ANNO XVIII Febbraio 2024.  Direttore Umberto Calabrese

Martedì, 28 Febbraio 2023 15:33

Armani, l'eleganza è intima come un tocco di cipria

Written by 
Rate this item
(0 votes)

I colori del trucco per una 'moda fatta per le donne'. 

L'intimità di un salotto o, ancora di più, quella del trucco, un momento squisitamente femminile e personale.

È l'atmosfera che si respira alla sfilata di Giorgio Armani per il prossimo inverno, aperta da modelle che conversano accanto a un divano e chiusa da un gesto tanto quotidiano quanto seducente, quello di una donna che si sistema il trucco guardandosi allo specchio.

Perché il momento del maquillage - da cui vengono i colori della collezione per il prossimo inverno - è tanto personale e raccolto quanto il sentimento che pervade questa collezione, che sembra suggerire "l'intimità - si legge nelle note - come antidoto a un momento di eccessi teatrali". E lo si capisce da subito, non solo perché Giorgio Armani sceglie nuovamente di accogliere i suoi ospiti nel piccolo teatro di via Borgonuovo 21, ma perché oltrepassando la soglia di palazzo Orsini, tra marmi e stucchi, si viene subito accolti in una dimensione domestica, evocata dai cuscini di un divano. Un racconto in interni all'insegna di una soave domesticità e di un guardaroba fluido e prezioso. Questa è una donna che "si è vestita - spiega dopo lo show Giorgio Armani - con molta cura e attenzione, con il piacere di vestirsi".
    Una donna che sceglie la "cosmetica d'inverno, vestita dei colori che usa normalmente sul viso, dal rosa leggero baby a quello più sabbia bagnata". Colori 'cosmetici', appunto, e pieni di grazia, dispiegati su forme fluide, che seguono il corpo e il movimento: abiti come pigiami, scialli di velluto con lunghe frange, gonne di seta, pantaloni trasparenti, pullover, cappotti di cashmere con colli di maglia a coste, giacche allungate e lunghi abiti di raso, ma anche piccoli top e sottane di tulle ricamato.
    Tutto all'insegna di quella discrezione che è da sempre la cifra di Giorgio Armani. A lui, che ha cambiato la moda, oggi è stato chiesto come invece la moda ha cambiato lui: "la moda è stata un affare, non solo economico, è stata un impegno notevolissimo, soprattutto - sottolinea - perché ho tenuto fermo il mio principio, che la moda è fatta per le donne e non per i giornali". (ANSA).

Read 873 times

Utenti Online

Abbiamo 950 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine