ANNO XVIII Maggio 2024.  Direttore Umberto Calabrese

Domenica, 12 Febbraio 2023 16:16

Crollo dell'affluenza in Lombardia e nel Lazio, alle 12 è all'8,56%, nel 2018 era al 18,94%

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Tredici milioni di italiani al voto. Oggi urne aperte fino alle 23 e domani dalle 7 alle 15. Cinque anni si voto' in una sola giornata. Meloni: "Elezione importante, andate alle urne" 

 "E' un'elezione importante, quindi spero che l'affluenza sia adeguata a una scelta come quella che si deve fare per regioni così strategiche per la nazione. Quindi andate a votare". Lo ha detto la presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, arrivando al seggio all'Istituto Bachelet per votare alle elezioni nel Lazio.

Per le urne, due novità e un'incognita. Così Lazio e Lombardia si presentano al voto per l'elezione dei nuovi presidenti e dei nuovi Consigli. La prima novità riguarda la coalizione di centrosinistra: nel Lazio si presenta con il Terzo Polo, ma senza il Movimento 5 stelle che corre da solo con Donatella Bianchi, mentre in Lombardia si presenta con M5s, ma senza il Terzo Polo che candida Letizia Moratti; la seconda novità è che da quest'anno, oltre a domenica, si torna a votare anche il lunedì, dalle 7 alle 15. L'incognita, invece, riguarda l'affluenza.

Circa 8 milioni gli elettori chiamati alle urne, aperte dalle 7 di domenica 12 febbraio.

Lazio

Sono tre i candidati principali alla poltrona lasciata libera da Nicola Zingaretti. Pd e Terzo Polo candidano l'ex assessore regionale alla Sanità di Zingaretti, Alessio D'Amato; il centrodestra compatto (Fratelli d'Italia, Lega e Foza Italia) schiera Francesco Rocca, mentre il Movimento 5 stelle punta su Donatella Bianchi.

Lombardia

Anche qui i candidati principali sono tre: l'uscente Attilio Fontana per il centrodestra, Pierfrancesco Majorino per Pd e M5s, il Terzo Polo si affida all'ex vice di Fontana Letizia Moratti.

Come si vota

Si può scegliere il candidato presidente e un candidato o una candidata al Consiglio, della stessa coalizione o di una coalizione diversa, oppure due candidati al Consiglio ma con l'alternanza di genere, un uomo e una donna. È ammesso, quindi, il cosiddetto voto disgiunto. Vince il presidente che ottiene un voto in più.

L'affluenza

È la vera incognita. Alle 12 l'affluenza è a 8,56%, nel 2018 a 18,94%. In particolare nel Lazio il dato è pari al 7,49% contro il 17,35 di cinque anni fa. In Lombardia è al 9,20% contro il 19,91% della precedente elezione. AGI

Read 730 times

Utenti Online

Abbiamo 932 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine