ANNO XVI Luglio 2022.  Direttore Umberto Calabrese

Lunedì, 31 Gennaio 2022 10:48

L'idea di Matteo Salvini di federare il centrodestra come il partito Repubblicano negli Usa

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Il leader leghista propone di creare un contenitore politico delle forze dell’attuale coalizione, a cominciare da quelle che appoggiano il governo Draghi. "Così com'è ha una forza potenziale, ma anche limiti". 

"È inutile nasconderci dietro un dito. Le votazioni per il presidente della Repubblica hanno mostrato la potenziale forza ma anche i limiti, della coalizione di centrodestra come è attualmente". Matteo Salvini analizza la settimana passata e in una intervista al Giornale lanciare l'idea di una "federazione di centrodestra delle forze che appoggiano il governo Draghi".

"Non basta sommare le nostre forze ma è necessario che si cominci a ragionare in un'ottica veramente unitaria. È giunto il momento di federarci. Solo un nuovo contenitore politico delle forze di centrodestra, a cominciare da quelle che appoggiano il governo Draghi, può agire in modo incisivo. Il nostro modello può essere quello del Partito Repubblicano americano", afferma il leader della Lega, "una federazione di centrodestra delle forze che appoggiano il governo Draghi".

"Ci troviamo a un bivio" afferma Salvini: "vivacchiare può significare morire, decidersi per un cambiamento e federarsi è un rischio, ma anche un'opportunità. È l'occasione per cambiare il centrodestra e, con esso, trasformare, finalmente e in modo sostanziale, anche l'Italia. Ora o mai più".

"Per federarci - spiega il leader del Carroccio - abbiamo bisogno di superare gli egoismi: non annullando, ma valorizzando le nostre differenze e facendole poi convergere in una sintesi in cui tutti si possano riconoscere". E le priorità sono la scaletta per gli impegni futuri, una vera e propria base programmatica: "Cominciare dall'economia; una fiscalità non punitiva come quella attuale; realizzare il nostro progetto di flat tax; uno Stato da riformare, con tutta la sua amministrazione e la sua burocrazia; una seria riforma della giustizia, che vogliamo autonoma e 'terza'; sicurezza e legalità, contro la violenza diffusa; contro il fanatismo islamico e contro ogni forma di intolleranza; valori cristiani e famiglia che vogliamo tutelare; che l'Italia si doti di una politica energetica che la renda autonoma e che sia nello stesso tempo ecologicamente sostenibile; pensare a un sistema di regole equilibrate e di buonsenso che conducano a una transizione ecologica senza fanatismi".

L'altolà di Tajani: un capo c'è già ed è Berlusconi

"Cè' un fondatore del centrodestra che è Silvio Berlusconi. Poi alle elezioni si vedrà chi sarà il candidato". Antonio Tajani, vicepresidente di Forza Italia, intervistato dal 'Corriere della Sera' frena sulla leadership di Matteo Salvini nel centrodestra e fa notare che il Cavaliere "si è ripreso la scena".

"Se il sistema elettorale resta questo, le coalizioni avranno una loro logica. E a parte il fatto che agli italiani il tema della legge elettorale interessa ben poco, io non credo si debba rinunciare al maggioritario e al bipolarismo". Per Tajani adesso "l'obiettivo è prima di tutto lavorare affinché il governi porti a termine il grande e delicato lavoro che abbiamo di fronte e poi che FI sia protagonista del grande rilancio dell'area che in Italia si riconosce nel Ppe, quella europeista, atlantista, liberale, moderata", senza la quale, "non esiste un centrodestra vincente". AGI

Read 317 times

Utenti Online

Abbiamo 1002 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

Calendario

« July 2022 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31