ANNO XV Gennaio 2021.  Direttore Umberto Calabrese

Giovedì, 26 Novembre 2020 09:27

Gualtieri apre alle proposte di Forza Italia

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Ampliare la moratoria fiscale e ristori per i liberi professionisti. Il governo pronto a un nuovo scostamento a inizio anno.

Bene le proposte di Forza Italia: il governo è pronto ad ampliare la moratoria fiscale, a dare ristori anche ai liberi professionisti e a prevedere un ulteriore scostamento nei primi mesi del nuovo anno proprio per consentire l'erogazione di aiuti alle categorie colpite dalle restrizioni imposte dall'emergenza sanitaria.

Questa la posizione espressa dal ministro dell'Economia Roberto Gualtieri.

Il Governo - sottolinea Gualtieri - è impegnato a sostenere chi è stato maggiormente colpito dalle nuove misure di contenimento sanitario e a questo scopo ha già varato, nel quadro delle risorse disponibili, tre decreti cosiddetti ‘ristori’ che in parte hanno replicato il meccanismo del ‘fondo perduto’ già sperimentato con successo nella primavera scorsa e hanno prorogato le scadenze fiscali e contributive per i settori interessati dalle misure restrittive.

"Siamo consapevoli - precisa Gualtieri - che questi interventi devono essere ulteriormente rafforzati, ed è per questo che abbiamo chiesto alle Camere un nuovo scostamento di 8 miliardi per il 2020 attraverso cui finanziare un quarto decreto ristori. Inoltre il Governo sta definendo un ulteriore scostamento nei primi mesi del nuovo anno."

Nel quadro di tali risorse - fa notare il ministro - le proposte avanzate da alcune forze di opposizione, in particolare da Forza Italia, per incrementare il sostegno a lavoratori autonomi, commercianti, artigiani, professionisti, sono da considerare favorevolmente, perché incrociano esigenze reali del Paese e riflettono anche la volontà politica espressa dalle forze della maggioranza e dal governo.

Il governo ritiene percorribile, entro un quadro di sostenibilità economica, un ampliamento della moratoria fiscale, con il rinvio delle scadenze di fine anno che vada oltre i settori dei codici Ateco direttamente interessati dalle misure restrittive, e lo estenda a tutte le attività economiche che hanno subito cali rilevanti del fatturato.

Inoltre, l'esecutivo è pronto a confrontarsi per mettere a punto un meccanismo organico di natura perequativa per i ristori che vada oltre le limitazioni per aree di rischio pandemico e quelle derivanti dai codici Ateco e si basi sul rimborso di parte dei costi fissi.

In questo quadro condivide la necessità di ristorare, sulla base dei dati del 2020, anche i liberi professionisti iscritti agli enti di diritto privato di previdenza obbligatori o alla Gestione separata. AGI

Read 180 times

Utenti Online

Abbiamo 1128 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine