ANNO XIV Ottobre 2020.  Direttore Umberto Calabrese

Domenica, 08 Marzo 2020 06:15

Azzaro (Pd): “Coronavirus, con lo stop della Regione agli informatori scientifici più tutele per tutti. Accolta la mia proposta”

Written by 
Rate this item
(0 votes)

“Il dirigente del dipartimento Salute della Regione Puglia, Vito Montanaro, ha sospeso le attività degli informatori scientifici sino al 30 aprile. È stata accolta la mia proposta. Per questo, ringrazio per la decisione tempestiva sia il dirigente che il presidente Emiliano”. Lo fa sapere, in una nota stampa, Gianni Azzaro.

Il consigliere provinciale e comunale del Pd, solo giovedì scorso, infatti, aveva chiesto al presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano e al ministro della Salute, Roberto Speranza, di intervenire per sospendere la presenza di questi operatori all’interno degli studi dei medici di famiglia, degli ambulatori pediatrici e, più in generale, dei reparti ospedalieri. La strada era stata già spianata dalla Regione Marche che, per motivi precauzionali, aveva praticamente bloccato le loro attività.

“La mia richiesta alla massima autorità sanitaria regionale e al ministro nasceva dalla considerazione che, se nessuno fosse intervenuto, gli informatori scientifici pugliesi avrebbero continuato a frequentare gli ambulatori e le strutture sanitarie mettendo (potenzialmente) a rischio i medici e i pazienti visto che - aggiunge Azzaro - avrebbero potuto inconsapevolmente essere veicolo del Coronavirus o analogamente essere loro stessi esposti maggiormente al rischio del contagio. Avevo, infine, proposto - ricorda l’esponente del Partito democratico - che le aziende in cui operano gli informatori scientifici attivassero il telelavoro (Smart working come si ama dire ora) proprio per ridurre, anzi evitare, i contatti con medici e pazienti. In sintesi, tutelando questi lavoratori tuteliamo, alla fine, tutti noi”.

È ancora Azzaro a precisare che la disposizione appena firmata dal capo dipartimento Salute della Regione Puglia “è stata inviata a tutte le Asl pugliesi e alle aziende ospedaliere universitarie della nostra regione”.

Read 591 times

Utenti Online

Abbiamo 1018 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine