ANNO XVIII Aprile 2024.  Direttore Umberto Calabrese

Mercoledì, 01 Novembre 2023 07:44

Bolivia, Cile e Colombia, è tensione con Israele. Che cosa succede in Sudamerica?

Written by 
Rate this item
(0 votes)
 Il presidente della Bolivia Luis Arce Il presidente della Bolivia Luis Arce

La Paz ha interrotto le relazioni diplomatiche, Santiago del Cile e Bogotà hanno richiamato i loro ambasciatori. Critiche anche dal Venezuela.

Tre paesi sudamericani hanno deciso di prendere provvedimenti contro Israele, un quarto ci sta ancora pensando:la Boliviaha annunciato di aver interrotto le relazioni diplomatiche,il Cile e la Colombia hanno richiamato i loro ambasciatori a Tel Aviv. Il Venezuela,al momento, si è limitato a condannare l'attacco di Tel Aviv al campo profughi di Jabaliya.

Sono i primi effetti, in Sudamerica, del conflitto in corso in Medio Oriente anche se - osservano dal versante israeliano - nessuno di questi Paesi ha evidenziato che la guerra tra Israele e Hamas, oggi al suo 26esimo giorno, è stata innescata dal sanguinoso attacco del movimento islamista palestinese il 7 ottobre dalla Striscia di Gaza (che controlla) uccidendo 1.400 persone, soprattutto civili, e facendo più di 240 ostaggi.

La Bolivia, governata dal presidente di sinistra Luis Arce, è il primo Paese latinoamericano a prendere le distanze dallo Stato ebraico dallo scoppio della guerra, "come segno di rifiuto e condanna dell'aggressiva e sproporzionata offensiva militare israeliana nella Striscia di Gaza", ha dichiarato il viceministro degli Esteri Freddy Mamani in una conferenza stampa.

Il segretario generale della Presidenza, Maria Nela Prada, ha annunciato l'invio di aiuti umanitari alla Striscia di Gaza. "Chiediamo la fine degli attacchi (...) che finora hanno causato migliaia di morti tra i civili e lo sfollamento forzato dei palestinesi", ha aggiunto.  

Per la verità, la Bolivia aveva già interrotto le relazioni diplomatiche con Israele nel 2009. L'intenzione dell'ex presidente di sinistra Evo Morales era quella di protestare contro gli attacchi israeliani nella Striscia di Gaza, anche se La Paz aveva riconosciuto uno Stato palestinese fin dagli anni Ottanta.

I legami diplomatici erano poi stati ristabiliti nel novembre 2019 da un governo provvisorio di destra, prima che Luis Arce, all'epoca candidato di Morales, vincesse le elezioni presidenziali del 2020.

Il governo cileno, invece, ha voluto richiamare il proprio ambasciatore in Israele, Jorge Carvajal, per consultazioni a causa delle "inaccettabili violazioni del diritto internazionale umanitario che Israele ha commesso nella Striscia di Gaza".

"Il Cile condanna fermamente e nota con grande preoccupazione che queste operazioni militari - che in questa fase del loro sviluppo comportano una punizione collettiva della popolazione civile palestinese a Gaza - non rispettano le norme fondamentali del diritto internazionale", ha dichiarato il governo in un comunicato. Il governo cileno ha sottolineato che ciò "è dimostrato dalle oltre ottomila vittime civili, per lo più donne e bambini". Inoltre, il ministero degli Esteri ha ribadito l'appello del Paese sudamericano per la "fine immediata delle ostilità".

A rincarare la dose è stato il presidente del Cile, Gabriel Boric, che ha accusato il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu di "violare apertamente il diritto internazionale" con le azioni dell'esercito contro i civili a Gaza, in particolare con le azioni di ieri quando un bombardamento israeliano ha causato almeno decine di morti in un campo profughi a Jabalia: "420 bambini vengono feriti o uccisi ogni giorno a Gaza dallo Stato di Israele guidato da Netanyahu. Non sono 'danni collaterali' della guerra contro Hamas, ma le sue principali vittime, insieme a civili innocenti, soprattutto donne. Fonte? Il capo dell'UNICEF", ha scritto il leader cileno sui suoi social network.

Come il Cile, anche la Colombia ha annunciato di aver richiamato il proprio ambasciatore in Israele per consultazioni. Il presidente colombiano Gustavo Petro ha accusato lo Stato ebraico di aver compiuto un "massacro" di palestinesi nel corso della guerra a Gaza contro Hamas che il suo Paese non può tollerare. All'inizio del mese, la Colombia ha chiesto che l'ambasciatore israeliano lasciasse Bogotà, dopo che Israele aveva annunciato di voler interrompere le esportazioni di sicurezza verso il Paese sudamericano a seguito delle dichiarazioni di Petro che aveva paragonato le azioni israeliane a Gaza al genocidio degli ebrei da parte della Germania nazista durante la Seconda Guerra Mondiale. AGI

Read 828 times

Utenti Online

Abbiamo 1197 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine