ANNO XIV Ottobre 2020.  Direttore Umberto Calabrese

Venerdì, 04 Settembre 2020 14:12

Coronavirus: Berlusconi ricoverato a Milano. Riscontrata precoce polmonite bilaterale

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Il quadro clinico del leader di Forza Italia non desta preoccupazioni. Si trova al San Raffaele dove è stato portato ieri sera per controllare alcuni sintomi legati alla malattia.

Silvio Berlusconi è stato ricoverato a Milano al San Raffaele per accertamenti dopo che è risultato positivo al Covid. Il presidente Berlusconi, dopo la comparsa di alcuni sintomi, è stato ricoverato all'ospedale San Raffale di Milano a scopo precauzionale. Il quadro clinico non desta preoccupazioni. 

Al leader di Forza Italia è stata riscontrata una polmonite bilaterale allo stato precoce. Sarebbe questa, a quanto si apprende da fonti sanitarie, la diagnosi emersa dalla tac a cui è stato sottoposto il Cavaliere e che ha portato ad un suo ricovero precauzionale.

Il ricovero è avvenuto attorno alla mezzanotte di ieri. In isolamento domiciliare ad Arcore da mercoledì dopo essere risultato positivo al Covid, ieri nel tardo pomeriggio è intervenuto telefonicamente a un convegno del partito a Genova spiegando di stare "abbastanza bene", di non avere più febbre e dolori.

Qualche ora più tardi, però, è stato deciso il ricovero al San Raffaele. L'ex premier si trova in una stanza isolata del settore D.

"Ci sarà un bollettino medico alle 16, prima del bollettino meglio tutte le notizie che girano devono essere considerate un po' avventate. Stanno facendo tutte le verifiche del caso, alle 16 il professor Zangrillo d'accordo con l'ospedale San Raffaele emetterà un comunicato, un bollettino medico con tutte le verifiche. Ogni cosa che diciamo prima sarebbe poco seria e inattendibile", ha detto il vice presidente di Forza Italia Antonio Tajani, interpellato a margine di una conferenza stampa a Genova sulle condizioni di salute di Berlusconi. "E' ricoverato lì, per verifiche per accertamenti, per prevenire anche qualsiasi cosa. Siamo in contatto. Però nessuno sa nulla. Sono i medici che devono fare tutte le valutazioni del caso", ha aggiunto. Ansa

Read 173 times

Utenti Online

Abbiamo 1101 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine