ANNO XVIII Giugno 2024.  Direttore Umberto Calabrese

Sabato, 01 Luglio 2023 08:23

Apre la galleria delle collezioni reali, un “piccolo Hermitage” a Madrid

Written by  Alberto Ferrigolo
Rate this item
(0 votes)
Centro di Madrid Centro di Madrid

Si tratta di un nuovo grande museo che contiene 650 pezzi unici, realizzato con un costo di 172 milioni di euro. 

Forse è il Museo che a Madrid non c’era e ci voleva. Capace di mettere insieme, nella loro commistione, oggetti affascinanti e al tempo stesso eterogenei che insieme, se esposti, “offrono a chi guarda narrazioni sorprendenti”, scrive il Paìs. Stiamo parlando della Galleria delle Collezioni Reali, progettata da Tuñón y Mansilla, l’ultima opera dello studio d’architettura che apre oggi e che sarà il contenitore del progetto ideato dal National Heritage, la cui missione principale è “cercare di avvicinare questo patrimonio culturale ai cittadini”. Un “piccolo Hermitage” nel cuore di Madrid, è stato definito.

Si tratta di un nuovo grande museo che contiene 650 pezzi unici, realizzato con un costo di 172 milioni di euro. Un’enormità. Vi si accede attraverso un ingresso che non lascia per nulla intravvedere la forza e la maestosità dello spazio interno: più di 40.000 metri quadrati, distribuiti su sette piani.


Ideato nel 1998, il concorso internazionale per concepirlo è stato però indetto nel 2002 e l'opera è stata completata solo nel 2015, dopo un bel po’ di ritardi, ma è stato inaugurato solo otto anni dopo. La visita consente un viaggio attraverso cinque secoli di storia e di arte tutti legati alla monarchia in Spagna.

Secondo il Paìs l’edificio è “un pezzo architettonico il cui interno meriterebbe di essere visitato anche senza mostre, perché ha un tocco elegante con qualcosa allo stesso tempo efficiente, duttile e in questo caso maestoso, anche per i grandi pezzi che ospita. Il giornale precisa che più che un museo “è una galleria, la Royal Collections Gallery”.

Per il quotidiano madrileno, l'inaugurazione della Galleria è stata anche una splendida occasione “per restaurare tanti di quei pezzi che sottolineano la ricchezza e la varietà della collezione stessa: dipinti, sculture, arazzi, mobili, carrozze, libri, ventagli, bronzi, porcellane, ricami, fotografie, orologi; oggetti legati all'industria del lusso”, ovvero la fabbrica reale di arazzi di Madrid, dei Cristalli di La Granja, della Porcellana al Buen Retiro di Madrid, con un laboratorio di pietre dure e a mosaico; compreso quello dei tessuti di seta a Talavera de la Reina e Valencia, di Relojes o Platería de Martínez, a Madrid, “che rivelano una potente rete commerciale dal XVIII secolo in poi e che potrebbero aprire oggi una strada inesplorata per il recupero dell'alto artigianato”.

Una visita susciterà sicuramente enorme curiosità ed entusiasmo per la qualità e varietà dei tesori. AGI

Read 585 times

Utenti Online

Abbiamo 743 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine