ANNO XVII Dicembre 2023.  Direttore Umberto Calabrese

Venerdì, 20 Ottobre 2023 16:46

Intervista a Antonio Orso “Da avvocato a manager è stato un attimo...poi Sara”

Written by 
Rate this item
(0 votes)
Sara Tommasi e Antonio Orso Sara Tommasi e Antonio Orso

Conosciuto come manager e marito della show-girl Sara Tommasi, Antonio Orso ci racconta il suo primo contatto con la via dello spettacolo. 

Uomo buono, bello, simpatico, amante della buona musica e capace di seguire i suoi personaggi sia sotto l'aspetto artistico sia legale, cosa

non da tutti. Ora ha in programma un film sui “Killer Clowns”, un gruppo da più di 4 miliardi di visualizzazioni su Tik Tok e YouTube.

 

Ciao Antonio, ti conoscono tutti come il marito di Sara Tommasi e come manager, ma ricordiamo che tu hai il titolo non solo di Manager, ma anche di Avvocato.

Si, vero.

 

Cosa ti ha spinto a passare dall'avvocatura alla via dello spettacolo?

Praticamente volevo fare una carriera forense, diritto penale. Ho fatto la mia pratica forense, ho superato tranquillamente l'esame scritto, ma inspiegabilmente all'esame orale sono stato bocciato. In quel momento ho quindi deciso di lasciar perdere subito la strada dell'avvocatura e mi sono impegnato nel master del diritto dello spettacolo.

 

Qual'è stato il primo personaggio dello spettacolo che hai seguito?

E' stata Eva Henger. Qualche anno fa l'ex gieffino George Leonard si era rivolto a me, per delle querele, e tramite lui ho conosciuto direttamente Eva Henger, sempre per delle pratiche legali e manageriali e da li sono partito per la mia strada nello sponsorizzare e seguire personaggi dello spettacolo. Io sono un agente che da anche aiuto legale a 360 gradi, quindi seguo i miei personaggi della televisione nel

firmare contratti di lavoro, ma anche sotto il profilo legale.

 

Poi hai conosciuto Sara Tommasi e...vi siete sposati. Come l'hai conosciuta?

Posso dire che l'essere stato bocciato è stata per me anche una fortuna, perchè se non fossi stato bocciato all'orale di giurisprudenza non so se avrei conosciuto Sara. L'ho incontrata grazie ad un mio amico: Raffaele Riccardi, una persona a cui sarò sempre grato per avermela fatta conoscere di persona.

Era un amico in comune, ma non ci eravamo mai incontrati tutti assieme. Sara collaborava con Raffaele in una trasmissione su TeleTerni e da li è nato il nostro primo incontro. E' successo diciassette anni dopo che l'avevo vista a "Quelli che il calcio"; a quel tempo, vedendola in televisione, dissi ai miei amici: "Io questa ragazza la voglio sposare".

 

Quindi anche Sara è ripartita con te?

Si, dopo che ci siamo incontrati di persona, nel febbraio 2020, abbiamo subito stabilizzato la nostra frequentazione e l'anno dopo ci siamo sposati. Ricordo il nostro matrimonio anche per un motivo ben preciso: ci siamo sposati in Comune ed eravamo nella seconda ondata covid, cosi ci siamo ritrovati solo in otto persone. Stranissimo, ma bellissimo.

 

Cosa ti è piaciuto di Sara al primo incontro?

Il suo sguardo.

 

Vi abbiamo visto alle iene, durante un'intervista, e ti abbiamo visto molto emozionato verso Sara.

Cosa ti emoziona di lei?

La sua dolcezza, femminilità. Devo dire che alle Iene in quel momento volevo dire a Sara tutto quello che ho sofferto per la sua situazione. Poi realizzi il tutto quando sei lucido e quindi ricordare la lotta emotiva fatta in quel periodo è stato emozionante. In questi ultimi tre anni ho visto Sara lottare contro la sua malattia e mi ha colpito tanto. Io le sono andato incontro e lei è venuta incontro a me. E' un ricostruire un puzzle della propria vita piano piano. Non è stata una cosa rose e fiori, ma un percorso bello tosto per tutti e due.

Sara è una grande professionista, lo spettacolo è il suo mondo. E' per questo che ho voluto ritornasse a rimettersi, nei limiti, in gioco. Ora se la può godere con una testa sana e con un modo di pensare più positivo.

 

Quando ti sei trasferito all'estero?

L'estero l'ho conosciuto durante il viaggio di nozze con Sara, dove abbiamo fatto il viaggio più bello della mia vita. Siamo stati a Miami, New York e Las Vegas. E' stato bellissimo. Sara ha vissuto per quattro anni tra New York e Miami, parla bene la lingua e quindi è stato bellissimo. Adesso, da quasi un anno, viviamo a Sharm El Sheikh.

 

Hai nuovi progetti per il tuo lavoro?

Ho in progetto il film dei "Killer Clowns", un gruppo che ha totalizzato più di 4 miliardi di visualizzazioni totali con i loro video Tik Tok e YouTube. Sono stati ospiti anna CNN, in Tv americane, giapponesi. Il progetto partirà a Dicembre e stiamo già lavorando con i vari contratti.

 

Antonio, vuoi salutare qualcuno in particolare?

Sempre Sara.

Ti ringraziamo per la tua disponibilità e ti mandiamo un grosso saluto.

Grazie a tutti voi.

Read 1859 times Last modified on Venerdì, 20 Ottobre 2023 21:15

Utenti Online

Abbiamo 1163 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine