ANNO XIV Settembre 2020.  Direttore Umberto Calabrese

Martedì, 23 Giugno 2020 18:37

Coronavirus, 18 morti in Italia: è il numero più basso. In America Latina due milioni di contagi e 97.500 morti

Written by 
Rate this item
(0 votes)

238.833 casi, 34.675 morti, 184.585 guariti, 19.583 malati. Dati Protezione Civile del 23 giugno 2020. Solo 122 nuovi casi nel Paese nelle ultime 24 ore. E i pazienti in ospedale scendono sotto quota 2mila. In America Latina due milioni di contagi e 97.500 morti

 

Sono 18 i morti in Italia per Coronavirus nelle ultime 24 ore. E' il numero più basso di decessi in un giorno dall'inizio dell'emergenza. Secondo i dati forniti dalla Protezione Civile, sale a 34.675 il bilancio totale delle vittime. Scende sotto quota 2mila il numero dei pazienti ancora ricoverati: sono 1.853, con una riduzione di 185 rispetto a ieri. In terapia intensiva si trovano 115 persone (-12), in isolamento domiciliare 17.605. Sono meno di 20mila gli attualmente positivi, nel dettaglio 19.573 (-1.064), mentre il totale dei guariti sale a 184.585 (+1.159). I casi totali dall'inizio dell'emergenza sono 238.833 (+122). In tutto sono stati eseguiti 5.053.827 tamponi (+41.135) per 3.081.127 casi testati.

Punta sempre in alto la curva della pandemia da coronavirus in America latina, anche se da due giorni le percentuali di crescita di contagi, (ora a 2.090.751, +39.714), e di morti (97.544, +1.820), sono nella parte bassa della media. Il Paese più colpito nell'area resta il Brasile, dove nelle ultime 24 ore i contagiati hanno raggiunto quota 1.106.470 (+21.432), di cui 51.271 morti (+654).

USA - Negli Stati Uniti le vittime nelle ultime 24 ore sono state 425 (per un totale di 120.393) ed i contagi hanno raggiunto quota 2,31 milioni. 

GRAN BRETAGNA - Il Regno Unito accelera il rilassamento del lockdown dal 4 luglio, grazie al calo dei contagi da coronavirus. Lo ha formalizzato Boris Johnson alla Camera dei Comuni, indicando che il distanziamento sociale passerà in Inghilterra dai 2 metri attuali a un metro, in modo da consentire l'avvio della riapertura di hotel, ristoranti e pub dotati degli spazi sufficienti. Abbiamo fatto bene ad "avere fede" nel popolo britannico, ha detto il premier, confermando dal 4 pure la ripresa di cinema, musei, parrucchieri e altri luoghi pubblici.

GERMANIA - Il distretto di Guetersloh, in Germania, verrà sottoposto di nuovo al lockdown. Lo ha annunciato il ministro presidente del Land Armin Laschet (Cdu), sottolineando che si tratta del primo distretto in Germania che torna alla chiusura per contrastare il diffondersi del Coronavirus, a causa del focolaio esploso nel mattatoio di Toennis. Sono 1535 i contagi registrati nel contesto della impresa della carne. Si tratta del focolaio maggiore mai rilevato fino ad oggi in Vestfalia e in Germania, ha sottolineato Laschet. L'infezione è molto localizzata e al momento soltanto 24 casi positivi sono stati registrati al di fuori del mattatoio, ma il lockdown viene scelto per precauzione. Si torna dunque, per ora per una settimana (fino al 31 giugno) alle misure di marzo: torna il dievieto di contatto per oltre due persone, e saranno chiusi bar, palestre, cinema, teatri, musei, memoriali; inoltre sarà proibito fare sport in luoghi chiusi. Stop anche ai pic nic e alle grigliate all'aperto. Guetersloh conta circa 370.000 abitanti. In seguito al focolaio nel mattatoio oltre 7000 persone sono finite in quarantena, ed erano già state chiuse le scuole e gli asili infantili. Anche nel vicino distretto di Warendorf sono state prese delle misure restrittive.

PAKISTAN -I contagi da coronavirus in Pakistan hanno causato nelle ultime 24 ore 105 morti, portando il totale delle vittime del Covid nel Paese a 3.695, secondo i dati diffusi oggi dal Ministero della Salute. Con 3.946 nuove infezioni nel paese, il numero di casi confermati totali è pari a 185.034. Nelle ultime 24 ore, 2013 persone sono guarite (73.471 il totale). Il numero di pazienti critici è 3.236, 17 in meno rispetto a ieri. La provincia meridionale del Sindh ha registrato la maggior parte dei contagi, 71.092, seguita dal Punjab orientale con 68.308. Ieri il Primo Ministro Imran Khan ha nuovamente escluso la possibilità di un blocco a largo spettro e ha affermato che il governo sta implementando chiusure 'intelligenti nei punti caldi del Paese per proteggere soprattutto le persone più vulnerabili.

LIBIA - La Libia registra nelle ultime 24 ore altri 24 nuovi contagi da coronavirus, che portano a 595 il totale dei casi confermati nel Paese. Lo ha reso noto il Centro nazionale libico per il controllo delle malattie sulla propria pagina ufficiale Facebook, precisando che i morti restano stabili a 10, mentre i guariti salgono da 103 a 116 e le persone attualmente positive da 458 a 469. Severe misure di lockdown restano in vigore in molte città, in particolare del Sud del Paese, per tentare di limitare la diffusione del virus.

RUSSIA -In Russia si sono registrati 7.425 nuovi contagi di Covid-19 nelle ultime 24 ore, che fanno salire fino a quasi 600.000, e per la precisione a 599.705, il totale dei casi accertati nel Paese. Lo riferisce il centro operativo anticoronavirus, secondo cui nel corso dell'ultima giornata sono decedute a causa del virus 153 persone portando il totale delle vittime a 8.359. I guariti sono 12.013 nelle ultime 24 ore e 356.429 in totale.

UCRAINA -In Ucraina si sono registrati 833 nuovi casi di Covid-19 nelle ultime 24 ore, che fanno salire a 38.074 il totale dei contagi accertati nel Paese. Le vittime del nuovo virus sono 1.035, di cui 23 decedute nel corso dell'ultima giornata. I guariti sono 314 nelle ultime 24 ore e 16.956 in tutto. Lo riferisce il ministro della Salute ucraino Maksim Stepanov, ripreso dal Kyiv Post. In Ucraina ieri erano stati annunciati 681 nuovi contagi, domenica 735, sabato 841 e venerdì 921.

 

Read 196 times Last modified on Martedì, 23 Giugno 2020 18:59

Utenti Online

Abbiamo 902 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine