ANNO XV Gennaio 2021.  Direttore Umberto Calabrese

Mercoledì, 11 Marzo 2020 15:01

La Colombia isolerà i viaggiatori da Spagna, Italia, Francia e Cina. Aerolineas Argentina cancella i voli per l'Italia

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Mercoledì il governo colombiano ha annunciato che metterà i "viaggiatori in isolamento preventivo" da Spagna, Italia, Francia e Cina per prevenire la diffusione del coronavirus.

L'annuncio è stato fatto dal presidente Iván Duque, che ha dichiarato nel suo account Twitter che "date le implicazioni della quarantena di Cina, Italia, Spagna e Francia, il governo nazionale adotta l'isolamento preventivo delle persone da questi paesi per proteggere il salute collettiva ".

Finora la Colombia ha registrato tre casi di coronavirus, tutti in cittadini che si trovavano in alcuni di quei quattro paesi.

Duque non ha fornito dettagli su come verrà applicata la quarantena, ma ha dichiarato in un altro messaggio che il Ministro della Salute, Fernando Ruiz, terrà una conferenza stampa oggi presso l'Istituto Nazionale della Salute per spiegare la portata della misura.

Il primo caso di coronavirus in Colombia è stato confermato venerdì scorso in una ragazza di 19 anni arrivata a Bogotà il 26 febbraio da Milano (Italia) ed è nella sua residenza nella capitale del paese.

Gli altri due casi sono stati confermati lunedì e sono viaggiatori che sono arrivati ​​di recente dalla Spagna.

Questo è un uomo di 34 anni ricoverato in un ospedale di Buga, nel dipartimento della Valle del Cauca (sud-ovest), e una donna di 50 anni che è risultata positiva a Medellín, capitale del dipartimento di Antioquia (nord-ovest).

Dei quattro paesi i cui viaggiatori saranno isolati su base preventiva, la più colpita è la Spagna che ha 42 frequenze settimanali dirette da Iberia, Air Europa e Avianca che collegano Madrid e Barcellona con Bogotá, Medellín e Cali.

Air France offre un volo giornaliero da Parigi a Bogotá, mentre l'Italia e la Cina non hanno voli diretti per la Colombia.

Avión de Aerolíneas Argentinas

Aerolineas Argentina cancella i voli per l'Italia

La compagnia aerea statale Aerolineas Argentinas oggi ha cancellato una serie di voli verso l'Italia e gli Stati Uniti a seguito della diffusione del coronavirus in quei paesi, mentre il Ministro dei Trasporti, Mario Meoni, ha avanzato una chiamata a tutte le linee internazionali che operano nel paese analizzare i passi da seguire al riguardo.
La misura adottata dalla compagnia di bandiera è dovuta al "numero crescente di richieste di cancellazione o modifica nelle prenotazioni già emesse" da parte dei passeggeri di fronte all'epidemia di covid-19.
In una dichiarazione rilasciata oggi, Aerolineas Argentinas ha annunciato che cancellerà 14 voli in programma per questo mese e aprile, diretti in Italia così come nelle città statunitensi di Miami e Orlando.
La compagnia aerea statale ha dichiarato che accetterà di modificare le date dei voli, senza penalità, fino al 30 novembre, mentre i passeggeri su voli cancellati (12, 16, 18, 19, 22, 26, 28, 30 marzo e 4 , 6, 10, 12, 19, 26 aprile) saranno trasferiti sui voli precedenti o successivi.
Altrimenti, ha aggiunto nella lettera, i passeggeri possono riprogrammare il viaggio entro 15 giorni prima o dopo la data del volo originale.
Aerolineas Argentina ha annunciato che consentirà anche ai suoi utenti la restituzione dei biglietti per i passeggeri di Aerolineas Plus, coloro che hanno acquistato i biglietti da e per Cina, Italia, Spagna, Francia e Israele, tutti con voli fino al 31 maggio.
Nel frattempo, il Ministro Meoni ha già annunciato un appello a tutte le linee internazionali che operano nel paese per analizzare i passi da seguire in relazione alla diffusione del coronavirus.
Secondo il funzionario, l'idea dell'incontro di mercoledì con queste aziende è quella di fornire "dettagli su come funzionare e come operare" nel paese, dato che molti di loro "lo stanno rivendicando".
"Stiamo prendendo la prevenzione dei voli internazionali in ogni modo, con i lavoratori e le operazioni e la protezione dell'origine dei passeggeri. Siamo vigili nel caso in cui questo si evolva in un modo molto più virulento di quanto pensiamo, venerdì , quando abbiamo avuto l'ultimo incontro interministeriale c'erano solo due infetti e in pochi giorni si è moltiplicato molto rapidamente. E sebbene ci siano pochissimi casi per l'Argentina, dobbiamo stare molto attenti a come si diffonde ", ha detto Meoni.
Finora in Argentina ci sono 17 casi positivi, mentre sabato scorso la prima vittima è morta nel paese, un uomo di 64 anni con malattie preesistenti, che era tornato da un viaggio in Francia.

Read 802 times

Utenti Online

Abbiamo 831 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine