ANNO XIV Settembre 2020.  Direttore Umberto Calabrese

Domenica, 17 Maggio 2020 05:20

Pandemia, WWF: dallo shock al cambiamento

Written by 
Rate this item
(0 votes)

“Shock Ecology. Le crisi possono aprire la strada a un mondo migliore?” Il WWF lancia il suo ultimo dossier in cui richiama 11 casi di disastri ambientali  indotti dall’incoscienza umana, momenti nodali in cui l’umanità ha dovuto scegliere tra conservazione, regressione o cambiamento

Il nuovo dossier del WWF Italia: "Shock Ecology. Le crisi possono aprire la strada a un mondo migliore?"

La pagina della campagna "Il mondo che verrà"



La pandemia che stiamo vivendo è un vero e proprio shock per l’umanità, uno shock che ha sconvolto i sistemi sociali, quelli economici, le nostre vite e il nostro benessere. La storia ci insegna che gli shock possono rafforzare meccanismi perversi, di sfruttamento, di alienazione, di distruzione, di prevaricazione, oppure possono aprire la strada  a una moltitudine di cambiamenti, nella direzione del benessere delle nostre società e della protezione della nostra salute. La scelta è nelle nostre mani.



“Shock Ecology. Le crisi possono aprire la strada a un mondo migliore?” è questo il titolo, e la domanda che si legge sulla prima pagina dell’ultimo dossier del WWF  - che viene lanciato nell’ambito della Campagna promossa dall’associazione “Il Mondo che verrà” – nel quale si ricostruiscono 11  disastri epocali indotti dalla incapacità dell’umanità di gestire in maniera equilibrata il rapporto con il proprio ambiente e le risorse naturali. Disastri che sono stati anche momenti nodali per il cambiamento e il progresso dell’umanità nel suo rapporto con il Pianeta. 



Come spiega la giornalista canadese Naomi Klein nel suo libro del 2007 intitolato “The shock doctrine: the rise of disaster capitalism”  - tradotto in italiano da Rizzoli nello stesso anno con il titolo “Shock Economy” -  gli shock possono  essere occasioni di drammatiche regressioni o consentire di introdurre profondi momenti di cambiamento. 

È facile immaginare infatti che, mentre i cittadini del mondo stiano cercando di capire come affrontare la crisi economica, sociale e politica innescata dallo shock della pandemia, in alcuni luoghi del pianeta governi autoritari, gruppi di shareholder, agguerriti capitalisti e manager senza scrupoli si stiano organizzando per capire quali possano essere gli enormi vantaggi economici e politici che la pandemia poterà loro, come già successo in passato.



Con l’intento di valutare quale saranno gli effetti del dopo COVID-19 e capire come indirizzare le nostre scelte per difenderci dagli effetti perversi degli shock, il WWF ha analizzato le conseguenze di alcune delle più importanti crisi ecologiche che hanno interessato la nostra società negli ultimi decenni. 

L’insegnamento che ne emerge  dimostra come la risposta agli shock possa in molti casi, se ben indirizzata, promuovere e accelerare politiche e regolamenti, rafforzare la consapevolezza,  migliorare le conoscenze, proteggere l’ambiente, tutelare i beni comuni, rimettendo al centro il benessere della società umana. È questo il ruolo della Shock Ecology.

E anche in questo caso gli esempi sono diversi, fra questi il famoso Clean Water Act, approvato nel 1972 negli USA, a seguito di un devastante incendio scaturito dagli sversamenti di petrolio e sostanze chimiche in natura; il protocollo di Montreal per la protezione dell’ozono, firmato nel 1987 e realizzato in seguito alla drammatica scoperta dell’impatto dei clorofluorocarburi (CFC) e degli idroclorofluorocarburi (HCFC) sulla delicata e fondamentale fascia di ozono nell’atmosfera (l’ozonosfera); o le denunce di Rachel Carson, con il suo libro del  1962 “Primavera Silenziosa”, che hanno permesso di fermare la produzione di DDT in gran parte del mondo. 

La storia di sversamenti di sostanze tossiche, fuoriuscite di materiale radioattivo, accumulo di rifiuti pericolosi, utilizzo di veleni, incidenti industriali, effetti dei cambiamenti globali e oggi anche la diffusione di virus pandemici, accompagnati da drammatiche perdite umane con indicibili sofferenze e crisi economiche, dimostra quanto sia importante utilizzare questi drammatici accadimenti per rivedere il nostro modo di relazionarci  alla natura, mettendo a punto percorsi virtuosi che ci aiutino a rendere più sicura la nostra esistenza, più resilienti le nostre società e più sereno il nostro futuro.

Read 212 times

Utenti Online

Abbiamo 1015 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine