ANNO XVIII Aprile 2024.  Direttore Umberto Calabrese

Lunedì, 03 Luglio 2023 10:20

Mattarella ricorda i soldati uccisi in Somalia nel '93

Written by 
Rate this item
(0 votes)
Sergio Mattarella presidente della Repubblica Italiana Sergio Mattarella presidente della Repubblica Italiana

Tre militari italiani, parte di un contingente Onu, persero la vita trent'anni fa nella cosiddetta Battaglia del 'Pastificio' contro i miliziani. Meloni: "Il governo onora la memoria dei caduti" 

"Nella ricorrenza del trentesimo anniversario della Battaglia del 'Pastificio', rivolgo un deferente pensiero alla memoria dei tre soldati italiani, parte di un contingente delle Nazioni Unite, che persero la vita in terra somala, per contribuire a ripristinare la pace in un Paese stremato da anni di guerra civile, di carestia e di pestilenze". Lo afferma in una nota il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.

"In quel 2 luglio 1993 - ricorda il capo dello Stato -, nel corso di una operazione di ricerca di armi nascoste da miliziani, soldati di leva operarono fianco a fianco con le forze speciali in un ambiente complesso e ostile, affrontando un soverchiante avversario con grande coraggio, meritando la concessione di quattro Medaglie d'Oro al Valor Militare per meriti individuali. Nelle ore dei combattimenti si susseguirono innumerevoli atti di eroismo frutto di un alto senso dell'onore militare e del dovere, segnando una pagina di grande significato per il nostro Paese e l'intera Comunità internazionale".

"Agli uomini impegnati nell'operazione la Repubblica guarda con ammirazione e rispetto e il loro atto eroico rimane esempio per tutti coloro che servono in armi l'Italia. Con questi sentimenti - conclude Mattarella - il Paese si stringe oggi ai familiari dei caduti e dei feriti con riconoscenza". 

Meloni: "Il governo onora la memoria dei caduti"

"Sono trascorsi trent'anni dalla tragica battaglia del 'Checkpoint Pasta' a Mogadiscio. Il 2 luglio 1993, miliziani somali attaccarono una colonna del contingente nazionale italiano impegnato nella missione condotta sotto egida Onu per garantire l'arrivo degli aiuti umanitari al popolo della Somalia, ridotto alla fame e alla sofferenza dalla lotta di potere tra fazioni tribali. Tre giovani e valorosi militari italiani - il sottotenente Andrea Millevoi, il Sergente Maggiore Stefano Paolicchi e il Caporale Pasquale Baccaro - caddero vittime dell'attacco. Altri trentadue rimasero feriti, alcuni dei quali anche molto gravemente. Uno di loro, il Tenente Colonnello Gianfranco Paglia, perse l'uso delle gambe ma in questi anni non ha mai fatto venire meno il suo impegno per mantenere vivo il ricordo di quello che è successo e dei suoi commilitoni. Nel trentennale di quel tragico evento il governo onora la memoria dei caduti e si stringe con affetto ai loro famigliari e ai loro cari". Così, in una nota, il presidente del Consiglio Giorgia Meloni.

"Oggi - aggiunge la premier - ribadiamo il nostro ringraziamento per tutti i militari che servono la patria e le istituzioni e tengono alto il tricolore nel mondo, mettendo anche a rischio la propria vita nell'assolvimento del dovere e per contribuire a portare pace, sicurezza e stabilita' negli scenari piu' complessi".

Read 490 times

Utenti Online

Abbiamo 844 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine