ANNO XVIII Febbraio 2024.  Direttore Umberto Calabrese

Domenica, 03 Settembre 2023 11:20

L'Honduras userà zanzare modificate in laboratorio contro la dengue

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Un nuovo metodo contro un'importante minaccia per la salute globale, con un'incidenza che è aumentata di 30 volte negli ultimi 50 anni. 

Per la prima volta in Honduras, Medici Senza Frontiere (MSF), in collaborazione con il ministero della salute honduregno, il World Mosquito Program (WMP) e l'Università Nazionale Autonoma dell'Honduras, utilizzerà zanzare Aedes aegypti, infettate in laboratorio con il batterio naturale Wolbachiache riduce la capacità di questo insetto di trasmettere malattie derivanti dagli arbovirus.

Si tratta di un metodo innovativo nella lotta a dengue, zika e chikungunya che si è già dimostrato efficace in altri paesi con alti tassi di dengue. La dengue è un grave problema di salute pubblica in Honduras e in America Centrale e del Sud, ma rappresenta anche un'importante minaccia per la salute globale, con un'incidenza che è aumentata di 30 volte negli ultimi 50 anni.

Oggi più della metà della popolazione mondiale è a rischio e si prevede che un altro miliardo di persone sarà esposto alla febbre dengue nei prossimi decenni a causa dei cambiamenti climatici. È un'infezione virale diffusa soprattutto nelle aree urbane di paesi tropicali e viene trasmessa dalla puntura di zanzare infette che causa febbre, mal di testa, dolori muscolari e nausea.

I casi gravi necessitano di cure in ospedale e la malattia può essere letale. In Honduras, le epidemie stanno diventando sempre più gravi con oltre 10.000 casi di dengue ogni anno, più di 9.200 casi solo nella capitale nel 2023. "Le soglie di emergenza stanno raggiungendo livelli allarmanti e gli attuali metodi di prevenzione non riescono a proteggere le persone dalla dengue", afferma Silvia Dallatomasina, vicedirettore generale di MSF in Messico e America Centrale.

Una soluzione innovativa

Al momento non sono disponibili cure specifiche (alcune ancora in fase sperimentale) e non sono stati ancora prodotti vaccini che garantiscano una protezione efficace contro le infezioni. L'uso di metodi di prevenzione obsoleti ha anche portato le zanzare a diventare resistenti alle tecniche tradizionali e ai pesticidi.

Attraverso questo nuovo metodo sviluppato dal WMP, la Wolbachia viene introdotta in laboratorio nelle uova delle zanzare che una volta diventate adulte vengono rilasciate nelle aree d'intervento per ridurre la diffusione di queste malattie e garantire la trasmissione del batterio anche nelle successive generazioni di zanzare attraverso l'accoppiamento con le specie locali.

Anche se questo batterio vive naturalmente nel 50% degli insetti, incluse alcune zanzare, moscerini della frutta, falene, libellule e farfalle, non è presente in modo naturale nei principali portatori come la zanzara Aedes aegypti. "Quando le zanzare sono portatrici di Wolbachia, questo batterio combatte contro i virus come quello della dengue, rendendone più difficile la riproduzione all'interno delle zanzare". Questo significa che "le zanzare hanno una ridotta capacità di trasmettere il virus da persona riducendo quindi la prevalenza di febbre di Dengue nelle aree in cui Wolbachia si è insediata nelle zanzare locali" spiega Claire Dorion, consulente tecnico di MSF.

Questo metodo è sicuro sia per l'uomo che per l'ambiente ed è stato applicato con successo in più di 12 paesi, come Australia, Brasile, Colombia e Messico, raggiungendo circa 10 milioni di persone. I risultati dimostrano che la trasmissione del virus è significativamente ridotta nelle aree in cui il batterio Wolbachia è mantenuto a un livello elevato nella popolazione locale di zanzare.

Il coinvolgimento degli abitanti

MSF sta lavorando a stretto contatto con le comunità locali per progettare, preparare e implementare tutte le attività che si terranno nei 50 quartieri del distretto sanitario di El Manche'n, dove sono presenti alcuni dei più alti tassi di malattie trasmesse dalle zanzare a Tegucigalpa, capitale dell'Honduras. Le equipe di MSF hanno consultato più di 10.000 membri della comunità della zona prima di iniziare le attività.

Il 97% delle persone intervistate è favorevole al progetto e molte sono attivamente coinvolte nella diffusione delle zanzare. Le zanzare portatrici di Wolbachia saranno rilasciate settimanalmente per un periodo di sei mesi e per i tre anni successivi verranno effettuati dei test sulla popolazione di zanzare per determinare la percentuale di quelle portatrici di Wolbachia.

Nel 2024 ulteriori attività di controllo dei vettori saranno condotte in altre due aree della capitale per ridurre la trasmissione all'interno delle abitazioni. "Il primo obiettivo è ridurre i decessi e le malattie causate dalla dengue e da altri arbovirus. A lungo termine, speriamo che questi nuovi metodi possano diventare soluzioni sostenibili per evitare che le persone soffrano di queste malattie" dichiara la dr.ssa Dallatomasina di MSF.

"Abbiamo visto in prima persona le sfide per l'implementazione di nuove strategie di salute pubblica ma ora e' tempo di cambiare approccio. L'Honduras rappresenta un esempio concreto di come MSF stia adattando la sua risposta alle malattie sensibili ai cambiamenti climatici per rispondere al meglio ai bisogni delle comunità colpite". 

Read 808 times

Utenti Online

Abbiamo 1024 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine