ANNO XIV Agosto 2020.  Direttore Umberto Calabrese

Mercoledì, 10 Giugno 2020 18:13

Salvini: "Torneremo al governo più preparati, non ho fretta" "Conte mi ha mandato un messaggino"

Written by 
Rate this item
(0 votes)

"Faccio la mia profezia: noi al governo ci torniamo. In maniera più compatta di quanto non fosse la scorsa esperienza. Possono essere quattro mesi o possono essere due anni. Ci stiamo preparando, dossier per dossier... Ci arriveremo più preparati rispetto all'esperienza di prima. Non ho smanie, non ho fretta...". Lo ha detto Matteo Salvini a 'L'aria che tira' su La7, specificando tuttavia che, in caso di caduta dell'attuale esecutivo Conte, "al governo con Renzi e il Pd non mi ci vedo".

"Di questi mesi di Conte - ha poi aggiunto - mi ha deluso il 'tanto promesso e poco mantenuto'. È questo quello che la gente sta iniziando a toccare con mano". Salvini ha poi reso noto che "da Conte ho ricevuto un messaggino" di invito agli Stati generali "diceva: 'venite a esporre le vostre idee'". Ci andrà? "Cerchiamo di capire com'è, dov'è, di cosa si parla, con chi... E' bizzarro: gli italiani pagano il Parlamento non le ville. Rispondo per educazione: ti faremo sapere chi viene quando ci spiegherete cos'è", ha aggiunto.

Infine una considerazione sull'Ue: "L'euro non mi piace. Prima dell'euro...? Un giornalista parlava di 'Italietta degli anni '80'... Ma chi ha l'età dei miei genitori sa che quell'Italietta lavorava e costruiva le nostre case... Con la nostra moneta correvamo più della Germania. Tornare alla lira? No, voglio una moneta che faccia lavorare la gente e non che mi impone la disoccupazione. L'euro ha avvantaggiato la Germania e ha svantaggiato tutto il resto d'Europa. Prima dell'euro la disoccupazione era più alta in Germania che in Italia".

Salvini: "Conte mi ha mandato un messaggino"

"Da Conte ho ricevuto un messaggino" di invito agli Stati generali "diceva: 'venite a portare le vostre idee'". Lo ha detto Matteo Salvini a 'L'aria che tira' su La7. Ci andrà? "Cerchiamo di capire com'è, dov'è, di cosa si parla, con chi... E' bizzarro: gli italiani pagano il Parlamento non le ville. Rispondo per educazione: ti faremo sapere chi viene quando ci spiegherete cos'è", ha aggiunto. "Di questi mesi di Conte mi ha deluso il 'tanto promesso e poco mantenuto'. È questo quello che la gente sta iniziando a toccare con mano", ha detto ancora il leader della Lega. "Il governo, finalmente, ascoltandoci, ha partorito i BTP formato famiglia destinati agli italiani. Era la via più normale e naturale", ha proseguito, ribadendo il proprio no al Mes: "Tutti i Paesi Ue l'hanno rifiutato...".

"Dell'anno di governo, quota 100 è la riforma di cui vado più orgoglioso. Aver restituito la libertà di andare in pensione è motivo di orgoglio", dice ripensando all'esperienza di governo. "Finché si era tutti chiusi in casa, Conte era una divinità. Quando la gente ha ripreso ad uscire e si è accorta che la cassa integrazione di aprile non è arrivata a giugno...", afferma ancora. "La gente è arrabbiata? Per questo gli show con gli stati generali in centro a Roma con archistar e personaggi famosi sono l'ultima cosa utile. Preferirei una cosa ridotta in Parlamento, senza vip, in cui si danno risposte su mutui e cassa integrazione. Ho ricevuto l'invito per gli stati generali? Ho ricevuto ieri un messaggino da Conte, 'venite a portare le vostre idee'... Gli italiani pagano il parlamento perché discuta le cose da fare, non pagano le ville in centro a Roma", prosegue riferendosi agli imminenti stati generali. "Mi sembra una cosa abbastanza bizzarra... Come se io ti mandassi un messaggino 'ci vediamo venerdì'. A fare cosa? Con chi? Per quanto tempo? Dove?". Cosa ha risposto? "Io rispondo per educazione. Ti faremo sapere se e chi viene quando ci spiegherai che cos'è...".

Read 157 times

Le Vignette di Paolo Piccione

…questo non è amore 2018”… e Pinocchio

 

Utenti Online

Abbiamo 1214 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa