e territori, secondo un bilancio AFP basato su fonti ufficiali stabilite giovedì alle 17:00 GMT.

Aumento a otto casi di coronavirus in Brasile, due trasmessi localmente

I casi confermati di coronavirus in Brasile sono passati da quattro a otto, due dei quali sono i primi ad essere stati trasmessi localmente, secondo il rapporto pubblicato giovedì dal Ministero della Salute.

I primi casi di coronavirus trasmessi nel territorio brasiliano sono stati registrati a San Paolo, nelle persone che hanno avuto contatti con il primo paziente a cui è stata diagnosticata la malattia nel paese.
Uno di questi casi corrisponde a un familiare del primo paziente identificato con COVID-19 in Brasile - un uomo di 61 anni che era in Lombardia (Italia) - e l'altro, a una persona fuori dalla sua cerchia familiare ma che aveva avuto contatti con esso.

Secondo il segretario alla sorveglianza sanitaria del Ministero della salute, Wanderson de Oliveira, ciò significa che il virus che si è diffuso nel paese "è rintracciabile".

"Il virus non circola in Brasile. Non ci sono pazienti in fase di produzione in cui non siamo in grado di identificare la fonte ", ha detto il funzionario in una conferenza stampa.

Secondo l'ultimo rapporto del Ministero, entro i nuovi casi confermati giovedì, i pazienti sono stati registrati per la prima volta in regioni diverse da San Paolo.

Pertanto, sei casi sono stati diagnosticati a San Paolo, uno a Rio de Janeiro e uno a Espiritu Santo.

Attualmente, 636 casi "sospetti" di coronavirus sono sotto inchiesta, altri 378 sono stati esclusi e un caso a Brasilia, che era positivo nella prima diagnosi, è in attesa di conferma con il contro-test.

La maggior parte dei casi confermati di coronavirus in Brasile proviene da persone che sono state o sono passate attraverso l'Italia, anche se in casi più recenti, i pazienti hanno anche visitato altre città europee.

Il primo caso in Brasile - che fu anche il primo confermato in America Latina - fu quello di un uomo di 61 anni che era in Lombardia, e il secondo fu con un paziente di 32 anni arrivato giovedì scorso nel paese da Milano .

Mercoledì scorso, il Ministero della Salute ha confermato il terzo caso con un residente colombiano a San Paolo, che ha viaggiato attraverso diversi paesi in Europa, tra cui Spagna e Italia.

La mattina di giovedì il quarto caso è stato confermato dopo che le autorità sanitarie hanno ratificato, con un secondo esame, che un adolescente di 13 anni che ha recentemente viaggiato in Portogallo e in Italia fosse portatore della malattia.

Il secondo caso di coronavirus è stato confermato in Argentina

Un 23enne che ha viaggiato in Italia ed è tornato in Argentina lo scorso marzo è stato diagnosticato un coronavirus, il secondo caso registrato nel paese, fonti ufficiali hanno riferito giovedì.

Il paziente, la cui nazionalità non è stata specificata, è in "buone condizioni generali" ed è ammesso a Buenos Aires per garantire misure di isolamento, mentre le autorità sanitarie svolgono le indagini epidemiologiche.

Il Ministero della Salute ha riferito che le analisi sono state condotte dalla National Administration of Laboratories and Institutes of Health (ANLIS) “Dr. Carlos Malbrán "della capitale argentina.

“Questo è un paziente maschio di 23 anni che il 3 marzo ha consultato febbre, tosse e malessere in un effettore privato in città. La persona ha dichiarato un record di viaggio nel nord Italia ed è tornata nel Paese il 1 ° marzo ”, ha affermato il portfolio.

Questo è un altro caso importato, come l'uomo di 43 anni di nazionalità argentina che è ricoverato in una clinica privata a Buenos Aires e che è arrivato domenica scorsa da un viaggio attraverso il nord Italia e altre parti d'Europa.

“Il paese continua nella fase di contenimento con l'obiettivo di ottenere una diagnosi precoce, lo studio, l'isolamento di un caso finale e un monitoraggio rigoroso dei suoi contatti. La situazione è dinamica, viene valutata in modo permanente e vengono fornite informazioni tempestive e trasparenti basate su prove ”, ha affermato il portafoglio.

Le autorità argentine hanno sottolineato l'importanza di una consultazione precoce in presenza di febbre, tosse, mal di gola o difficoltà respiratorie e "la storia del viaggio verso aree con circolazione virale o stretto contatto con un caso".

L'Argentina ha iniziato ad applicare controlli speciali il 25 febbraio ai passeggeri sui voli dall'Italia, a causa dello scoppio del coronavirus in quel paese, il più grande centro di circolazione del virus in Europa con oltre 3.000 colpiti e 148 decessi.

Read 959 times

Utenti Online

Abbiamo 1237 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine