ANNO XVIII Aprile 2024.  Direttore Umberto Calabrese

Giovedì, 09 Novembre 2023 16:14

EFE: María Corina Machado: la mia candidatura è una "sfida al sistema"

Written by 
Rate this item
(0 votes)
María Corina Machado leader dell'opposizione in Venezuela María Corina Machado leader dell'opposizione in Venezuela

La candidata della principale coalizione di opposizione in Venezuela alle elezioni presidenziali del 2024, María Corina Machado, ha assicurato in un'intervista a EFE che la sua aspirazione rappresenta "una sfida al sistema" e una sfida al chavismo, al potere dal 1999, che lei accusa dell'interdizione che gli impedisce di ricoprire uffici pubblici fino al 2030, sanzione, a suo avviso, “inesistente”.

 

Dopo la vittoria alle primarie del 22 ottobre, in cui ha ottenuto il 92,35% dei voti, la liberale è entrata in contatto con "molte cancellerie e governi di tutto il mondo", soprattutto con l'amministrazione statunitense, che assicura di aver concordato con l'Esecutivo di Nicolás Maduro per revocare le squalifiche prima di dicembre.

 

Pertanto, nel rispetto di un negoziato "diretto" tra Washington e Caracas, l'ex deputato ritiene che entro il 30 novembre "dovranno essere già determinati il ​​meccanismo per la qualificazione di qualsiasi candidato alla presidenza e la data entro la quale ciò avverrà". avrà luogo”, uno sblocco in due fasi che il governo insiste non avverrà.

 

La sanzione, emessa dal Comptroller General's Office, è un fatto "inesistente" perché non è stata notificata, sostiene Machado, che vede nella partecipazione di quasi 2,5 milioni di cittadini alle elezioni interne un punto di svolta nella storia politica del Venezuela ., un processo che è stato dichiarato "senza effetti" dalla Giustizia, giorni dopo il suo svolgimento.

 

Alla domanda su quanto sia sicura di potersi iscrivere nel 2024 alle elezioni presidenziali, che si terranno nella seconda metà dell'anno, evita la domanda argomentando che la sua autorizzazione "è avvenuta il 22 ottobre", quando ha ricevuto più di due milioni di voti, che hanno lasciato come "lezione" che l'anti-chavismo deve "avere fiducia nei venezuelani".

 

Si avvicina al chavismo

La vittoria di Machado, che si definisce la contendente meno desiderata della leadership chavista, ha generato un “movimento di forze” nel Paese, anche all'interno del partito di governo, che a suo dire vive “tensioni” e “fratture”. .

 

"Ci sono settori all'interno del chavismo che dicono che il paese vuole un cambiamento politico e che potrebbero addirittura vedere lo scenario di un'elezione presidenziale come un processo di passaggio all'opposizione (...) Penso che stiano ricalcolando la loro posizione perché il Venezuela è senza dubbio diverso", ha affermato.

 

Dopo lo "scisma politico" dei detenuti, ha sottolineato, "ci sono persone (leader del chavismo) che cominciano ad avvicinarsi" a lei, che restano disposte ad "ascoltare", senza smettere di riconoscere le loro differenze "etiche" con alcuni rappresentanti dell'Esecutivo.

 

Pur non avendo mai parlato con il presidente Nicolás Maduro, l'ex deputata è "aperta a qualsiasi tipo di contatto finalizzato a una transizione ordinata che porti giustizia in Venezuela", obiettivo che, per essere raggiunto, deve essere accompagnato - ha chiarito - da" garanzie" per "che provengono da tutti i settori".

 

Negoziazione e migrazione

Come candidata alla presidenza, Machado considera “fondamentale” il suo rapporto con gli Stati Uniti, soprattutto “per il suo ruolo nell’accordo delle Barbados”, alludendo ai negoziati tra il governo e l’opposizione Piattaforma Unitaria Democratica (PUD) che si sono conclusi con la impegno a stabilire garanzie elettorali per il 2024.

 

"La mia posizione è che dobbiamo andare avanti nel rigoroso rispetto di ciò che implicano gli standard per elezioni competitive", ha ribadito.

 

Tra le condizioni ideali per le elezioni presidenziali, ha proseguito, bisogna considerare che ci sono quasi "quattro milioni e mezzo di venezuelani iscritti nelle liste elettorali e che sono fuori", per questo ha inviato messaggi ai leader della regione chiedendo loro "aiuto" per garantire che i venezuelani possano votare l'anno prossimo.

 

A suo avviso, "il compito" è lavorare con "quei governi che ideologicamente, poiché provengono da sinistra, possono essere stati vicini a Maduro", ma che ne denunciano le "violazioni dei diritti umani" e "sono direttamente colpiti dalla questione migratoria", che ammonta a 7,2 milioni di venezuelani, secondo le agenzie delle Nazioni Unite.

 

Sanzioni e investimenti

Riferendosi alla revoca temporanea delle sanzioni statunitensi contro il Venezuela, che aumenterà le casse del governo, ha avvertito che "il denaro incondizionato che daranno a Maduro sarà investito nella repressione".

 

Insiste invece sulla necessità del Paese di allinearsi con i creditori e le compagnie energetiche "a cui bisogna dire, in un contesto di crisi energetica globale," che il Venezuela può "trasformarsi nel centro energetico delle Americhe". soprattutto nel petrolio, di cui possiede le maggiori riserve mondiali.

 

Ciò, ha ribadito, "accadrà solo una volta" che il chavismo lascerà il potere e sarà istituito un robusto "stato di diritto" che proteggerà il suo piano di privatizzazione dell'industria petrolifera e di "apertura di tutti i mercati".

«Abbiamo un Paese ipotecato e saccheggiato (...) dovremo fare investimenti monumentali nelle infrastrutture, nell'istruzione, nella sanità, nelle strade, nelle telecomunicazioni, nella giustizia, nella difesa e nella sovranità. Semplicemente non ci sono soldi per investire anche nello sviluppo di altri settori", ha spiegato.

 

Per raggiungere questo obiettivo, Machado propone la creazione di una "agenzia nazionale per l'energia" che gestisca in modo "ordinato e trasparente" tutti i "processi di gara e di privatizzazione" in modo che "siano assolutamente trasparenti e massimizzino il benessere e l'interesse dei cittadini". nazione". EFE

Read 673 times

Utenti Online

Abbiamo 820 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine